Collegare un disco dati gestito a una macchina virtuale Windows nel portale di Azure

Questo articolo illustra come collegare dischi gestiti nuovi a una macchina virtuale Windows tramite il portale di Azure. Prima di procedere, rivedere i suggerimenti seguenti:

  • La dimensione della macchina virtuale controlla il numero di dischi dati che è possibile collegare. Per informazioni dettagliate, vedere Dimensioni delle macchine virtuali.
  • Per un nuovo disco, non è necessario crearlo prima perché Azure lo crea quando lo si collega.

È anche possibile collegare un disco dati usando Powershell.

Aggiungere un disco dati

  1. Nel menu a sinistra fare clic su Macchine virtuali.
  2. Selezionare la macchina virtuale dall'elenco.
  3. Nel pannello Macchine virtuali, fare clic su Dischi.
    1. Nel pannello Dischi fare clic su + Add data disk (+ Aggiungi disco dati).
  4. Nell'elenco a discesa per il nuovo disco, selezionare Crea vuoto....
  5. Nel pannello Crea disco gestito, digitare un nome per il disco e regolare le altre impostazioni in base alle esigenze. Al termine dell'operazione fare clic su Crea.
  6. Nel pannello Dischi, fare clic Salva per salvare la configurazione del nuovo disco della macchina virtuale.
  7. Dopo che Azure crea il disco e lo collega alla macchina virtuale, il nuovo disco viene elencato nella sezione Impostazioni disco della macchina virtuale in Dischi dati.

Inizializzare un nuovo disco dati

  1. Connettersi alla macchina virtuale.
  2. Fare clic sul menu Start della macchina virtuale, digitare diskmgmt.msc e premere Invio. Verrà avviato lo snap-in Gestione disco.
  3. Gestione disco rileva la disponibilità di un nuovo disco non inizializzato e viene visualizzata la finestra Inizializza disco.
  4. Assicurarsi di selezionare il nuovo disco e fare clic su OK per l'inizializzazione.
  5. Il nuovo disco verrà visualizzato come Non allocato. Fare clic sul disco e scegliere Nuovo volume semplice.... Si avvia così la Creazione guidata nuovo volume semplice.
  6. Esaminare la procedura guidata mantenendo tutti i valori predefiniti e al termine scegliere Fine.
  7. Chiudere Gestione disco.
  8. Verrà visualizzata una finestra popup che indica la necessità di formattare il nuovo disco prima di poterlo usare. Fare clic su Formatta disco.
  9. Nella finestra di dialogo Formatta il nuovo disco, controllare le impostazioni, quindi fare clic su Start.
  10. Verrà visualizzato un avviso che la formattazione dei dischi cancella tutti i dati. Fare clic su OK.
  11. Dopo avere completato la formattazione, fare clic su OK.

Usare TRIM con l'archiviazione Standard

Se si usa l'archiviazione Standard (HDD), è consigliabile abilitare TRIM. TRIM ignora i blocchi inutilizzati nel disco facendo in modo che venga addebitato solo lo spazio di archiviazione usato effettivamente. In questo modo è possibile risparmiare sui costi quando si creano file di grandi dimensioni per poi eliminarli.

Per verificare l'impostazione TRIM, è possibile eseguire questo comando. Aprire un prompt dei comandi nella macchina virtuale Windows e digitare:

fsutil behavior query DisableDeleteNotify

Se il comando restituisce 0, l'impostazione TRIM è abilitata correttamente. Se restituisce 1, eseguire questo comando per abilitare TRIM:

fsutil behavior set DisableDeleteNotify 0

Dopo l'eliminazione di dati dal disco è possibile verificare che le operazioni TRIM avvengano correttamente eseguendo la deframmentazione con TRIM:

defrag.exe <volume:> -l

È possibile garantire anche che l'intero volume sia tagliato formattandolo.

Passaggi successivi

Se l'applicazione deve usare l'unità D: per archiviare i dati, è possibile modificare la lettera di unità del disco temporaneo di Windows.