Controllare il comportamento di memorizzazione nella cache con stringhe di query della rete CDN di Azure: livello PremiumControl Azure CDN caching behavior with query strings - premium tier

PanoramicaOverview

La rete per la distribuzione di contenuti (CDN) di Azure consente di controllare la modalità di memorizzazione nella cache dei file per una richiesta Web contenente una stringa di query.With Azure Content Delivery Network (CDN), you can control how files are cached for a web request that contains a query string. In una richiesta Web con una stringa di query, la stringa di query è la parte della richiesta che si verifica dopo un punto di domanda (?).In a web request with a query string, the query string is that portion of the request that occurs after a question mark (?). Una stringa di query può contenere una o più coppie chiave-valore, in cui il nome del campo e il relativo valore sono separati da un segno di uguale (=).A query string can contain one or more key-value pairs, in which the field name and its value are separated by an equals sign (=). Ogni coppia chiave-valore è separata da una e commerciale (&).Each key-value pair is separated by an ampersand (&). Ad esempio, http://www.contoso.com/content.mov?field1=value1&field2=value2.For example, http://www.contoso.com/content.mov?field1=value1&field2=value2. Se è presente più di una coppia chiave-valore in una stringa di query di una richiesta, l'ordine non ha importanza.If there is more than one key-value pair in a query string of a request, their order does not matter.

Importante

I prodotti della rete CDN Standard e Premium forniscono la stessa funzionalità di memorizzazione nella cache delle stringhe di query, ma l'interfaccia utente è diversa. Questo articolo descrive l'interfaccia della rete CDN Premium di Azure fornita da Verizon. Per memorizzare nella cache stringhe di query con prodotti di rete CDN Standard di Azure, vedere Controllare il comportamento di memorizzazione nella cache con stringhe di query della rete CDN di Azure: livello Standard.

Sono disponibili tre modalità di stringa di query:Three query string modes are available:

  • standard-cache: si tratta della modalità predefinita.standard-cache: Default mode. In questa modalità il nodo POP (Point-Of-Presence) della rete CDN passa le stringhe di query dal richiedente al server di origine quando viene eseguita la prima richiesta e memorizza l'asset nella cache.In this mode, the CDN point-of-presence (POP) node passes the query strings from the requestor to the origin server on the first request and caches the asset. Tutte le richieste successive dell'asset gestite dal server POP ignoreranno le stringhe di query finché l'asset memorizzato nella cache non sarà scaduto.All subsequent requests for the asset that are served from the POP server ignore the query strings until the cached asset expires.

    Importante

    Se per un qualsiasi percorso in questo account è abilitata l'autorizzazione basata su token, è possibile usare solo la modalità standard-cache.

  • no-cache: in questa modalità le richieste con stringhe di query non vengono memorizzate nella cache nel nodo POP della rete CDN.no-cache: In this mode, requests with query strings are not cached at the CDN POP node. Il nodo POP recupera l'asset direttamente dal server di origine e lo passa al richiedente a ogni richiesta.The POP node retrieves the asset directly from the origin server and passes it to the requestor with each request.

  • unique-cache: in questa modalità ogni richiesta con URL univoco, compresa la stringa di query, viene considerata un asset univoco con la propria cache.unique-cache: In this mode, each request with a unique URL, including the query string, is treated as a unique asset with its own cache. Ad esempio, la risposta inviata dal server di origine per una richiesta di example.ashx?q=test1 viene memorizzata nella cache nel nodo POP e restituita per le memorizzazioni nella cache successive con la stessa stringa di query.For example, the response from the origin server for a request for example.ashx?q=test1 is cached at the POP node and returned for subsequent caches with the same query string. Una richiesta di example.ashx?q=test2 viene memorizzata nella cache come asset separato con la propria impostazione di durata (TTL).A request for example.ashx?q=test2 is cached as a separate asset with its own time-to-live setting.

    Importante

    Non usare questa modalità quando la stringa di query contiene parametri che vengono modificati con ogni richiesta, ad esempio un ID di sessione o un nome utente, poiché si avrà come risultato una bassa percentuale di riscontri nella cache.

Modifica delle impostazioni di memorizzazione nella cache della stringa di query per i profili premium della rete CDNChanging query string caching settings for premium CDN profiles

  1. Aprire il profilo della rete CDN e quindi fare clic su Manage (Gestisci).Open a CDN profile, then click Manage.

    Pulsante Manage (Gestisci) del profilo di rete CDN

    Si aprirà il portale di gestione della rete CDN.The CDN management portal opens.

  2. Passare il puntatore sulla scheda HTTP Large (HTTP esteso) e quindi passare il puntatore sul menu a comparsa Impostazioni cache.Hover over the HTTP Large tab, then hover over the Cache Settings flyout menu. Fare clic su Comportamento di memorizzazione nella cache della stringa di query.Click Query-String Caching.

    Vengono visualizzate le opzioni di memorizzazione nella cache della stringa di query.Query string caching options are displayed.

    Opzioni della memorizzazione nella cache della stringa di query della rete CDN

  3. Selezionare una modalità della stringa di query e quindi fare clic su Aggiorna.Select a query string mode, then click Update.

Importante

Le modifiche delle impostazioni di memorizzazione nella cache delle stringhe non sono immediatamente visibili perché la propagazione della registrazione nella rete CDN richiede tempo. La propagazione viene in genere completata in 10 minuti.