Monitoraggio e ottimizzazione delle prestazioni

Database SQL di Azure è gestito automaticamente ed è un servizio di dati flessibile che consente di monitorare l'utilizzo, aggiungere o rimuovere facilmente risorse (CPU, memoria, io), trovare indicazioni per migliorare le prestazioni del database o lasciare che il database si adatti al carico di lavoro e ottimizzi automaticamente le prestazioni.

Questo articolo offre una panoramica delle opzioni di monitoraggio e di ottimizzazione delle prestazioni disponibili nel database SQL di Azure.

Se il problema riguardante Azure non è trattato in questo articolo, visitare i forum di Azure su MSDN e Stack Overflow. È possibile pubblicare il problema in questi forum o in @AzureSupport su Twitter. È anche possibile inviare una richiesta di supporto tecnico di Azure. Per inviare una richiesta di supporto tecnico, nella pagina Supporto tecnico di Azure selezionare Supporto.

Monitoraggio e risoluzione dei problemi relativi alle prestazioni del database

Database SQL di Azure consente di monitorare facilmente l'utilizzo del database e di identificare le query che potrebbero causare problemi di prestazioni. È possibile monitorare le prestazioni del database usando le visualizzazioni di sistema o il portale di Azure. Per il monitoraggio e la risoluzione dei problemi di prestazioni del database sono disponibili le opzioni seguenti:

  1. Nel portale di Azure fare clic su Database SQL, selezionare il database e quindi usare il grafico di monitoraggio per identificare le risorse che stanno per raggiungere i valori massimi. L'utilizzo di DTU viene visualizzato per impostazione predefinita. Fare clic su Modifica per modificare l'intervallo di tempo e i valori indicati.
  2. Usare Informazioni dettagliate prestazioni query per identificare le query che consumano la maggior parte delle risorse.
  3. È possibile usare le viste a gestione dinamica (DMV), gli eventi estesi (XEvents) e l'archivio di query in SSMS per ottenere i parametri delle prestazioni in tempo reale.

Vedere l'argomento sulle indicazioni relative alle prestazioni per trovare le tecniche che è possibile usare per migliorare le prestazioni del database SQL di Azure, se si individua un problema durante l'utilizzo di questi report o queste viste.

Importante

È consigliabile usare sempre la versione più aggiornata di Management Studio per restare sincronizzati con gli aggiornamenti di Microsoft Azure e del database SQL. Aggiornare SQL Server Management Studio.

Ottimizzare il database per migliorare le prestazioni

Database SQL di Azure consente di individuare le opportunità per migliorare e ottimizzare le prestazioni delle query senza modificare le risorse esaminando le indicazioni per ottimizzare le prestazioni. Spesso le prestazioni non ottimali del database sono dovute a indici mancanti e query non ottimizzate correttamente. È possibile applicare queste indicazioni per migliorare le prestazioni del carico di lavoro. È anche possibile impostare il database SQL di Azure in modo che ottimizzi automaticamente le prestazioni delle query applicando tutte le indicazioni identificate e verificando l'effettivo miglioramento delle prestazioni del database. È possibile usare le opzioni seguenti per migliorare le prestazioni del database:

  1. Usare Advisor per database SQL per visualizzare le indicazioni per creare e rimuovere indici, parametrizzare le query e correggere i problemi di schema.
  2. Abilitare l'ottimizzazione automatica e consentire al database SQL di Azure di correggere automaticamente i problemi di prestazioni identificati.

Miglioramento delle prestazioni del database con più risorse

Se alla fine non esistono elementi eseguibili che possono migliorare le prestazioni del database, è possibile modificare la quantità di risorse disponibili nel database SQL di Azure. È possibile assegnare più risorse modificando il livello di servizio di un database autonomo o aumentare il numero di eDTU di un pool elastico in qualsiasi momento.

  1. Per i database autonomi, è possibile modificare i livelli di servizio su richiesta per migliorare le prestazioni del database.
  2. Per più database, è consigliabile usare pool elastici per la scalabilità automatica delle risorse.

Ottimizzare ed eseguire il refactoring del codice del database o dell'applicazione

È possibile modificare il codice dell'applicazione per usare il database in modo più ottimale, modificare gli indici, forzare i piani o usare i suggerimenti per adattare manualmente il database al carico di lavoro. Alcuni suggerimenti e indicazioni per l'ottimizzazione manuale e la riscrittura del codice sono disponibili nell'argomento relativo alle indicazioni sulle prestazioni.

Passaggi successivi