Effettuare il provisioning di una macchina virtuale Windows di SQL Server nel portale di Azure

In questa esercitazione introduttiva si usa il portale di Azure per creare una macchina virtuale Windows con SQL Server installato.

In questa esercitazione si apprenderà come:

Selezionare un'immagine di VM di SQL dalla raccolta

  1. Accedere al portale di Azure con il proprio account.

    Nota

    Se non si dispone di un account Azure, provare la versione di valutazione gratuita di Azure.

  2. Nel portale di Azure fare clic su Nuovo. Nel portale verrà aperta la finestra Nuovo.

  3. Nella finestra Nuovo fare clic su Calcolo e quindi su Visualizza tutto.

    Finestre Nuovo e Calcolo

  4. Nel campo di ricerca digitare SQL Server 2017 e premere INVIO.

  5. Fare quindi clic sull'icona Filtro.

  6. Nella finestra Filtro selezionare la sottocategoria Basato su Windows e Microsoft come editore. Fare quindi clic su Fatto per filtrare i risultati e ottenere le immagini di SQL Server in Windows pubblicate da Microsoft.

    Finestra per macchine virtuali di Azure

  7. Esaminare le immagini di SQL Server disponibili. Ogni immagine identifica una versione di SQL Server e un sistema operativo.

  8. Selezionare l'immagine denominata Free SQL Server License: SQL Server 2017 Developer on Windows Server 2016 (Licenza gratuita di SQL Server: SQL Server 2017 Developer in Windows Server 2016).

    Suggerimento

    L'edizione per sviluppatori viene usata in questa esercitazione perché è una versione completa di SQL Serve gratuita a scopo di test per lo sviluppo. Si paga solo il costo dell'esecuzione della macchina virtuale. Per questa esercitazione è tuttavia possibile scegliere e usare qualsiasi immagine.

    Suggerimento

    Le immagini VM di SQL includono i costi di licenza per SQL Server nei prezzi al minuto della VM creata (ad eccezione delle versioni Developer ed Express). SQL Server per sviluppatori è gratuito per sviluppo/test (non per la produzione), mentre SQL Express è gratuito per carichi di lavoro leggeri (inferiori a 1 GB di memoria e a 10 GB di archiviazione). Esiste un'altra opzione per Bring Your Own License (BYOL) e il pagamento della sola VM. Tali nomi di immagine hanno il prefisso {BYOL}.

    Per altre informazioni su queste opzioni, vedere Pricing guidance for SQL Server Azure VMs (Guida ai prezzi per le VM di SQL Server in Azure).

  9. In Selezionare un modello di distribuzione assicurarsi che l'opzione Resource Manager sia selezionata. Resource Manager è il modello di distribuzione consigliato per le nuove macchine virtuali.

  10. Fare clic su Crea.

    Creare VM di SQL con Resource Manager

Configurare la VM

Per la configurazione di una macchina virtuale di SQL Server sono disponibili cinque finestre.

Passaggio Descrizione
Nozioni di base Configurare le impostazioni di base
Dimensione Scegliere le dimensioni della macchina virtuale
Impostazioni Configurare le funzionalità facoltative
Impostazioni di SQL Server Configurare le impostazioni di SQL Server
Riepilogo Esaminare il riepilogo

1. Configurare le impostazioni di base

Nella finestra Informazioni di base specificare le informazioni seguenti:

  • Immettere un Nomeunivoco per la macchina virtuale.

  • Selezionare SSD come tipo di disco della macchina virtuale per ottenere prestazioni ottimali.

  • Specificare un Nome utente per l'account amministratore locale nella VM. Questo account viene aggiunto anche al ruolo del server fisso sysadmin di SQL Server.

  • Specificare una Passwordcomplessa.

  • Se sono disponibili più sottoscrizioni, verificare che la sottoscrizione sia corretta per la nuova VM.

  • Nella casella Gruppo di risorse digitare un nome per il nuovo gruppo di risorse. In alternativa fare clic su Usa esistente per usare un gruppo di risorse esistente. Un gruppo di risorse è una raccolta di risorse correlate in Azure, ovvero macchine virtuali, account di archiviazione, reti virtuali e così via.

    Nota

    L'uso di un nuovo gruppo di risorse risulta utile se si stanno solo eseguendo test o se si sta iniziando a usare le distribuzioni di SQL Server in Azure. Dopo aver completato il test, eliminare il gruppo di risorse per eliminare automaticamente la macchina virtuale e tutte le risorse associate a tale gruppo di risorse. Per altre informazioni sui gruppi di risorse, vedere Panoramica di Azure Resource Manager.

  • Selezionare un'opzione in Località per l'area di Azure in cui verrà ospitata la distribuzione.

  • Fare clic su OK per salvare le impostazioni.

    Finestra Informazioni di base per SQL

2. Scegliere le dimensioni della macchina virtuale

Nel passaggio Dimensioni scegliere le dimensioni della macchina virtuale nella finestra Scegli una dimensione. Inizialmente la finestra visualizza le dimensioni della macchina virtuale consigliate in base all'immagine selezionata.

Importante

Il costo mensile stimato visualizzato nella finestra Scegli una dimensione non include i costi di licenza di SQL Server, ma solo il costo della VM. Per le edizioni Express e Developer di SQL Server, si tratta del costo stimato totale. Per altre edizioni, vedere la pagina dei prezzi delle macchine virtuali Windows e selezionare l'edizione di SQL Server di interesse. Vedere anche Pricing guidance for SQL Server Azure VMs (Guida ai prezzi per le VM di SQL Server in Azure).

Opzioni per le dimensioni di VM di SQL

Per i carichi di lavoro di produzione, vedere le dimensioni e la configurazione di VM consigliate in Procedure consigliate per le prestazioni per SQL Server in Macchine virtuali di Azure. Se le dimensioni di VM necessarie non sono elencate, fare clic sul pulsante Visualizza tutto.

Nota

Per altre informazioni sulle dimensioni di macchine virtuali, vedere Dimensioni delle macchine virtuali.

Scegliere le dimensioni della macchina virtuale e quindi fare clic su Seleziona.

3. Configurare le funzionalità facoltative

Nella finestra Impostazioni configurare l'archiviazione di Azure, la rete e il monitoraggio per la macchina virtuale.

  • In Archiviazione selezionare sotto Usa il servizio Managed Disks.

    Nota

    Per SQL Server è consigliabile usare Managed Disks. Managed Disks gestisce automaticamente le risorse di archiviazione. Inoltre, quando le macchine virtuali con Managed Disks sono nello stesso set di disponibilità, Azure distribuisce le risorse di archiviazione in modo da garantire la ridondanza appropriata. Per altre informazioni, vedere Panoramica di Azure Managed Disks. Per informazioni dettagliate sull'uso di Managed Disks in un set di disponibilità, vedere Usare Managed Disks per le macchine virtuali nel set di disponibilità.

  • In Reteè possibile accettare i valori popolati automaticamente. È anche possibile fare clic sulle singole funzionalità per configurare manualmente la Rete virtuale, la Subnet, l'Indirizzo IP pubblico e il Gruppo di sicurezza di rete. Ai fini di questa esercitazione, è possibile mantenere i valori predefiniti.

  • Azure abilita l'opzione Monitoraggio per impostazione predefinita con lo stesso account di archiviazione designato per la VM. Queste impostazioni possono essere modificate qui, se necessario.

  • Per questa esercitazione, in Set di disponibilità è possibile lasciare l'impostazione predefinita nessuno. Se si prevede di impostare i gruppi di disponibilità SQL AlwaysOn, configurare la disponibilità per evitare di ricreare la macchina virtuale. Per altre informazioni, vedere Gestione della disponibilità delle macchine virtuali.

Al termine della configurazione di queste impostazioni, fare clic su OK.

4. Configurare le impostazioni di SQL Server

Nella finestra Impostazioni di SQL Server configurare le impostazioni e le ottimizzazioni specifiche per SQL Server. Le impostazioni che è possibile configurare per SQL Server includono le seguenti:

Impostazione
Connettività
Autenticazione
Configurazione dell'archiviazione
Applicazione automatica delle patch
Backup automatico
Integrazione di Azure Key Vault
SQL Server Machine Learning Services

Connettività

In Connettività SQLspecificare il tipo di accesso da assegnare all'istanza di SQL Server nella VM. Ai fini di questa esercitazione, selezionare Pubblica (Internet) per consentire connessioni a SQL Server da macchine virtuali o servizi su Internet. Se si seleziona questa opzione, Azure configura automaticamente il firewall e il gruppo di sicurezza di rete per consentire il traffico sulla porta 1433.

Opzioni di connettività di SQL

Suggerimento

Per impostazione predefinita, SQL Server è in ascolto su una porta nota, la porta 1433. Per aumentare la sicurezza, modificare la porta nella finestra di dialogo precedente impostando l'ascolto su una porta non predefinita, ad esempio la 1401. In questo caso, è necessario usare tale porta per la connessione da qualsiasi strumento client, ad esempio SSMS.

Per connettersi a SQL Server tramite Internet, è necessario abilitare anche l'Autenticazione di SQL Server, illustrata nella sezione successiva.

Se si preferisce non abilitare le connessioni al motore di database tramite Internet, scegliere una delle opzioni seguenti:

  • Locale (solo all'interno della macchina virtuale) per consentire le connessioni a SQL Server solo dalla VM.
  • Privata (solo all'interno della rete virtuale) per consentire le connessioni a SQL Server da computer o servizi nella stessa rete virtuale.

È in genere possibile migliorare la sicurezza scegliendo la connettività più restrittiva consentita dallo scenario specifico. Tutte le opzioni possono essere comunque protette tramite le regole del gruppo di sicurezza di rete e l'Autenticazione di SQL o Windows. È possibile modificare il gruppo di sicurezza di rete dopo la creazione della VM. Per altre informazioni, vedere Considerazioni relative alla sicurezza per SQL Server in Macchine virtuali di Azure.

Nota

L'immagine della macchina virtuale per SQL Server Express Edition non abilita automaticamente il protocollo TCP/IP. Lo stesso avviene anche per le opzioni di connettività pubblica e privata. Per Express Edition, è necessario usare Gestione configurazione SQL Server per abilitare manualmente il protocollo TCP/IP dopo avere creato la VM.

Autenticazione

Se è necessaria l'autenticazione di SQL Server, fare clic su Abilita under Autenticazione SQL.

Autenticazione di SQL Server

Nota

Se si prevede di accedere a SQL Server tramite Internet, ovvero l'opzione di connettività Pubblica, è necessario abilitare l'autenticazione di SQL in questa area. L'accesso pubblico a SQL Server richiede l'uso dell'autenticazione di SQL.

Se si abilita l'autenticazione di SQL Server, specificare un Nome di accesso e una Password. Questo nome utente viene configurato come account di accesso di Autenticazione di SQL Server e membro del ruolo del server fisso sysadmin . Per altre informazioni sulle modalità di autenticazione, vedere Scegliere una modalità di autenticazione .

Se non si abilita l'autenticazione di SQL Server, è possibile usare l'account amministratore locale nella macchina virtuale per connettersi all'istanza di SQL Server.

Configurazione dell'archiviazione

Fare clic su Configurazione dell'archiviazione per specificare i requisiti di archiviazione.

Configurazione dell'archiviazione SQL

Nota

Se la VM è stata configurata manualmente per usare l'archiviazione Standard, questa opzione non è disponibile. L'ottimizzazione automatica delle risorse di archiviazione è disponibile solo per l'Archiviazione Premium.

Suggerimento

Il numero di cursori e il limite massimo di ogni dispositivo di scorrimento dipendono dalle dimensioni di VM selezionate. Per una VM più grande e potente è possibile aumentare le prestazioni in misura maggiore.

È possibile specificare requisiti come operazioni di I/O al secondo, velocità effettiva in Mbps e dimensioni di archiviazione totali. Configurare questi valori usando i dispositivi di scorrimento. È possibile modificare queste impostazioni di archiviazione in base al carico di lavoro. Il portale calcola automaticamente il numero di dischi da collegare e configurare in base a questi requisiti.

In Ottimizzazione dell'archiviazioneselezionare una delle opzioni seguenti:

  • Generale : è l'impostazione predefinita e supporta la maggior parte dei carichi di lavoro.
  • Elaborazione transazionale : ottimizza l'archiviazione per carichi di lavoro OLTP di database tradizionali.
  • Data warehousing : ottimizza l'archiviazione per i carichi di lavoro di analisi e creazione di report.

Applicazione automatica delle patch

Automated patching è abilitata per impostazione predefinita. Questa opzione consente ad Azure di applicare automaticamente le patch a SQL Server e al sistema operativo. Specificare un giorno della settimana, un'ora e una durata per la finestra di manutenzione. Durante la finestra di manutenzione Azure esegue l'applicazione delle patch. La pianificazione dell'ora, la finestra di manutenzione usa le impostazioni locali della macchina virtuale. Se non si vuole consentire ad Azure di applicare automaticamente le patch per SQL Server e per il sistema operativo, fare clic su Disabilita.

Applicazione automatica delle patch di SQL

Per altre informazioni, vedere Applicazione automatica delle patch per SQL Server nelle macchine virtuali di Azure (Resource Manager).

Backup automatico

Abilitare i backup automatici dei database per tutti i database in Backup automatico. L'opzione Backup automatico è disabilitata per impostazione predefinita.

Quando si abilita il backup automatico di SQL è possibile configurare quanto segue:

  • Periodo di conservazione (giorni) per i backup
  • Account di archiviazione da usare per i backup
  • Opzione di crittografia e password per i backup
  • Backup dei database di sistema
  • Pianificazione dei backup

Per crittografare il backup, fare clic su Abilita. Specificare quindi la Password. Azure crea un certificato per crittografare i backup e usa la password specificata per proteggere il certificato.

Backup automatico di SQL

Per altre informazioni, vedere Backup automatizzato per SQL Server in Macchine virtuali di Azure.

Integrazione dell'insieme di credenziali delle chiavi di Azure

Per archiviare i segreti di sicurezza in Azure per la crittografia, fare clic su Integrazione dell'insieme di credenziali delle chiavi di Azure e quindi su Abilita.

Integrazione dell'insieme di credenziali delle chiavi di Azure per SQL

La tabella seguente include l'elenco dei parametri necessari per configurare l'integrazione dell'insieme di credenziali delle chiavi di Azure.

PARAMETRO Descrizione ESEMPIO
URL dell'insieme di credenziali delle chiavi Percorso dell'insieme di credenziali delle chiavi. https://contosokeyvault.vault.azure.net/
Nome dell'entità Nome dell'entità servizio di Azure Active Directory. È detto anche ID client. fde2b411-33d5-4e11-af04eb07b669ccf2
Segreto dell'entità Nome dell'entità servizio di Azure Active Directory. È detto anche Segreto client. 9VTJSQwzlFepD8XODnzy8n2V01Jd8dAjwm/azF1XDKM=
Nome credenziali Nome della credenziale: l'integrazione di AKV crea una credenziale all'interno di SQL Server, consentendo alla macchina virtuale di avere accesso all'insieme di credenziali delle chiavi. Scegliere un nome per la credenziale. mycred1

Per altre informazioni, vedere Configurare l'integrazione dell'insieme di credenziali delle chiavi di Azure per SQL Server in macchine virtuali di Azure (Resource Manager).

SQL Server Machine Learning Services

È possibile abilitare SQL Server Machine Learning Services. Questo consente di usare l'analisi avanzata con SQL Server 2017. Fare clic su Abilita nella finestra Impostazioni di SQL Server.

Abilitare SQL Server Machine Learning Services

Al termine della configurazione delle impostazioni di SQL Server, fare clic su OK.

5. Esaminare il riepilogo

Nella finestra Riepilogo esaminare le informazioni e fare clic su Acquista per creare l'istanza di SQL Server, il gruppo di risorse e le risorse specificati per questa VM.

È possibile monitorare la distribuzione dal portale di Azure. Il pulsante Notifiche nella parte superiore della schermata mostra lo stato di base della distribuzione.

Nota

Per dare un'idea dei tempi di distribuzione, è stata distribuita una macchina virtuale di SQL nell'area Stati Uniti orientali con le impostazioni predefinite. Il completamento della distribuzione di prova ha richiesto circa 12 minuti. È possibile che i tempi di distribuzione specifici siano minori o maggiori in base all'area in cui ci si trova e alle impostazioni selezionate.

Aprire la VM con Desktop remoto

Seguire questa procedura per connettersi alla macchina virtuale SQL Server con Desktop remoto:

  1. Dopo che la macchina virtuale di Azure è stata creata ed è in esecuzione, fare clic sull'icona di Macchine virtuali nel portale di Azure per visualizzare le VM.

  2. Fare clic sui puntini di sospensione, ..., per la nuova VM.

  3. Fare clic su Connetti.

    Connettersi alla VM nel portale

  4. Aprire il file RDP scaricato dal browser per la VM.

  5. La Connessione Desktop remoto invia una notifica che indica che l'autore della connessione remota non può essere identificato. Fare clic su Connetti per continuare.

  6. Nella finestra di dialogo Sicurezza di Windows fare clic su Usa un account diverso. Potrebbe essere necessario fare clic su Altre opzioni per visualizzare l'opzione. Specificare il nome utente e la password configurati durante la creazione della VM. È necessario aggiungere una barra rovesciata prima del nome utente.

    Autenticazione di Desktop remoto

  7. Fare clic su OK per connettersi.

Dopo essersi connessi alla macchina virtuale di SQL Server, è possibile avviare SQL Server Management Studio e connettersi con l'autenticazione di Windows usando le credenziali di amministratore locale. Se è stata abilitata l'autenticazione di SQL Server, è anche possibile connettersi con l'Autenticazione SQL usando l'account di accesso e la password di SQL configurati durante il provisioning.

L'accesso alla macchina virtuale consente di modificare direttamente le impostazioni di SQL Server in base ai requisiti specifici. Ad esempio, è possibile configurare le impostazioni del firewall o modificare le impostazioni di configurazione di SQL Server.

Abilitare TCP/IP per le edizioni Developer ed Express

Durante il provisioning di una nuova VM di SQL Server, Azure non abilita automaticamente il protocollo TCP/IP per le edizioni Developer ed Express di SQL Server. La procedura seguente illustra come abilitare manualmente TCP/IP per potersi connettere in remoto in base all'indirizzo IP.

Per abilitare il protocollo TCP/IP per le edizioni Developer ed Express di SQL Server, la procedura seguente usa Gestione configurazione SQL Server.

  1. Durante la connessione alla macchina virtuale con Desktop remoto, cercare Gestione configurazione:

    Apertura di SQL Server Management Studio

  2. In Gestione configurazione SQL Server, nel riquadro console espandere Configurazione di rete SQL Server.

  3. Nel riquadro console fare clic su Protocolli per MSSQLSERVER (nome predefinito dell'istanza). Nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse su TCP e quindi scegliere Abilita se l'opzione non è già abilitata.

    Abilitazione del protocollo TCP

  4. Nel riquadro console fare clic su Servizi di SQL Server. Nel riquadro dei dettagli fare clic con il pulsante destro del mouse su SQL Server (nome istanza) e quindi scegliere Riavvia per arrestare e riavviare l'istanza di SQL Server. L'istanza predefinita è SQL Server (MSSQLSERVER).

    Riavvio del motore di database

  5. Chiudere Gestione configurazione SQL Server.

Per ulteriori informazioni su come abilitare i protocolli per il motore di database di SQL Server, vedere Abilitare o disabilitare un protocollo di rete del server.

Connettersi a SQL Server in modalità remota

In questa esercitazione è stato selezionato l'accesso Pubblico per la macchina virtuale ed è stata scelta l'Autenticazione di SQL Server. Queste impostazioni hanno configurato automaticamente la macchina virtuale in modo da consentire connessioni a SQL Server da qualsiasi client su Internet, purché abbiano l'account di accesso SQL corretto.

Nota

Se durante il provisioning non è stata selezionata l'opzione Pubblica, è possibile modificare le impostazioni di connettività di SQL tramite il portale dopo il provisioning. Per altre informazioni, vedere la sezione su come modificare le impostazioni di connettività di SQL.

Le sezioni seguenti illustrano come connettersi all'istanza di SQL Server nella VM da un computer diverso tramite Internet.

Configurare un'etichetta DNS per l'indirizzo IP pubblico

Per connettersi al motore di database di SQL Server da Internet, prendere in considerazione la possibilità di configurare un'etichetta DNS per l'indirizzo IP pubblico. È possibile connettersi tramite l'indirizzo IP, ma l'etichetta DNS crea un record A che è più facile da identificare ed estrae l'indirizzo IP pubblico sottostante.

Nota

Le etichette DNS non sono necessarie se si intende connettersi solo all'istanza di SQL Server presente nella stessa rete virtuale o solo in locale.

Per creare un'etichetta DNS, selezionare prima di tutto Macchine virtuali nel portale. Selezionare la propria macchina virtuale di SQL Server per visualizzarne le proprietà.

  1. Nella panoramica della macchina virtuale selezionare l'indirizzo IP pubblico.

    indirizzo ip pubblico

  2. Nelle proprietà dell'indirizzo IP pubblico espandere Configurazione.

  3. Immettere un nome per l'etichetta DNS. Il nome è un record A che consente di connettersi alla macchina virtuale di SQL Server usando il nome, anziché tramite l'indirizzo IP.

  4. Fare clic sul pulsante Salva .

    etichetta dns

Eseguire la connessione al motore di database da un altro computer

  1. In un computer connesso a Internet aprire SQL Server Management Studio (SSMS). Se SQL Server Management Studio non è installato, è possibile scaricarlo qui.

  2. Nella finestra di dialogo Connetti al server o Connetti al motore di database modificare il valore di Nome server. Immettere l'indirizzo IP o il nome DNS completo della macchina virtuale, determinato nell'attività precedente. È anche possibile aggiungere una virgola e specificare la porta TCP di SQL Server. ad esempio mysqlvmlabel.eastus.cloudapp.azure.com,1433.

  3. Nella casella Autenticazione selezionare Autenticazione di SQL Server.

  4. Nella casella Accesso digitare il nome di un account di accesso SQL valido.

  5. Nella casella Password digitare la password dell'account di accesso.

  6. Fare clic su Connect.

    connessione a ssms

Passaggi successivi

Per altre informazioni sull'uso di SQL Server in Azure, vedere SQL Server in macchine virtuali di Azure e le domande frequenti.