EXECUTE AS (Transact-SQL)

Si applica a:yes SQL Server (tutte le versioni supportate) Yesdatabase SQL di Azure YesIstanza gestita di SQL di Azure yesAzure Synapse Analytics

Imposta il contesto di esecuzione di una sessione.

Per impostazione predefinita, una sessione inizia quando un utente si connette e termina quando l'utente si disconnette. Tutte le operazioni eseguite durante una sessione sono soggette alle verifiche delle autorizzazioni dell'utente connesso. Quando viene eseguita un'istruzione EXECUTE AS, il contesto di esecuzione della sessione viene impostato sull'account di accesso o sul nome utente specificato. In seguito all'impostazione del contesto specifico, le autorizzazioni vengono verificate in base ai token di sicurezza dell'account di accesso e dell'account utente per l'account specifico anziché in base alla persona che ha chiamato l'istruzione EXECUTE AS. In pratica, l'account utente o l'account di accesso viene rappresentato per l'intera durata dell'esecuzione della sessione o del modulo oppure il passaggio di contesto viene ripristinato in modo esplicito.

Topic link iconConvenzioni della sintassi transact-SQL

Sintassi

{ EXEC | EXECUTE } AS <context_specification>  
[;]  
  
<context_specification>::=  
{ LOGIN | USER } = 'name'  
    [ WITH { NO REVERT | COOKIE INTO @varbinary_variable } ]   
| CALLER  

Nota

Per visualizzare la sintassi Transact-SQL per SQL Server 2014 e versioni precedenti, vedere Documentazione delle versioni precedenti.

Argomenti

LOGIN
Si applica a: SQL Server 2008 e versioni successive.

Specifica che il contesto di esecuzione da rappresentare è un account di accesso. L'ambito di rappresentazione è a livello di server.

Nota

Questa opzione non è disponibile in un database indipendente, database SQL di Azure o Azure Synapse Analytics.

USER
Specifica che il contesto da rappresentare è un utente nel database corrente. L'ambito di rappresentazione è limitato al database corrente. Un cambio di contesto a un utente del database non eredita le autorizzazioni a livello di server di tale utente.

Importante

Mentre il cambio di contesto all'utente del database è attivo, qualsiasi tentativo di accesso alle risorse esterne al database comporterà l'esito negativo dell'esecuzione dell'istruzione. Ciò è valido per le istruzioni USE database, le query distribuite e le query che fanno riferimento a un altro database che usa identificatori in tre o quattro parti.

'name' Nome utente o nome account di accesso valido. name deve essere membro del ruolo predefinito del server sysadmin oppure esistere come entità di sicurezza rispettivamente in sys.database_principals o sys.server_principals.

name può essere specificato come variabile locale.

name deve essere un account singleton e non può essere un gruppo, un ruolo, un certificato, una chiave oppure un account predefinito, ad esempio NT AUTHORITY\LocalService, NT AUTHORITY\NetworkService o NT AUTHORITY\LocalSystem.

Per altre informazioni, vedere Specifica di un nome utente o un nome account di accesso di seguito in questo argomento.

NO REVERT
Specifica che non è possibile ripristinare il contesto precedente in seguito a un cambio di contesto. L'opzione NO REVERT può essere usata solo a livello ad hoc.

Per altre informazioni sul ripristino del contesto precedente, vedere REVERT (Transact-SQL).For more information about reverting to the previous context, see REVERT (Transact-SQL).

COOKIE INTO @varbinary_variable
Specifica che è possibile ripristinare il contesto di esecuzione precedente solo se l'istruzione REVERT WITH COOKIE chiamante contiene il valore corretto per @varbinary_variable. Il motore di database passa il cookie a @varbinary_variable. L'opzione COOKIE INTO può essere usata solo a livello ad hoc.

@varbinary_variable è varbinary(8000) .

Nota

Il parametro OUTPUT del cookie è attualmente documentato come varbinary(8000) che rappresenta la lunghezza massima corretta. Tuttavia, l'implementazione corrente restituisce varbinary(100) . Le applicazioni devono riservare varbinary(8000) in modo che siano in grado di funzionare correttamente se le dimensioni restituite del cookie aumentano in una versione successiva.

CALLER
Se utilizzato all'interno di un modulo, specifica che le istruzioni all'interno del modulo vengono eseguite nel contesto del chiamante del modulo. Se utilizzato all'esterno di un modulo, l'istruzione non esegue alcuna azione.

Nota

Questa opzione non è disponibile in Azure Synapse Analytics.

Osservazioni

Il cambio di contesto di esecuzione rimane valido finché non si verifica una delle situazioni seguenti:

  • Viene eseguita un'altra istruzione EXECUTE AS.

  • Viene eseguita un'istruzione REVERT.

  • La sessione viene rimossa.

  • La stored procedure o il trigger in cui è stato eseguito il comando è esistente.

È possibile creare uno stack di contesti di esecuzione eseguendo più volte una chiamata all'istruzione EXECUTE AS in più entità. Quando viene chiamata, l'istruzione REVERT imposta il contesto sull'account di accesso o sull'utente nel successivo livello superiore nello stack di contesti. Per una dimostrazione di questo comportamento, vedere l'esempio A.

Specifica di un nome utente o un nome account di accesso

Il nome utente o di accesso specificato in EXECUTE AS <context_specification> deve esistere come entità rispettivamente in sys.database_principals o sys.server_principals oppure l'istruzione EXECUTE AS ha esito negativo. È inoltre necessario concedere le autorizzazioni IMPERSONATE per l'entità. A meno che il chiamante non sia il proprietario del database o sia membro del ruolo predefinito del server sysadmin, l'entità deve esistere anche quando l'utente accede al database o all'istanza di SQL Server tramite un'appartenenza a un gruppo Windows. Si suppongano ad esempio le condizioni seguenti:

  • Il gruppo CompanyDomain\SQLUsers ha accesso al database Sales.

  • CompanyDomain\SqlUser1 è membro del gruppo SQLUsers e pertanto può implicitamente accedere al database Sales.

Anche se CompanyDomain\SqlUser1 può accedere al database in virtù dell'appartenenza al gruppo SQLUsers, l'istruzione EXECUTE AS USER = 'CompanyDomain\SqlUser1' ha esito negativo in quanto CompanyDomain\SqlUser1 non esiste come entità nel database.

Se l'utente è reso orfano, ovvero se l'accesso associato non esiste più, e non è stato creato con WITHOUT LOGIN, EXECUTE AS avrà esito negativo per tale utente.

Procedura consigliata

Specificare un account di accesso o un utente che disponga almeno dei privilegi necessari per eseguire operazioni nella sessione. Ad esempio, non specificare un nome account di accesso con autorizzazioni a livello di server se sono richieste solo autorizzazioni a livello di database oppure non specificare l'account di un proprietario di database a meno che siano richieste le autorizzazioni corrispondenti.

Attenzione

L'istruzione EXECUTE AS può avere esito positivo purché il motore di database possa risolvere il nome. Se esiste un utente di dominio, Windows potrebbe essere in grado di risolvere l'utente per il motore di database, anche se l'utente Windows non ha accesso a SQL Server. Ciò può causare una condizione in cui un account di accesso senza accesso a SQL Server sembra essere connesso, anche se l'account di accesso rappresentato avrebbe solo le autorizzazioni concesse a pubblico o guest.

Utilizzo di WITH NO REVERT

Se l'istruzione EXECUTE AS include la clausola facoltativa WITH NO REVERT, il contesto di esecuzione di una sessione non può essere ripristinato tramite REVERT oppure tramite l'esecuzione di un'altra istruzione EXECUTE AS. Il contesto impostato dall'istruzione rimane attivo fino a quando la sessione non viene eliminata.

Quando viene specificata la clausola WITH NO REVERT COOKIE = @varbinary_variabl e, il SQL Server motore di database passa il valore del cookie a @varbinary_variabl e. Il contesto di esecuzione impostato da tale istruzione può essere ripristinato solo nel contesto precedente se l'istruzione REVERT WITH COOKIE = @varbinary_variable contiene lo stesso valore @varbinary_variable .

Questa opzione risulta utile in un ambiente in cui vengono utilizzati i pool di connessioni. Tramite i pool di connessioni vengono gestiti i gruppi di connessioni al database in modo che tali connessioni possano essere riutilizzate dalle applicazioni in un server applicazioni. Poiché il valore passato a @varbinary_variable è noto solo al chiamante dell'istruzione EXECUTE AS, il chiamante può garantire che il contesto di esecuzione stabilito non possa essere modificato da altri utenti.

Determinazione dell'account di accesso originale

Usare la funzione ORIGINAL_LOGIN per restituire il nome dell'account di accesso connesso all'istanza di SQL Server. È possibile utilizzare questa funzione per restituire l'identità dell'account di accesso originale in sessioni in cui si verificano numerosi cambi di contesto espliciti o impliciti.

Autorizzazioni

Per specificare l'istruzione EXECUTE AS per un account di accesso, il chiamante deve disporre dell'autorizzazione IMPERSONATE per il nome dell'account di accesso specificato e non gli deve essere negata l'autorizzazione IMPERSONATE ANY LOGIN. Per specificare l'istruzione EXECUTE AS per un utente del database, il chiamante deve disporre delle autorizzazioni IMPERSONATE per il nome utente specificato. Se si specifica EXECUTE AS CALLER, le autorizzazioni IMPERSONATE non sono obbligatorie.

Esempi

R. Utilizzo di EXECUTE AS e REVERT per cambiare contesto

Nell'esempio seguente viene creato uno stack di contesti di esecuzione utilizzando più entità. Viene quindi utilizzata l'istruzione REVERT per ripristinare il contesto di esecuzione al chiamante precedente. L'istruzione REVERT viene eseguita più volte per innalzare di livello lo stack finché il contesto di esecuzione viene impostato sul chiamante originale.

USE AdventureWorks2012;  
GO  
--Create two temporary principals  
CREATE LOGIN login1 WITH PASSWORD = 'J345#$)thb';  
CREATE LOGIN login2 WITH PASSWORD = 'Uor80$23b';  
GO  
CREATE USER user1 FOR LOGIN login1;  
CREATE USER user2 FOR LOGIN login2;  
GO  
--Give IMPERSONATE permissions on user2 to user1  
--so that user1 can successfully set the execution context to user2.  
GRANT IMPERSONATE ON USER:: user2 TO user1;  
GO  
--Display current execution context.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
-- Set the execution context to login1.   
EXECUTE AS LOGIN = 'login1';  
--Verify the execution context is now login1.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
--Login1 sets the execution context to login2.  
EXECUTE AS USER = 'user2';  
--Display current execution context.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
-- The execution context stack now has three principals: the originating caller, login1 and login2.  
--The following REVERT statements will reset the execution context to the previous context.  
REVERT;  
--Display current execution context.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
REVERT;  
--Display current execution context.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
  
--Remove temporary principals.  
DROP LOGIN login1;  
DROP LOGIN login2;  
DROP USER user1;  
DROP USER user2;  
GO  

Nell'esempio seguente viene impostato il contesto di esecuzione di una sessione su un utente specificato e viene specificata la clausola WITH COOKIE INTO @varbinary_variable . Nell'istruzione REVERT è necessario specificare il valore passato alla variabile @cookie nell'istruzione EXECUTE AS per ripristinare correttamente il contesto al chiamante originale. Per eseguire questo esempio, l'account di accesso login1 e l'utente user1 creato nell'esempio A devono esistere.

DECLARE @cookie VARBINARY(8000);  
EXECUTE AS USER = 'user1' WITH COOKIE INTO @cookie;  
-- Store the cookie in a safe location in your application.  
-- Verify the context switch.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
--Display the cookie value.  
SELECT @cookie;  
GO  
-- Use the cookie in the REVERT statement.  
DECLARE @cookie VARBINARY(8000);  
-- Set the cookie value to the one from the SELECT @cookie statement.  
SET @cookie = <value from the SELECT @cookie statement>;  
REVERT WITH COOKIE = @cookie;  
-- Verify the context switch reverted.  
SELECT SUSER_NAME(), USER_NAME();  
GO  

Vedere anche

REVERT (Transact-SQL)
Clausola EXECUTE AS (Transact-SQL)