Oggetti provider di hardware

[A partire da Windows 8 e Windows Server 2012, l'interfaccia COM del servizio dischi virtuali viene sostituita dal Windows Archiviazione API Gestione .]

Il modello a oggetti VDS include un set di oggetti per eseguire query e configurare entità del provider hardware. Si noti che, anche se VDS include un provider di software, è necessario acquistare separatamente un provider di hardware e l'hardware associato per sfruttare gli oggetti provider di hardware. Questi oggetti provider di hardware rappresentano dispositivi fisici (ad esempio sottosistemi, unità e controller) e dispositivi virtuali (ad esempio LUN e plex LUN).

Un provider hardware deve creare un oggetto COM per ogni dispositivo fisico o virtuale.

La figura seguente mostra la relazione tra l'oggetto provider e il set di oggetti provider di hardware, nonché la relazione tra i vari oggetti provider di hardware stessi.

Diagramma che illustra la relazione tra 'Provider' e 'Subsystem', 'Controller', 'LUN', 'LUN plex', 'Drive' e 'Spindle'.

Un oggetto provider può contenere un numero qualsiasi di sottosistemi. Tutti i provider di hardware sono in grado di gestire più istanze dello stesso modello di sottosistema. Molti provider di hardware sono anche in grado di gestire più istanze di modelli di sottosistema diversi. Un singolo computer può ospitare un numero qualsiasi di provider di hardware.

Un oggetto sottosistema può contenere un numero qualsiasi di controller e unità e può visualizzare qualsiasi numero di LUN. Un oggetto LUN è costituito da almeno un plex LUN e ogni plex LUN esegue il mapping a una o più unità, a seconda del tipo di plex. Gli oggetti controller possono gestire l'input/output dei dati per un numero qualsiasi di oggetti LUN.

Modello a oggetti VDS