Ripristinare i dati da un server di Backup di Azure

È possibile usare il server di Backup di Azure per recuperare i dati di un backup in un insieme di credenziali di Servizi di ripristino. Il processo per eseguire l'operazione è integrato nella console di gestione del server di Backup di Azure, quindi è simile al flusso di lavoro di ripristino per gli altri componenti di Backup di Azure.

Nota

Quanto descritto in questo articolo è applicabile anche a System Center Data Protection Manager 2012 R2 con UR7 o versione successiva, combinato con l'agente di Backup di Azure più recente.

Per ripristinare i dati da un server di Backup di Azure:

  1. Dalla scheda Ripristino della console di gestione del server di Backup di Azure, fare clic su "Aggiungi DPM Esterno" (nella parte superiore sinistra della schermata).
    Aggiungi DPM esterno
  2. Scaricare il nuovo insieme di credenziali da quello associato al server di Backup di Azure i cui dati sono in fase di ripristino, scegliere il server di Backup di Azure dall'elenco di server di Backup di Azure registrati con l'insieme delle credenziali per Servizi di ripristino e fornire la passphrase di crittografia associata al server i cui dati sono in fase di ripristino.

    Credenziali DPM esterne

    Nota

    Solo i server di Backup di Azure associati allo stesso insieme di credenziali per la registrazione possono recuperare i dati.

    Dopo aver aggiunto il server di Backup di Azure esterno, è possibile esplorare i dati del server di Backup di Azure esterno e di quello locale dalla scheda Ripristino.

  3. Individuare l'elenco dei server di produzione protetti dal server di Backup di Azure esterno disponibili e selezionare l'origine dati appropriata.

    Cercare nel Server DPM esterno

  4. Selezionare il mese e l'anno dall’elenco a discesa Punti di ripristino, selezionare la Data di ripristino necessaria per quando è stato creato il punto di ripristino, quindi scegliere l'Ora ripristino.

    Viene visualizzato un elenco di file e cartelle nel riquadro inferiore che può essere esplorato e ripristinato in qualsiasi posizione.

    Punti di ripristino del Server DPM esterno

  5. Fare clic con il pulsante destro sulla voce appropriata e fare clic su Ripristino.

    Ripristino DPM esterno

  6. Verificare la Selezione ripristino. Verificare la data e ora della copia di backup da ripristinare, nonché l'origine da cui è stata creata la copia di backup. Se la selezione non è corretta, fare clic su Annulla per tornare alla scheda di ripristino e selezionare un punto di ripristino appropriato. Se la selezione è corretta, fare clic su Avanti.

    Riepilogo del ripristino DPM esterno

  7. Selezionare Ripristina in un percorso alternativo. Cercare la posizione corretta per il ripristino.

    Posizione alternativa del ripristino DPM esterno

  8. Scegliere l'opzione relativa a Crea copia, Ignora o Sovrascrivi.

    • Crea copia: crea una copia del file se si verifica un conflitto di nome.
    • Ignora: se si verifica un conflitto di nome, non recupera il file e lascia il file originale.
    • Sovrascrivi: se si verifica un conflitto di nome, sovrascrive la copia esistente del file.

      Scegliere l'opzione appropriata per Ripristina protezione. È possibile applicare le impostazioni di sicurezza del computer di destinazione in cui i dati vengono ripristinati o le impostazioni di sicurezza che erano applicabili al prodotto nel momento in cui è stato creato il punto di ripristino.

      Identificare se viene inviata una Notifica dopo che il ripristino è stato completato correttamente.

      Notifiche di ripristino DPM esterno

  9. La schermata di Riepilogo elenca le opzioni scelte finora. Quando si fa clic su "Ripristina", i dati vengono ripristinati nel percorso locale appropriato.

    Riepilogo opzioni di ripristino DPM esterno

    Nota

    Il processo di ripristino può essere monitorato nella scheda Monitoraggio del server di Backup di Azure.

    Monitoraggio del ripristino

  10. È possibile fare clic su Deselezionare DPM esterno nella scheda Ripristino del server DPM per rimuovere la visualizzazione del server DPM esterno.

    Deselezionare DPM esterno

Risoluzione dei problemi relativi a messaggi di errore

di serie Messaggio di errore Passaggi per la risoluzione dei problemi
1. Questo server non è registrato nell'insieme di credenziali specificate per le credenziali dell'insieme di credenziali. Causa: questo errore viene visualizzato quando il file di archivio dell'insieme di credenziali selezionato non appartiene a un insieme di credenziali di Servizi di ripristino associato al server di Backup di Azure in cui viene tentato il ripristino.
Risoluzione: scaricare il file di archivio delle credenziali dall'insieme di credenziali di Servizi di ripristino nel quale il server di Backup di Azure è registrato.
2. I dati ripristinabili non sono disponibili o il server selezionato non è un server DPM. Causa: non sono presenti altri server di Backup di Azure registrati per l'insieme di credenziali di Servizi di ripristino, i server non hanno ancora caricato i metadati o il server selezionato non è un server di Backup di Azure (noto come Windows Server o Client di Windows).
Risoluzione: se sono presenti altri server di Backup di Azure registrati per l'insieme di credenziali di Servizi di ripristino, assicurarsi che sia installato l'agente di Backup di Azure più recente.
Se sono presenti altri server di Backup di Azure registrati nell'insieme di credenziali di Servizi di ripristino, attendere un giorno dopo l'installazione per avviare il processo di ripristino. I processi notturni caricheranno i metadati per tutti i backup protetti nel cloud. I dati saranno disponibili per il ripristino.
3. Nessun altro server DPM viene registrato nell'insieme di credenziali. Causa: non ci sono altri server di Backup di Azure registrati nell'insieme di credenziali da cui si sta tentando il ripristino.
Risoluzione: se sono presenti altri server di Backup di Azure registrati per l'insieme di credenziali di Servizi di ripristino, assicurarsi che sia installato l'agente di Backup di Azure più recente.
Se sono presenti altri server di Backup di Azure registrati nell'insieme di credenziali di Servizi di ripristino, attendere un giorno dopo l'installazione per avviare il processo di ripristino. I processi notturni caricano i metadati per tutti i backup protetti nel cloud. I dati saranno disponibili per il ripristino.
4. La passphrase di crittografia fornita non corrisponde alla passphrase associata al server seguente: Causa: la passphrase di crittografia usata nel processo di crittografia dai dati del server di Backup di Azure che è stata ripristinata non corrisponde a quella specificata. L'agente non è in grado di decrittografare i dati. Di conseguenza il ripristino non riesce.
Risoluzione: specificare esattamente la stessa passphrase di crittografia associata al server di Backup di Azure i cui dati sono stati ripristinati.

Domande frequenti

Perché non è possibile aggiungere un server DPM esterno dopo l'installazione di UR7 e dell'agente Azure Backup più recente?

Per i server DPM con le origini dati protette nel cloud (utilizzando un aggiornamento cumulativo precedente al 7), è necessario attendere almeno un giorno dopo l'installazione di UR7 e dell'agente Azure Backup più recente per avviare Aggiungi server DPM esterno. Questo periodo di un giorno è necessario per caricare i metadati dei gruppi protezione DPM in Azure. I metadati dei gruppi protezione dati vengono caricati la prima volta attraverso un processo notturno.

Qual è la versione minima richiesta per l'agente di Servizi di ripristino di Microsoft Azure?

La versione minima dell'agente di Servizi di ripristino di Microsoft Azure o dell'agente di Backup di Azure richiesta per l'abilitazione di questa funzionalità è la 2.0.8719.0. Per visualizzare la versione dell'agente: aprire il pannello di controllo > Tutti gli elementi del Pannello di controllo > Programmi e funzionalità > Agente di servizi di ripristino di Microsoft Azure. Se la versione è minore di 2.0.8719.0, scaricare e installare l'agente Azure Backup più recente.

Deselezionare DPM esterno

Passaggi successivi:

Domande frequenti su Backup di Azure