CREATE TABLE (Transact-SQL)

Si applica a: sìSQL Server (tutte le versioni supportate) Sìdatabase SQL di Azure

Crea una nuova tabella in SQL Server e database SQL di Azure.

Nota

Per la sintassi di Azure Synapse Analytics, vedere CREATE TABLE (Azure Synapse Analytics).

Icona di collegamento a un argomento Convenzioni della sintassi Transact-SQL

Sintassi semplice

-- Simple CREATE TABLE Syntax (common if not using options)
CREATE TABLE
    { database_name.schema_name.table_name | schema_name.table_name | table_name }
    ( { <column_definition> } [ ,...n ] )
[ ; ]

Sintassi completa

-- Disk-Based CREATE TABLE Syntax
CREATE TABLE
    { database_name.schema_name.table_name | schema_name.table_name | table_name }
    [ AS FileTable ]
    ( {   <column_definition>
        | <computed_column_definition>
        | <column_set_definition>
        | [ <table_constraint> ] [ ,... n ]
        | [ <table_index> ] }
          [ ,...n ]
          [ PERIOD FOR SYSTEM_TIME ( system_start_time_column_name
             , system_end_time_column_name ) ]
      )
    [ ON { partition_scheme_name ( partition_column_name )
           | filegroup
           | "default" } ]
    [ TEXTIMAGE_ON { filegroup | "default" } ]
    [ FILESTREAM_ON { partition_scheme_name
           | filegroup
           | "default" } ]
    [ WITH ( <table_option> [ ,...n ] ) ]
[ ; ]
  
<column_definition> ::=
column_name <data_type>
    [ FILESTREAM ]
    [ COLLATE collation_name ]
    [ SPARSE ]
    [ MASKED WITH ( FUNCTION = 'mask_function') ]
    [ [ CONSTRAINT constraint_name ] DEFAULT constant_expression ]
    [ IDENTITY [ ( seed , increment ) ]
    [ NOT FOR REPLICATION ]
    [ GENERATED ALWAYS AS { ROW | TRANSACTION_ID | SEQUENCE_NUMBER } { START | END } [ HIDDEN ] ]
    [ NULL | NOT NULL ]
    [ ROWGUIDCOL ]
    [ ENCRYPTED WITH
        ( COLUMN_ENCRYPTION_KEY = key_name ,
          ENCRYPTION_TYPE = { DETERMINISTIC | RANDOMIZED } ,
          ALGORITHM = 'AEAD_AES_256_CBC_HMAC_SHA_256'
        ) ]
    [ <column_constraint> [, ...n ] ]
    [ <column_index> ]
  
<data_type> ::=
[ type_schema_name. ] type_name
    [ ( precision [ , scale ] | max |
        [ { CONTENT | DOCUMENT } ] xml_schema_collection ) ]
  
<column_constraint> ::=
[ CONSTRAINT constraint_name ]
{ 
   { PRIMARY KEY | UNIQUE }
        [ CLUSTERED | NONCLUSTERED ]
        [
            WITH FILLFACTOR = fillfactor
          | WITH ( <index_option> [ , ...n ] )
        ]
        [ ON { partition_scheme_name ( partition_column_name )
            | filegroup | "default" } ]
  
  | [ FOREIGN KEY ]
        REFERENCES [ schema_name. ] referenced_table_name [ ( ref_column ) ]
        [ ON DELETE { NO ACTION | CASCADE | SET NULL | SET DEFAULT } ]
        [ ON UPDATE { NO ACTION | CASCADE | SET NULL | SET DEFAULT } ]
        [ NOT FOR REPLICATION ]
  
  | CHECK [ NOT FOR REPLICATION ] ( logical_expression )
}
  
<column_index> ::=
 INDEX index_name [ CLUSTERED | NONCLUSTERED ]
    [ WITH ( <index_option> [ ,... n ] ) ]
    [ ON { partition_scheme_name (column_name )
         | filegroup_name
         | default
         }
    ]
    [ FILESTREAM_ON { filestream_filegroup_name | partition_scheme_name | "NULL" } ]
  
<computed_column_definition> ::=
column_name AS computed_column_expression
[ PERSISTED [ NOT NULL ] ]
[
    [ CONSTRAINT constraint_name ]
    { PRIMARY KEY | UNIQUE }
        [ CLUSTERED | NONCLUSTERED ]
        [
            WITH FILLFACTOR = fillfactor
          | WITH ( <index_option> [ , ...n ] )
        ]
        [ ON { partition_scheme_name ( partition_column_name )
        | filegroup | "default" } ]
  
    | [ FOREIGN KEY ]
        REFERENCES referenced_table_name [ ( ref_column ) ]
        [ ON DELETE { NO ACTION | CASCADE } ]
        [ ON UPDATE { NO ACTION } ]
        [ NOT FOR REPLICATION ]
  
    | CHECK [ NOT FOR REPLICATION ] ( logical_expression )
]
  
<column_set_definition> ::=
column_set_name XML COLUMN_SET FOR ALL_SPARSE_COLUMNS
  
< table_constraint > ::=
[ CONSTRAINT constraint_name ]
{
    { PRIMARY KEY | UNIQUE }
        [ CLUSTERED | NONCLUSTERED ]
        (column [ ASC | DESC ] [ ,...n ] )
        [
            WITH FILLFACTOR = fillfactor
           | WITH ( <index_option> [ , ...n ] )
        ]
        [ ON { partition_scheme_name (partition_column_name)
            | filegroup | "default" } ]
    | FOREIGN KEY
        ( column [ ,...n ] )
        REFERENCES referenced_table_name [ ( ref_column [ ,...n ] ) ]
        [ ON DELETE { NO ACTION | CASCADE | SET NULL | SET DEFAULT } ]
        [ ON UPDATE { NO ACTION | CASCADE | SET NULL | SET DEFAULT } ]
        [ NOT FOR REPLICATION ]
    | CHECK [ NOT FOR REPLICATION ] ( logical_expression )

< table_index > ::=
{  
    {  
      INDEX index_name  [ UNIQUE ] [ CLUSTERED | NONCLUSTERED ]
         (column_name [ ASC | DESC ] [ ,... n ] )
    | INDEX index_name CLUSTERED COLUMNSTORE
    | INDEX index_name [ NONCLUSTERED ] COLUMNSTORE ( column_name [ ,... n ] )
    }
    [ WITH ( <index_option> [ ,... n ] ) ]
    [ ON { partition_scheme_name ( column_name )
         | filegroup_name
         | default
         }
    ]
    [ FILESTREAM_ON { filestream_filegroup_name | partition_scheme_name | "NULL" } ]
  
}

<table_option> ::=
{  
    [ DATA_COMPRESSION = { NONE | ROW | PAGE }
      [ ON PARTITIONS ( { <partition_number_expression> | <range> }
      [ , ...n ] ) ] ]
    [ FILETABLE_DIRECTORY = <directory_name> ]
    [ FILETABLE_COLLATE_FILENAME = { <collation_name> | database_default } ]
    [ FILETABLE_PRIMARY_KEY_CONSTRAINT_NAME = <constraint_name> ]
    [ FILETABLE_STREAMID_UNIQUE_CONSTRAINT_NAME = <constraint_name> ]
    [ FILETABLE_FULLPATH_UNIQUE_CONSTRAINT_NAME = <constraint_name> ]
    [ SYSTEM_VERSIONING = ON 
        [ ( HISTORY_TABLE = schema_name.history_table_name
          [ , DATA_CONSISTENCY_CHECK = { ON | OFF } ] 
    ) ] 
    ]
    [ REMOTE_DATA_ARCHIVE =
      {
        ON [ ( <table_stretch_options> [,...n] ) ]
        | OFF ( MIGRATION_STATE = PAUSED )
      }
    ]   
    [ DATA_DELETION = ON  
          { ( 
             FILTER_COLUMN = column_name,   
             RETENTION_PERIOD = { INFINITE | number { DAY | DAYS | WEEK | WEEKS 
                              | MONTH | MONTHS | YEAR | YEARS }
        ) }  
    ]
    [ LEDGER = ON [ ( <ledger_option> [,...n ] ) ] 
    | OFF 
    ]
}

<ledger_option>::= 
{
    [ LEDGER_VIEW = schema_name.ledger_view_name  [ ( <ledger_view_option> [,...n ] ) ]
    [ APPEND_ONLY = ON | OFF ]
}

<ledger_view_option>::= 
{
    [ TRANSACTION_ID_COLUMN_NAME = transaction_id_column_name ]
    [ SEQUENCE_NUMBER_COLUMN_NAME = sequence_number_column_name ]
    [ OPERATION_TYPE_COLUMN_NAME = operation_type_id column_name ]
    [ OPERATION_TYPE_DESC_COLUMN_NAME = operation_type_desc_column_name ]
}
  
<table_stretch_options> ::=
{  
    [ FILTER_PREDICATE = { NULL | table_predicate_function } , ]
      MIGRATION_STATE = { OUTBOUND | INBOUND | PAUSED }
 }   
  
<index_option> ::=
{
    PAD_INDEX = { ON | OFF }
  | FILLFACTOR = fillfactor
  | IGNORE_DUP_KEY = { ON | OFF }
  | STATISTICS_NORECOMPUTE = { ON | OFF }
  | STATISTICS_INCREMENTAL = { ON | OFF }
  | ALLOW_ROW_LOCKS = { ON | OFF }
  | ALLOW_PAGE_LOCKS = { ON | OFF }
  | OPTIMIZE_FOR_SEQUENTIAL_KEY = { ON | OFF }
  | COMPRESSION_DELAY= { 0 | delay [ Minutes ] }
  | DATA_COMPRESSION = { NONE | ROW | PAGE | COLUMNSTORE | COLUMNSTORE_ARCHIVE }
       [ ON PARTITIONS ( { partition_number_expression | <range> }
       [ , ...n ] ) ]
}

<range> ::=
<partition_number_expression> TO <partition_number_expression>

Sintassi per la tabella ottimizzata per la memoria

-- Memory optimized CREATE TABLE Syntax
CREATE TABLE
    { database_name.schema_name.table_name | schema_name.table_name | table_name }
    ( { <column_definition>
    | [ <table_constraint> ] [ ,... n ]
    | [ <table_index> ]
      [ ,... n ] }
      [ PERIOD FOR SYSTEM_TIME ( system_start_time_column_name
        , system_end_time_column_name ) ]
)
    [ WITH ( <table_option> [ ,... n ] ) ]
 [ ; ]

<column_definition> ::=
column_name <data_type>
    [ COLLATE collation_name ]
    [ GENERATED ALWAYS AS ROW { START | END } [ HIDDEN ] ]
    [ NULL | NOT NULL ]
[
    [ CONSTRAINT constraint_name ] DEFAULT memory_optimized_constant_expression ]
    | [ IDENTITY [ ( 1, 1 ) ]
]
    [ <column_constraint> ]
    [ <column_index> ]
  
<data_type> ::=
 [type_schema_name. ] type_name [ (precision [ , scale ]) ]

<column_constraint> ::=
 [ CONSTRAINT constraint_name ]
{
  { PRIMARY KEY | UNIQUE }
      { NONCLUSTERED
        | NONCLUSTERED HASH WITH ( BUCKET_COUNT = bucket_count )
      }
  | [ FOREIGN KEY ]
        REFERENCES [ schema_name. ] referenced_table_name [ ( ref_column ) ]
  | CHECK ( logical_expression )
}
  
< table_constraint > ::=
 [ CONSTRAINT constraint_name ]
{
   { PRIMARY KEY | UNIQUE }
     {
       NONCLUSTERED (column [ ASC | DESC ] [ ,... n ])
       | NONCLUSTERED HASH (column [ ,... n ] ) WITH ( BUCKET_COUNT = bucket_count )
                    }
    | FOREIGN KEY
        ( column [ ,...n ] )
        REFERENCES referenced_table_name [ ( ref_column [ ,...n ] ) ]
    | CHECK ( logical_expression )
}

<column_index> ::=
  INDEX index_name
{ [ NONCLUSTERED ] | [ NONCLUSTERED ] HASH WITH ( BUCKET_COUNT = bucket_count ) }

<table_index> ::=
  INDEX index_name
{   [ NONCLUSTERED ] HASH ( column [ ,... n ] ) WITH ( BUCKET_COUNT = bucket_count )
  | [ NONCLUSTERED ] ( column [ ASC | DESC ] [ ,... n ] )
      [ ON filegroup_name | default ]
  | CLUSTERED COLUMNSTORE [ WITH ( COMPRESSION_DELAY = { 0 | delay [ Minutes ] } ) ]
      [ ON filegroup_name | default ]
  
}
  
<table_option> ::=
{  
    MEMORY_OPTIMIZED = ON
  | DURABILITY = { SCHEMA_ONLY | SCHEMA_AND_DATA }
  | SYSTEM_VERSIONING = ON [ ( HISTORY_TABLE = schema_name.history_table_name
        [, DATA_CONSISTENCY_CHECK = { ON | OFF } ] ) ]
  
}

Nota

Per visualizzare la sintassi Transact-SQL per SQL Server 2014 e versioni precedenti, vedere Documentazione delle versioni precedenti.

Argomenti

database_name
Nome del database in cui è viene creata la tabella. database_name deve specificare il nome di un database esistente. Se l'argomento database_name non viene specificato, il valore predefinito è il database corrente. L'account di accesso per la connessione corrente deve essere associato a un ID utente esistente nel database specificato da database_name. Questo ID utente deve avere le autorizzazioni CREATE TABLE.

schema_name
Nome dello schema a cui appartiene la nuova tabella.

table_name
Nome della nuova tabella. I nomi delle tabelle devono essere conformi alle regole per gli identificatori. table_name può essere costituito al massimo da 128 caratteri, ad eccezione dei nomi di tabelle temporanee locali, ovvero i nomi preceduti da un solo simbolo di cancelletto (#), che non possono superare i 116 caratteri.

AS FileTable
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2012 (11.x) ).

Consente di creare la nuova tabella come tabella FileTable. Non è necessario specificare le colonne, perché una tabella FileTable è associata a uno schema fisso. Per altre informazioni, vedere FileTable.

column_name
computed_column_expression
Espressione che definisce il valore di una colonna calcolata. Una colonna calcolata è una colonna virtuale che non viene archiviata fisicamente nella tabella, a meno che non sia contrassegnata come PERSISTED. Questo tipo di colonna viene calcolata in base a un'espressione che utilizza altre colonne nella stessa tabella. La definizione di una colonna calcolata può ad esempio essere costo AS prezzo * quantità. L'espressione può essere un nome di colonna non calcolata, una costante, una funzione, una variabile e qualsiasi combinazione di questi elementi uniti da uno o più operatori. L'espressione non può essere una sottoquery o contenere tipi di dati alias.

È possibile usare le colonne calcolate in elenchi di selezione, clausole WHERE e ORDER BY o in qualsiasi altra posizione in cui è consentito l'utilizzo di espressioni regolari, con le eccezioni seguenti:

  • Le colonne calcolate devono essere contrassegnate come PERSISTED per partecipare a un vincolo CHECK o FOREIGN KEY.

  • È possibile usare una colonna calcolata come colonna chiave di un indice o come parte di un vincolo PRIMARY KEY o UNIQUE, a condizione che il valore della colonna sia definito da un'espressione deterministica e il tipo di dati del risultato sia supportato nelle colonne dell'indice.

    Se, ad esempio, la tabella include le colonne integer a e b, è possibile indicizzare la colonna calcolata a+b, ma non la colonna calcolata a+DATEPART(dd, GETDATE()) , poiché in questo caso il valore può cambiare durante le chiamate successive.

  • Non è possibile usare una colonna calcolata in un'istruzione INSERT o UPDATE.

Nota

Ogni riga di una tabella può includere valori diversi per le colonne correlate a una colonna calcolata. È pertanto possibile che non sia disponibile lo stesso valore per ciascuna riga della colonna calcolata.

In base alle espressioni utilizzate, il supporto dei valori Null per le colonne calcolate viene determinato automaticamente da Motore di database. Si presuppone che il risultato della maggior parte delle espressioni ammetta valori Null anche se sono presenti solo colonne in cui tali valori non sono ammessi, perché anche i possibili underflow oppure overflow generano risultati NULL. Per stabilire se una colonna calcolata in una tabella ammette o meno i valori Null, usare la funzione COLUMNPROPERTYcon la proprietà AllowsNull. Un'espressione che ammette i valori Null può essere convertita in un'espressione in cui tali valori non sono ammessi specificando ISNULL con la costante check_expression, dove la costante è un valore non Null che sostituisce qualsiasi risultato NULL. Per le colonne calcolate basate su espressioni di tipo CLR (Common Language Runtime) definito dall'utente è richiesta l'autorizzazione REFERENCES per il tipo.

PERSISTED
Specifica che Motore di database di SQL Server archivierà fisicamente i valori calcolati nella tabella e aggiornerà i valori in caso di aggiornamento di eventuali altre colonne da cui dipende la colonna calcolata. Quando si contrassegna una colonna calcolata come PERSISTED, è possibile creare un indice deterministico, ma non preciso, in una colonna calcolata. Per altre informazioni, vedere Indici per le colonne calcolate. Le colonne calcolate usate come colonne di partizionamento di una tabella partizionata devono essere contrassegnate come PERSISTED in modo esplicito. Se è specificato PERSISTED, il valore di computed_column_expression deve essere deterministico.

ON { partition_scheme | filegroup | "default" }
Specifica lo schema di partizione o il filegroup in cui la tabella viene archiviata. Se si specifica partition_scheme, la tabella deve essere partizionata e le relative partizioni devono essere archiviate in un set di uno o più filegroup specificati in partition_scheme. Se si specifica filegroup, la tabella viene archiviata nel filegroup indicato. Il filegroup deve essere presente nel database. Se si specifica "default" oppure si omette ON, la tabella viene archiviata nel filegroup predefinito. Il meccanismo di archiviazione di una tabella specificato in CREATE TABLE non può essere modificato in seguito.

È possibile specificare ON {partition_scheme | filegroup | "default" } anche in un vincolo PRIMARY KEY o UNIQUE. Questi vincoli comportano la creazione di indici. Se si specifica filegroup, l'indice viene archiviato nel filegroup indicato. Se si specifica "default" oppure si omette ON, l'indice viene archiviato nello stesso filegroup della tabella. Se il vincolo PRIMARY KEY o UNIQUE crea un indice cluster, le pagine di dati della tabella vengono archiviate nello stesso filegroup dell'indice. Se si specifica CLUSTERED o se il vincolo crea in altro modo un indice cluster e si specifica un valore partition_scheme diverso dal valore partition_scheme o filegroup della definizione della tabella, o viceversa, verrà rispettata solo la definizione del vincolo e gli altri valori verranno ignorati.

Nota

In questo contesto, default non è una parola chiave. Si tratta di un identificatore del filegroup predefinito e deve essere delimitato, ad esempio ON "default" o ON [ default ] . Se si specifica "default" , l'opzione QUOTED_IDENTIFIER deve essere impostata su ON per la sessione corrente. Si tratta dell'impostazione predefinita. Per altre informazioni, vedere SET QUOTED_IDENTIFIER.

Dopo avere creato una tabella partizionata, impostare l'opzione LOCK_ESCALATION per la tabella su AUTO. In questo modo è possibile migliorare la concorrenza consentendo ai blocchi di eseguire l'escalation a livello di partizione (HoBT) anziché di tabella. Per altre informazioni, vedere ALTER TABLE.

TEXTIMAGE_ON { filegroup | "default" }
Indica che le colonne di tipo text, ntext, image, xml, varchar(max), nvarchar(max), varbinary(max) e CLR definito dall'utente (inclusi geometry e geography) vengono archiviate nel filegroup specificato.

La parola chiave TEXTIMAGE_ON non è consentita se la tabella non include colonne con valori di grandi dimensioni. Non è possibile specificare TEXTIMAGE_ON se si specifica partition_scheme. Se si specifica "default" oppure si omette TEXTIMAGE_ON, le colonne con valori di grandi dimensioni vengono archiviate nel filegroup predefinito. Il tipo di archiviazione per i dati di colonne con valori di grandi dimensioni specificato in CREATE TABLE non può essere modificato in seguito.

Nota

I valori varchar(max), nvarchar(max), varbinary(max), xml e i valori di grandi dimensioni definiti dall'utente vengono archiviati direttamente nella riga di dati, con un limite massimo di 8.000 byte e a condizione che le dimensioni del record siano sufficienti per contenere il valore. Se le dimensioni del record non sono sufficienti per il valore, all'interno della riga viene archiviato un puntatore e i dati restanti vengono archiviati all'esterno della riga nello spazio di archiviazione LOB. 0 è il valore predefinito e indica che tutti i valori vengono archiviati direttamente nella riga di dati.

TEXTIMAGE_ON modifica solo la posizione dello "spazio di archiviazione LOB", non influisce quando i dati sono archiviati nella riga. Usare l'opzione large value types out of row di sp_tableoption per archiviare l'intero valore LOB all'esterno della riga.

In questo contesto, default non è una parola chiave, Si tratta di un identificatore del filegroup predefinito e deve essere delimitato, ad esempio TEXTIMAGE_ON "default" o TEXTIMAGE_ON [default]. Se si specifica "default" , l'opzione QUOTED_IDENTIFIER deve essere impostata su ON per la sessione corrente. Si tratta dell'impostazione predefinita. Per altre informazioni, vedere SET QUOTED_IDENTIFIER.

FILESTREAM_ON { partition_scheme_name | filegroup | " default " }
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2008 R2 ). database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure non supportano FILESTREAM .

Specifica il filegroup per i dati FILESTREAM.

Se la tabella è partizionata e contiene dati FILESTREAM, la clausola FILESTREAM_ON deve essere inclusa e deve specificare uno schema di partizione dei filegroup FILESTREAM che utilizzi la stessa funzione e le stesse colonne di partizione dello schema di partizione per la tabella. In caso contrario, verrà generato un errore.

Se la tabella non è partizionata, la colonna FILESTREAM non può essere partizionata. I dati FILESTREAM per la tabella devono essere archiviati in un singolo filegroup, specificato nella clausola FILESTREAM_ON.

Se la tabella non è partizionata e la clausola FILESTREAM_ON non è specificata, viene usato il filegroup FILESTREAM per cui è impostata la proprietà DEFAULT. Se non è presente alcun filegroup FILESTREAM, viene generato un errore.

Analogamente a ON e a TEXTIMAGE_ON, il valore impostato tramite CREATE TABLE per FILESTREAM_ON non può essere modificato, ad eccezione dei casi seguenti:

  • Un'istruzione CREATE INDEX converte un heap in un indice cluster. In questo caso è possibile specificare un filegroup FILESTREAM diverso, uno schema di partizione o NULL.
  • Un'istruzione DROP INDEX converte un indice cluster in un heap. In questo caso è possibile specificare un filegroup FILESTREAM diverso, uno schema di partizione o il valore "default" .

Per il filegroup nella clausola FILESTREAM_ON <filegroup> o per ogni filegroup FILESTREAM denominato nello schema di partizione deve essere presente un file definito per il filegroup. Il file deve essere definito usando un'istruzione CREATE DATABASE o ALTER DATABASE. In caso contrario, viene generato un errore.

Per gli argomenti correlati a FILESTREAM, vedere Dati BLOB (Binary Large Object).

[ type_schema_name . ] type_name
Specifica il tipo di dati della colonna e lo schema a cui appartiene. Per le tabelle basate su disco, il tipo di dati può essere uno dei seguenti:

  • Un tipo di dati di sistema
  • Tipo di alias basato su un tipo di dati di sistema di SQL Server. Per consentirne l'uso in una definizione di tabella, i tipi di dati alias vengono creati con l'istruzione CREATE TYPE. L'assegnazione NULL o NOT NULL per un tipo di dati alias può essere ignorata durante l'esecuzione dell'istruzione CREATE TABLE. Non è tuttavia possibile modificare l'impostazione della lunghezza. In un'istruzione CREATE TABLE non è possibile specificare la lunghezza per un tipo di dati alias.
  • Tipo CLR definito dall'utente. I tipi CLR definiti dall'utente devono essere creati con l'istruzione CREATE TYPE perché possano essere usati in una definizione di tabella. Per creare una colonna con un tipo CLR definito dall'utente, è richiesta l'autorizzazione REFERENCES per il tipo.

Se type_schema_name non viene specificato, il Motore di database di SQL Server fa riferimento a type_name in base all'ordine seguente:

  • Tipo di dati di sistema di SQL Server.
  • Schema predefinito dell'utente corrente nel database corrente.
  • Schema dbo nel database corrente.

Per le tabelle ottimizzate per la memoria, vedere Tipi di dati supportati per OLTP in memoria per un elenco dei tipi di sistema supportati.

Precisione
Precisione del tipo di dati specificato. Per altre informazioni sui valori di precisione validi, vedere Precisione, scala e lunghezza.

Scala
Scala per il tipo di dati specificato. Per altre informazioni sui valori di scala validi, vedere Precisione, scala e lunghezza.

Massimo
Viene applicato solo ai tipi di dati varchar, nvarchar e varbinary per l'archiviazione di 2^31 byte di dati di tipo carattere e binario e 2^30 byte di dati di tipo Unicode.

CONTENT
Specifica che ogni istanza del tipo di dati xml in column_name può contenere più elementi di livello superiore. CONTENT si applica solo al tipo di dati xml e può essere specificato solo se viene specificato anche xml_schema_collection. Se non specificato, CONTENT rappresenta il comportamento predefinito.

DOCUMENT
Specifica che ogni istanza del tipo di dati xml in column_name può contenere solo un elemento di livello superiore. DOCUMENT si applica solo al tipo di dati xml e può essere specificato solo se viene specificato anche xml_schema_collection.

xml_schema_collection
Si applica solo al tipo di dati xml per associare una raccolta di XML Schema al tipo. Per poter digitare una colonna xml in uno schema, è necessario creare lo schema nel database usando CREATE XML SCHEMA COLLECTION.

DEFAULT
Specifica il valore assegnato alla colonna quando non viene specificato un valore in modo esplicito durante un inserimento. È possibile applicare le definizioni DEFAULT a qualsiasi colonna, ad eccezione di quelle definite come timestamp o con la proprietà IDENTITY. Se si specifica un valore predefinito per una colonna di tipo definito dall'utente, il tipo deve supportare la conversione implicita da constant_expression nel tipo definito dall'utente. Le definizioni DEFAULT vengono rimosse quando la tabella viene eliminata. È possibile usare come predefinito solo un valore costante, ad esempio una stringa di caratteri, una funzione scalare (una funzione di sistema, definita dall'utente o CLR) oppure un valore NULL. Per garantire la compatibilità con le versioni precedenti di SQL Server, è possibile assegnare un nome di vincolo a una definizione DEFAULT.

constant_expression
Costante, valore NULL o funzione di sistema utilizzata come valore predefinito della colonna.

memory_optimized_constant_expression
Costante, valore NULL o funzione di sistema utilizzata come valore predefinito della colonna. Deve essere supportata nelle stored procedure compilate in modo nativo. Per altre informazioni sulle funzioni predefinite nelle store procedure compilate in modo nativo, vedere Funzionalità supportate per i moduli T-SQL compilati in modo nativo.

IDENTITY
Indica che la nuova colonna è una colonna Identity. Quando si aggiunge una nuova riga alla tabella, Motore di database assegna un valore univoco e incrementale alla colonna. Le colonne Identity vengono in genere utilizzate in combinazione con vincoli PRIMARY KEY come identificatori di riga univoci per la tabella. La proprietà IDENTITY può essere assegnata a colonne tinyint, smallint, int, bigint, decimal(p,0) o numeric(p,0) . Ogni tabella può includere una sola colonna Identity. Non è consentito associare valori predefiniti e vincoli DEFAULT alle colonne Identity. È necessario specificare sia il valore di inizializzazione, sia l'incremento oppure nessuno dei due. In questo secondo caso, il valore predefinito è (1,1).

Seme
Valore di inizializzazione utilizzato per la prima riga caricata nella tabella.

Aumento
Valore incrementale aggiunto al valore Identity della riga caricata in precedenza.

NOT FOR REPLICATION
Nell'istruzione CREATE TABLE è possibile specificare la clausola NOT FOR REPLICATION per la proprietà IDENTITY, i vincoli FOREIGN KEY e i vincoli CHECK. Se si specifica questa clausola per la proprietà IDENTITY, i valori non vengono incrementati nelle colonne Identity per gli inserimenti eseguiti dagli agenti di replica. Se per un vincolo si specifica questa clausola, il vincolo non viene imposto quando gli agenti di replica eseguono le operazioni di inserimento, aggiornamento o eliminazione.

GENERATO ALWAYS AS { ROW | TRANSACTION_ID | SEQUENCE_NUMBER } { START | END } [ HIDDEN ] [ NOT NULL ]
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Specifica una colonna utilizzata dal sistema per registrare automaticamente le informazioni sulle versioni delle righe nella tabella e nella relativa tabella di cronologia (se la tabella è con controllo delle versioni di sistema e include una tabella di cronologia). Usare questo argomento con il WITH SYSTEM_VERSIONING = ON parametro per creare tabelle con controllo delle versioni di sistema: tabelle temporali o di contabilità generale. Per altre informazioni, vedere Tabelle di contabilità generale aggiornabili e tabelle temporali.

Parametro Tipo di dati richiesto Supporto dei valori Null obbligatori Descrizione
ROW datetime2 INIZIARE: NOT NULL
FINE: NOT NULL
L'ora di inizio per la quale una versione di riga è valida (START) o l'ora di fine per cui è valida una versione di riga (END). Usare questo argomento con PERIOD FOR SYSTEM_TIME l'argomento per creare una tabella temporale.
TRANSACTION_ID bigint INIZIARE: NOT NULL
FINE: NULL
ID della transazione che crea (START) o invalida (END) una versione di riga. Se la tabella è una tabella ledger, l'ID fa riferimento a una riga nella sys.database_ledger_transactions tabella.
Si applica a: database SQL di Azure.
SEQUENCE_NUMBER bigint INIZIARE: NOT NULL
FINE: NULL
Numero di sequenza di un'operazione che crea (START) o elimina (END) una versione di riga. Questo valore è univoco all'interno della transazione.
Si applica a: database SQL di Azure.

Se si tenta di specificare una colonna che non soddisfa i requisiti indicati in precedenza per il tipo di dati o il supporto dei valori Null, il sistema genererà un errore. Se non si specifica in modo esplicito il supporto dei valori Null, il sistema definirà la colonna NULL in base ai requisiti NOT NULL precedenti.

Gli utenti possono contrassegnare una o entrambe le colonne periodo con il flag HIDDEN per nascondere in modo implicito le colonne. In questo modo SELECT *FROM <table> non restituisce un valore per tali colonne. Per impostazione predefinita, le colonne periodo non vengono nascoste. Per poter essere usate, le colonne nascoste devono essere incluse in modo esplicito in tutte le query che fanno direttamente riferimento alla tabella temporale. Per modificare l'attributo HIDDEN per una colonna periodo esistente, è necessario eliminare e ricreare PERIOD con un altro flag nascosto.

INDEX index_name [ CLUSTERED | NONCLUSTERED ] (column_name [ ASC | DESC ] [ ,... n ] )
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2014 (12.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Specifica che deve essere creato un indice per la tabella. Può trattarsi di un indice cluster o un indice non cluster. L'indice conterrà le colonne indicate e i dati in ordine crescente o decrescente.

INDEX index_name CLUSTERED COLUMNSTORE
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2014 (12.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Specifica di archiviare l'intera tabella nel formato a colonne con un indice columnstore cluster. Questo include sempre tutte le colonne nella tabella. I dati non sono riportati in ordine alfabetico o numerico poiché le righe sono organizzate in modo da sfruttare la compressione del columnstore.

INDEX index_name [ NONCLUSTERED ] COLUMNSTORE (column_name [ ,... n ] )
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2014 (12.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Specifica che deve essere creato un indice columnstore non cluster per la tabella. La tabella sottostante può essere un heap rowstore o un indice cluster oppure può essere un indice columnstore cluster. In tutti i casi, la creazione di un indice columnstore non cluster in una tabella consente di archiviare una seconda copia dei dati per le colonne dell'indice.

L'indice columnstore non cluster viene archiviato e gestito come indice columnstore cluster. Viene definito indice columnstore non cluster perché le colonne possono essere limitate e l'indice esiste come indice secondario di una tabella.

ON partition_scheme_name(column_name)
Specifica lo schema di partizione che definisce i filegroup a cui verrà eseguito il mapping delle partizioni di un indice partizionato. È necessario che lo schema di partizione sia presente nel database e sia stato creato eseguendo CREATE PARTITION SCHEME o ALTER PARTITION SCHEME. column_name specifica la colonna in base alla quale verrà eseguita la partizione di un indice partizionato. La colonna deve corrispondere all'argomento della funzione di partizione usata da partition_scheme_name per tipo di dati, lunghezza e precisione. column_name non è limitato alle colonne nella definizione dell'indice. È possibile specificare qualsiasi colonna della tabella di base tranne quando si esegue la partizione di un indice UNIQUE. In questo caso il valore column_name deve essere scelto tra quelli usati come chiave univoca. Questa restrizione consente a Motore di database di verificare l'univocità dei valori di chiave all'interno di una singola partizione.

Nota

Quando si partiziona un indice cluster non univoco, per impostazione predefinita Motore di database aggiunge la colonna di partizionamento all'elenco delle chiavi di indice cluster, se non è già presente. Quando si partiziona un indice non cluster non univoco, Motore di database aggiunge la colonna di partizionamento come colonna non chiave (inclusa) dell'indice, se non è già presente.

Se non si specifica partition_scheme_name o filegroup e la tabella è partizionata, l'indice viene posizionato nello stesso schema di partizione, usando la stessa colonna di partizionamento della tabella sottostante.

Nota

Non è possibile specificare uno schema di partizione per un indice XML. Se la tabella di base è partizionata, l'indice XML utilizzerà lo stesso schema di partizione della tabella.

Per altre informazioni sul partizionamento degli indici, vedere Tabelle e indici partizionati.

ON filegroup_name
Crea l'indice specificato nel filegroup specificato. Se non viene specificata una posizione e la tabella o la vista non è partizionata, l'indice utilizzerà lo stesso filegroup della tabella o della vista sottostante. Il filegroup deve essere già esistente.

ON "default"
Crea l'indice specificato nel filegroup predefinito.

In questo contesto il termine default non rappresenta una parola chiave, Si tratta di un identificatore del filegroup predefinito e deve essere delimitato, ad esempio ON "default" o ON [default] . Se si specifica "default", l'opzione QUOTED_IDENTIFIER deve essere impostata su ON per la sessione corrente. Si tratta dell'impostazione predefinita. Per altre informazioni, vedere SET QUOTED_IDENTIFIER.

[ FILESTREAM_ON { filestream_filegroup_name | partition_scheme_name | "NULL" } ]
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2008 R2 e versioni successive).

Specifica la posizione dei dati FILESTREAM per la tabella quando viene creato un indice cluster. La clausola FILESTREAM_ON consente di spostare i dati FILESTREAM in uno schema di partizione o in un filegroup FILESTREAM diverso.

filestream_filegroup_name è il nome di un filegroup FILESTREAM. Nel filegroup deve essere disponibile un file definito usando un'istruzione CREATE DATABASE o ALTER DATABASE. In caso contrario, viene generato un errore.

Se la tabella è partizionata, la clausola FILESTREAM_ON deve essere inclusa e deve specificare uno schema di partizione dei filegroup FILESTREAM che usi la stessa funzione di partizione e le stesse colonne di partizione dello schema di partizione per la tabella. In caso contrario, viene generato un errore.

Se la tabella non è partizionata, la colonna FILESTREAM non può essere partizionata. I dati FILESTREAM per la tabella devono essere archiviati in un singolo filegroup specificato nella clausola FILESTREAM_ON.

È possibile specificare FILESTREAM_ON NULL in un'istruzione CREATE INDEX se si sta creando un indice cluster e se nella tabella non è contenuta alcuna colonna FILESTREAM.

Per altre informazioni, vedere FILESTREAM.

ROWGUIDCOL
Indica che la nuova colonna è una colonna GUID di riga. È possibile designare come colonna ROWGUIDCOL una sola colonna di tipo uniqueidentifier per ogni tabella. L'applicazione della proprietà ROWGUIDCOL consente di fare riferimento alla colonna usando $ROWGUID. La proprietà ROWGUIDCOL può essere assegnata solo a una colonna uniqueidentifier. Le colonne con tipo di dati definito dall'utente non possono essere designate con ROWGUIDCOL.

La proprietà ROWGUIDCOL non impone l'univocità dei valori archiviati nella colonna e non genera automaticamente valori per le nuove righe inserite nella tabella. Per generare valori univoci per ogni colonna, usare la funzione NEWID o NEWSEQUENTIALID in istruzioni INSERT oppure usare tali funzioni come valore predefinito per la colonna.

ENCRYPTED WITH
Specifica la crittografia di colonne usando la funzionalità Always Encrypted.

COLUMN_ENCRYPTION_KEY = key_name
Specifica la chiave di crittografia della colonna. Per altre informazioni, vedere CREATE COLUMN ENCRYPTION KEY.

ENCRYPTION_TYPE = { DETERMINISTIC | RANDOMIZED }
La crittografia deterministica usa un metodo che genera sempre lo stesso valore crittografato per qualsiasi valore di testo normale specificato. L'uso della crittografia deterministica consente di eseguire operazioni di ricerca usando il confronto di uguaglianza, il raggruppamento e il join di tabelle con join di uguaglianza basati su valori crittografati, ma può anche consentire a utenti non autorizzati di ipotizzare informazioni sui valori crittografati esaminando i criteri nella colonna crittografata. È possibile creare un join di due tabelle nelle colonne crittografate in modo deterministico solo se entrambe le colonne vengono crittografate usando la stessa chiave di crittografia della colonna. La crittografia deterministica deve usare regole di confronto a livello di colonna con un ordinamento binario2 per colonne di tipo carattere.

La crittografia casuale usa un metodo di crittografia dei dati meno prevedibile. La crittografia casuale è più sicura, ma impedisce i calcoli e l'indicizzazione delle colonne crittografate, a meno che l'istanza di SQL Server non supporti Always Encrypted con enclave sicuri. Per informazioni dettagliate, vedere Always Encrypted con enclave sicuri.

Se si usa Always Encrypted (senza enclave sicuri), usare la crittografia deterministica per le colonne in cui verrà eseguita la ricerca con parametri o parametri di raggruppamento, ad esempio un numero ID per gli enti pubblici. Usare la crittografia casuale per i dati, ad esempio il numero di carta di credito, che non sono raggruppati con altri record o usati per il join di tabelle e in cui non vengono eseguite ricerche perché si usano altre colonne, ad esempio un numero di transazione, per trovare la riga che contiene la colonna crittografata che interessa.

Se si usa Always Encrypted con enclave sicuri, la crittografia casuale è il tipo di crittografia consigliato.

Le colonne devono essere di un tipo di dati idoneo.

ALGORITHM
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive).

Deve essere 'AEAD_AES_256_CBC_HMAC_SHA_256' .

Per altre informazioni sui vincoli della funzionalità, vedere Always Encrypted.

SPARSE
Indica che la colonna è di tipo sparse. L'archiviazione delle colonne di tipo sparse è ottimizzata per valori Null. Non è possibile designare le colonne di tipo sparse come NOT NULL. Per altre restrizioni e informazioni relative alle colonne di tipo sparse, vedere Usare le colonne di tipo sparse.

MASKED WITH ( FUNCTION = 'mask_function')
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive).

Specifica una maschera dati dinamica. mask_function è il nome della funzione di maschera con i parametri appropriati. Sono disponibili quattro funzioni:

  • default()
  • email()
  • partial()
  • random()

È richiesta l'autorizzazione ALTER ANY MASK.

Per i parametri di funzione, vedere Mascheramento dati dinamici.

FILESTREAM
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2008 R2 e versioni successive)

Valido solo per le colonne varbinary (max) . Specifica l'archiviazione FILESTREAM per i dati BLOB varbinary(max) .

Nella tabella deve inoltre essere presente una colonna con tipo di dati uniqueidentifier con l'attributo ROWGUIDCOL. Questa colonna non deve consentire valori Null e deve avere un vincolo a colonna singola UNIQUE o PRIMARY KEY. Il valore GUID per la colonna deve essere specificato da un'applicazione al momento dell'inserimento dei dati o da un vincolo DEFAULT che utilizza la funzione NEWID ().

Non è possibile eliminare la colonna ROWGUIDCOL, né modificare i vincoli correlati quando per la tabella è stata definita una colonna FILESTREAM. La colonna ROWGUIDCOL può essere eliminata solo dopo l'eliminazione dell'ultima colonna FILESTREAM.

Quando l'attributo di archiviazione FILESTREAM viene specificato per una colonna, tutti i valori per quella colonna vengono archiviati in un contenitore di dati FILESTREAM nel file system.

COLLATE collation_name
Specifica le regole di confronto per la colonna. È possibile usare nomi di regole di confronto di Windows o SQL. collation_name è applicabile solo alle colonne con tipo di dati char, varchar, text, nchar, nvarchar e ntext. Se non specificato, alla colonna vengono assegnate le regole di confronto del tipo di dati definito dall'utente, se la colonna presenta questo tipo di dati, oppure le regole di confronto predefinite del database.

Per altre informazioni sui nomi delle regole di confronto di Windows e SQL, vedere gli argomenti relativi al nome delle regole di confronto di Windows e al nome delle regole di confronto SQL.

Per altre informazioni, vedere COLLATE.

CONSTRAINT
Parola chiave facoltativa che indica l'inizio di una definizione di vincolo PRIMARY KEY, NOT NULL, UNIQUE, FOREIGN KEY o CHECK.

constraint_name
Nome di un vincolo. I nomi di vincolo devono essere univoci nell'ambito dello schema a cui appartiene la tabella.

NULL | NOT NULL
Indica se i valori NULL sono consentiti nella colonna. L'opzione NULL non è esattamente un vincolo, ma può essere specificata allo stesso modo di NOT NULL. È possibile specificare NOT NULL per le colonne calcolate solo se è specificato PERSISTED.

PRIMARY KEY
Vincolo che impone l'integrità di entità per una o più colonne specificate tramite un indice univoco. È possibile creare un solo vincolo PRIMARY KEY per ogni tabella.

UNIQUE
Vincolo che impone l'integrità di entità per una o più colonne specificate tramite un indice univoco. Una tabella può includere più vincoli UNIQUE.

CLUSTERED | NONCLUSTERED
Definisce la creazione di un indice cluster o non cluster per il vincolo PRIMARY KEY o UNIQUE. Il valore predefinito per i vincoli PRIMARY KEY è CLUSTERED, mentre per i vincoli UNIQUE è NONCLUSTERED.

In un'istruzione CREATE TABLE è possibile specificare CLUSTERED per un solo vincolo. Se si specifica CLUSTERED per un vincolo UNIQUE e si specifica anche un vincolo PRIMARY KEY, il valore predefinito di quest'ultimo è NONCLUSTERED.

FOREIGN KEY REFERENCES
Vincolo che impone l'integrità referenziale dei dati di una o più colonne. È necessario che ogni valore delle colonne sia incluso nelle colonne di riferimento corrispondenti della tabella di riferimento. È possibile fare riferimento a vincoli FOREIGN KEY solo nelle colonne che nella tabella con riferimenti corrispondono a vincoli PRIMARY KEY o UNIQUE e nelle colonne a cui viene fatto riferimento in un indice univoco nella tabella di riferimento. È necessario contrassegnare come PERSISTED anche le chiavi esterne nelle colonne calcolate.

[ _schema _ nome .] referenced_table_name]
Nome della tabella a cui fa riferimento il vincolo FOREIGN KEY e dello schema a cui appartiene.

( ref_column [ ,... n ] )
Colonna o elenco di colonne della tabella a cui fa riferimento il vincolo FOREIGN KEY.

ON DELETE { NO ACTION | CASCADE | SET NULL | SET DEFAULT }
Specifica quale azione eseguire sulle righe nella tabella creata, se tali righe includono una relazione referenziale e se la riga a cui viene fatto riferimento viene eliminata dalla tabella padre. Il valore predefinito è NO ACTION.

NO ACTION
Motore di database genera un errore e viene eseguito il rollback dell'azione di eliminazione della riga nella tabella padre.

CASCADE
Le righe corrispondenti vengono eliminate dalla tabella di riferimento se la riga viene eliminata dalla tabella padre.

SET NULL
Tutti i valori che compongono la chiave esterna vengono impostati su NULL se viene eliminata la riga corrispondente nella tabella padre. Per l'esecuzione di questo vincolo, è necessario che le colonne chiave esterna ammettano valori Null.

SET DEFAULT
Tutti i valori che compongono la chiave esterna vengono impostati sui rispettivi valori predefiniti se viene eliminata la riga corrispondente nella tabella padre. Per l'esecuzione di questo vincolo, è necessario che per tutte le colonne chiave esterna siano definiti valori predefiniti. Se una colonna ammette valori Null e non viene impostato un valore predefinito esplicito, NULL diventa il valore predefinito implicito della colonna.

Non specificare CASCADE se la tabella verrà inclusa in una pubblicazione di tipo merge che utilizza record logici. Per altre informazioni sui record logici, vedere Raggruppare modifiche alle righe correlate con record logici.

Non è possibile definire ON DELETE CASCADE se un trigger INSTEAD OF``ON DELETE esiste già nella tabella.

Nel database , ad AdventureWorks2012 esempio, ProductVendor la tabella ha una relazione referenziale con la Vendor tabella . La chiave esterna ProductVendor.BusinessEntityID fa riferimento alla chiave primaria Vendor.BusinessEntityID.

Se un'istruzione viene eseguita in una riga della tabella e viene specificata un'azione per DELETE Vendor ON DELETE CASCADE ProductVendor.BusinessEntityID, verifica la presenza di una o più righe dipendenti Motore di database nella ProductVendor tabella. Se sono presenti righe dipendenti, vengono eliminate le righe dipendenti della tabella e anche la riga a cui ProductVendor viene fatto riferimento nella Vendor tabella.

Viceversa, se si specifica , genera un errore ed esegue il rollback dell'azione di eliminazione nella riga Vendor se nella tabella è presente almeno una riga NO ACTION Motore di database che vi fa ProductVendor riferimento.

ON UPDATE { NO ACTION | CASCADE \ SET NULL SET DEFAULT | }
Specifica l'azione eseguita nelle righe della tabella modificata se tali righe includono una relazione referenziale e la riga a cui viene fatto riferimento è stata aggiornata nella tabella padre. Il valore predefinito è NO ACTION.

NO ACTION
Motore di database genera un errore e viene eseguito il rollback dell'azione di aggiornamento della riga nella tabella padre.

CASCADE
Le righe corrispondenti vengono aggiornate nella tabella di riferimento quando la riga viene aggiornata nella tabella padre.

SET NULL
Tutti i valori che costituiscono la chiave esterna vengono impostati su NULL quando viene aggiornata la riga corrispondente nella tabella padre. Per l'esecuzione di questo vincolo, è necessario che le colonne chiave esterna ammettano valori Null.

SET DEFAULT
Tutti i valori che costituiscono la chiave esterna vengono impostati sui rispettivi valori predefiniti quando viene aggiornata la riga corrispondente nella tabella padre. Per l'esecuzione di questo vincolo, è necessario che per tutte le colonne chiave esterna siano definiti valori predefiniti. Se una colonna ammette valori Null e non viene impostato un valore predefinito esplicito, NULL diventa il valore predefinito implicito della colonna.

Non specificare CASCADE se la tabella verrà inclusa in una pubblicazione di tipo merge che usa record logici. Per altre informazioni sui record logici, vedere Raggruppare modifiche alle righe correlate con record logici.

Non è possibile definire ON UPDATE CASCADE, SET NULL o SET DEFAULT se esiste già un trigger INSTEAD OF``ON UPDATE nella tabella in corso di modifica.

Ad esempio, nel database la tabella ha una relazione referenziale con la tabella: La chiave esterna ProductVendor.BusinessEntity fa riferimento alla chiave primaria AdventureWorks2012 ProductVendor Vendor Vendor.BusinessEntityID.

Se un'istruzione UPDATE viene eseguita in una riga della tabella e viene specificata un'azione ON UPDATE CASCADE per Vendor ProductVendor.BusinessEntityID, verifica la presenza di una o più righe dipendenti nella Motore di database ProductVendor tabella. Se ne esistono, le righe dipendenti nella tabella vengono aggiornate e anche la riga a cui ProductVendor viene fatto riferimento nella Vendor tabella.

Viceversa, se si specifica NO ACTION, genera un errore ed esegue il rollback dell'azione di aggiornamento nella riga Vendor se nella tabella è presente almeno una riga che Motore di database vi fa ProductVendor riferimento.

CHECK
Vincolo che impone l'integrità di dominio tramite la limitazione dei valori che è possibile inserire in una o più colonne. È necessario contrassegnare come PERSISTED anche i vincoli CHECK nelle colonne calcolate.

logical_expression
Espressione logica che restituisce TRUE o FALSE. L'espressione non può includere tipi di dati alias.

column
Colonna o elenco di colonne, indicate tra parentesi, utilizzate nei vincoli di tabella per indicare le colonne specificate nella definizione del vincolo.

[ ASC | DESC ]
Specifica l'ordinamento della colonna o delle colonne che fanno parte dei vincoli di tabella. Il valore predefinito è ASC.

partition_scheme_name
Nome dello schema di partizione che definisce i filegroup a cui verrà eseguito il mapping delle partizioni di una tabella partizionata. Lo schema di partizione deve essere presente nel database.

[ _partition _ nome _ della colonna . ]
Specifica la colonna in base alla quale verrà partizionata una tabella partizionata. La colonna deve corrispondere a quella specificata nella funzione di partizione usata da partition_scheme_name in termini di tipo di dati, lunghezza e precisione. Una colonna calcolata utilizzata in una funzione di partizione deve essere contrassegnata in modo esplicito come PERSISTED.

Importante

Si consiglia di specificare NOT NULL sulla colonna di partizionamento di tabelle partizionate oppure di tabelle non partizionate che rappresentano origini o destinazioni di operazioni ALTER TABLE...SWITCH. In questo modo, i vincoli CHECK su colonne di partizionamento non devono verificare la presenza di valori Null.

Fillfactor WITH = FILLFACTOR
Specifica la percentuale di riempimento impostata da Motore di database per ogni pagina di indice utilizzata per archiviare i dati dell'indice. I valori per fillfactor specificati dall'utente possono essere compresi tra 1 e 100. Se non viene specificato alcun valore, il valore predefinito è 0. I valori 0 e 100 relativi al fattore di riempimento sono equivalenti.

Importante

WITH FILLFACTOR = fillfactor è documentata come unica opzione di indice per i vincoli PRIMARY KEY o UNIQUE solo per motivi di compatibilità con le versioni precedenti. Non sarà più documentata in questo senso nelle versioni future.

column_set_name XML COLUMN_SET FOR ALL_SPARSE_COLUMNS
Nome del set di colonne. Un set di colonne è una rappresentazione XML non tipizzata che combina tutte le colonne di tipo sparse di una tabella in un output strutturato. Per altre informazioni sui set di colonne, vedere Utilizzare set di colonne.

PERIOD FOR SYSTEM_TIME (system_start_time_column_name , system_end_time_column_name )
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Specifica i nomi delle colonne che il sistema userà per registrare il periodo di validità di un record. Usare questo argomento insieme agli argomenti GENERATED ALWAYS AS ROW { START | END } e per creare una tabella WITH SYSTEM_VERSIONING = ON temporale. Per altre informazioni, vedere Temporal Tables.

COMPRESSION_DELAY
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Se è applicata l'ottimizzazione della memoria, il ritardo indica il numero minimo di minuti in cui una riga deve rimanere nella tabella, invariata, prima di essere idonea per la compressione nell'indice columnstore. SQL Server seleziona le righe specifiche da comprimere in base all'ora dell'ultimo aggiornamento. Se, ad esempio, le righe cambiano frequentemente durante un periodo di due ore, è possibile impostare COMPRESSION_DELAY = 120 Minutes per assicurarsi che gli aggiornamenti vengano completati prima che SQL Server comprima la riga.

Per una tabella basata su disco, il ritardo indica il numero minimo di minuti in cui un rowgroup differenziale deve rimanere nello stato CLOSED nel rowgroup differenziale prima che SQL Server lo comprima nel rowgroup compresso. Poiché le tabelle basate su disco non tengono traccia delle ore di inserimento e aggiornamento per le singole righe, SQL Server applica il ritardo ai rowgroup differenziali nello stato CLOSED.

Il valore predefinito è 0 minuti.

Per indicazioni su quando usare COMPRESSION_DELAY, vedere Introduzione a columnstore per l'analisi operativa in tempo reale

< table_option> ::=
Specifica una o più opzioni per la tabella.

DATA_COMPRESSION
Specifica l'opzione di compressione dei dati per la tabella, il numero di partizione o l'intervallo di partizioni specificato. descritte di seguito:

NONE
La tabella o le partizioni specificate non vengono compresse.

ROW
La tabella o le partizioni specificate vengono compresse utilizzando la compressione di riga.

PAGE
La tabella o le partizioni specificate vengono compresse utilizzando la compressione di pagina.

COLUMNSTORE
SI APPLICA A: SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive e database SQL di Azure.

Si applica solo agli indici columnstore, inclusi gli indici columnstore cluster e quelli non cluster. COLUMNSTORE indica di usare la compressione del columnstore che offre le prestazioni migliori. Questa è la scelta tipica.

COLUMNSTORE_ARCHIVE
Si applica a: SQL Server (SQL Server 2016 (13.x) e versioni successive) e database SQL di Azure.

Si applica solo agli indici columnstore, inclusi gli indici columnstore cluster e quelli non cluster. COLUMNSTORE_ARCHIVE comprimerà ulteriormente la tabella o la partizione a una dimensione inferiore. Può essere utilizzata per l'archiviazione o in altre situazioni in cui sono richieste dimensioni di archiviazione inferiori ed è possibile concedere più tempo per l'archiviazione e il recupero.

Per altre informazioni, vedere Data Compression.

ON PARTITIONS ( { <partition_number_expression> | [ ,... n ] )
Specifica le partizioni alle quali si applica l'impostazione DATA_COMPRESSION. Se la tabella non è partizionata, l'argomento ON PARTITIONS genererà un errore. Se la clausola ON PARTITIONS non viene specificata, l'opzione DATA_COMPRESSION verrà applicata a tutte le partizioni di una tabella partizionata.

È possibile specificare partition_number_expression nei modi seguenti:

  • Specificare il numero di una partizione, ad esempio: ON PARTITIONS (2)
  • Specificare i numeri di partizione per più partizioni singole separati da virgole, ad esempio: ON PARTITIONS (1, 5)
  • Specificare sia intervalli sia singole partizioni, ad esempio: ON PARTITIONS (2, 4, 6 TO 8)

È possibile specificare <range> sotto forma di numeri di partizione separati dalla parola TO, ad esempio: ON PARTITIONS (6 TO 8).

Per impostare tipi diversi di compressione dei dati per partizioni diverse, specificare più volte l'opzione DATA_COMPRESSION, ad esempio:

WITH
(
    DATA_COMPRESSION = NONE ON PARTITIONS (1),
    DATA_COMPRESSION = ROW ON PARTITIONS (2, 4, 6 TO 8),
    DATA_COMPRESSION = PAGE ON PARTITIONS (3, 5)
)

<index_option> ::=
Specifica una o più opzioni per l'indice. Per una descrizione completa di queste opzioni, vedere CREATE INDEX.

PAD_INDEX = { ON | OFF }
Se l'opzione è impostata su ON, la percentuale di spazio disponibile specificata da FILLFACTOR viene applicata alle pagine di livello intermedio dell'indice. Se si specifica OFF o se non si specifica un valore FILLFACTOR, le pagine di livello intermedio vengono riempite quasi fino alla capacità massima, lasciando spazio sufficiente per almeno una riga delle dimensioni massime consentite per l'indice, considerando il set di chiavi nelle pagine intermedie. Il valore predefinito è OFF.

= Fillfactor FILLFACTOR
Specifica una percentuale indicante il livello di riempimento del livello foglia di ogni pagina di indice applicato dal Motore di database durante la creazione o la modifica dell'indice. fillfactor deve essere un valore intero compreso tra 1 e 100. Il valore predefinito è 0. I valori 0 e 100 relativi al fattore di riempimento sono equivalenti.

IGNORE_DUP_KEY = { ON | OFF }
Specifica l'errore restituito quando un'operazione di inserimento tenta di inserire valori di chiave duplicati in un indice univoco. L'opzione IGNORE_DUP_KEY viene applicata solo alle operazioni di inserimento eseguite dopo la creazione o la ricompilazione dell'indice. L'opzione non ha alcun effetto se si esegue CREATE INDEX, ALTER INDEX o UPDATE. Il valore predefinito è OFF.

ON
Viene visualizzato un messaggio di avviso quando i valori di chiave duplicati vengono inseriti in un indice univoco. Avranno esito negativo solo le righe che violano il vincolo di unicità.

OFF
Viene visualizzato un messaggio di errore quando i valori di chiave duplicati vengono inseriti in un indice univoco. Viene eseguito il rollback dell'intera operazione INSERT.

L'opzione IGNORE_DUP_KEY non può essere impostata su ON per gli indici creati in una vista, negli indici non univoci, negli indici XML, spaziali e filtrati.

Per visualizzare IGNORE_DUP_KEY, usare sys.indexes.

Nella sintassi compatibile con le versioni precedenti WITH IGNORE_DUP_KEY equivale a WITH IGNORE_DUP_KEY = ON.

STATISTICS_NORECOMPUTE = { ON | OFF }
Se si specifica ON, le statistiche dell'indice non aggiornate non vengono ricalcolate automaticamente. Se si specifica OFF, viene abilitato l'aggiornamento automatico delle statistiche. Il valore predefinito è OFF.

ALLOW_ROW_LOCKS = { ON | OFF }
Se si specifica ON, sono consentiti blocchi di riga per l'accesso all'indice. Il Motore di database determina quando usare blocchi di riga. Se si specifica OFF, i blocchi a livello di riga non vengono utilizzati. Il valore predefinito è ON.

ALLOW_PAGE_LOCKS = { ON | OFF }
Se si specifica ON, sono consentiti blocchi di pagina per l'accesso all'indice. Il Motore di database determina quando utilizzare blocchi a livello di pagina. Se si specifica OFF, i blocchi a livello di pagina non vengono utilizzati. Il valore predefinito è ON.

OPTIMIZE_FOR_SEQUENTIAL_KEY = { ON | OFF }
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2019 (15.x) partire da ), database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure .
Specifica se eseguire o meno l'ottimizzazione per la contesa di inserimento dell'ultima pagina. Il valore predefinito è OFF. Per altre informazioni, vedere le sezione Chiavi sequenziali della pagina CREATE INDEX.

FILETABLE_DIRECTORY = directory_name
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2012 (11.x) ).

Specifica un nome di directory FileTable compatibile con Windows. Questo nome deve essere univoco tra tutti i nomi di directory FileTable nel database. Il confronto di univocità non supporta la distinzione tra maiuscole e minuscole, indipendentemente dalle impostazioni delle regole di confronto. Se questo valore non è specificato, viene utilizzato il nome della tabella FileTable.

FILETABLE_COLLATE_FILENAME = { collation_name | database_default }
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2012 (11.x) ). database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure non supportano FILETABLE .

Specifica il nome delle regole di confronto da applicare alla colonna Name della tabella FileTable. Nelle regole di confronto specificate non deve essere applicata la distinzione tra maiuscole e minuscole ai fini della conformità con la semantica di denominazione dei file dei sistemi operativi Windows. Se questo valore non è specificato, vengono utilizzate le regole di confronto predefinite del database. Se nelle regole di confronto predefinite del database viene applicata la distinzione tra maiuscole e minuscole, viene generato un errore e l'operazione CREATE TABLE non riesce.

collation_name
Nome delle regole di confronto senza distinzione tra maiuscole e minuscole.

database_default
Viene specificato che è necessario usare le regole di confronto predefinite per il database. Nelle regole di confronto non deve essere applicata la distinzione tra maiuscole e minuscole.

FILETABLE_PRIMARY_KEY_CONSTRAINT_NAME = constraint_name
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2012 (11.x) ). database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure non supportano FILETABLE .

Viene specificato il nome da usare per il vincolo di chiave primaria che viene creato automaticamente nella tabella FileTable. Se questo valore non è specificato, tramite il sistema viene generato un nome per il vincolo.

FILETABLE_STREAMID_UNIQUE_CONSTRAINT_NAME = constraint_name si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2012 (11.x) ). database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure non supportano FILETABLE .

Specifica il nome da usare per il vincolo univoco che viene creato automaticamente nella colonna stream_id di FileTable. Se questo valore non è specificato, tramite il sistema viene generato un nome per il vincolo.

FILETABLE_FULLPATH_UNIQUE_CONSTRAINT_NAME = constraint_name si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2012 (11.x) ). database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure non supportano FILETABLE .

Specifica il nome da usare per il vincolo univoco che viene creato automaticamente per le colonne parent_path_locator e name di FileTable. Se questo valore non è specificato, tramite il sistema viene generato un nome per il vincolo.

SYSTEM_VERSIONING ON = [ ( HISTORY_TABLE = schema_name .history_table_name [, DATA_CONSISTENCY_CHECK = { ON | OFF } ] ) ] Si applica a: SQL Server (a partire da ), e SQL Server 2016 (13.x) database SQL di Azure Istanza gestita di SQL di Azure .

Abilita il controllo delle versioni di sistema della tabella se vengono soddisfatti i requisiti relativi a tipo di dati, vincolo di chiave primaria e vincolo per il supporto dei valori Null. Il sistema registrerà la cronologia di ogni record nella tabella con controllo delle versioni di sistema in una tabella di cronologia separata. Se HISTORY_TABLE l'argomento non viene usato, il nome di questa tabella di cronologia sarà MSSQL_TemporalHistoryFor<primary_table_object_id> . Se durante la creazione della tabella di cronologia viene specificato il nome di una tabella di cronologia, è necessario specificare il nome tabella e il nome schema. Se la tabella di cronologia non esiste, il sistema genera una nuova tabella di cronologia corrispondente allo schema della tabella corrente nello stesso filegroup della tabella corrente, creando un collegamento tra le due tabelle e consente al sistema di registrare la cronologia di ogni record nella tabella corrente nella tabella di cronologia. Per impostazione predefinita, la tabella di cronologia è PAGE compresso. Se si usa l'argomento HISTORY_TABLE per creare un collegamento e usare una tabella di cronologia esistente, il collegamento viene creato tra la tabella corrente e la tabella specificata. Se la tabella corrente è partizionata, la tabella di cronologia viene creata nel filegroup predefinito perché la configurazione del partizionamento non viene replicata automaticamente dalla tabella corrente nella tabella di cronologia. Quando si crea un collegamento a una tabella di cronologia esistente, è possibile scegliere di eseguire una verifica della coerenza dei dati. La coerenza dei dati viene controllata per garantire che i record esistenti non si sovrappongano. L'impostazione predefinita prevede l'esecuzione della verifica della coerenza dei dati. Usare questo argomento in combinazione con gli argomenti PERIOD FOR SYSTEM_TIME e GENERATED ALWAYS AS ROW { START | END } per abilitare il controllo delle versioni di sistema per una tabella. Per altre informazioni, vedere Temporal Tables. Usare questo argomento con WITH LEDGER = ON l'argomento per creare una tabella del libro mastro aggiornabile. L'uso di tabelle di cronologia esistenti con tabelle del libro mastro non è consentito.

REMOTE_DATA_ARCHIVE = { ON [ ( table_stretch_options [,...n] ) ] | OFF ( MIGRATION_STATE = PAUSED ) }
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2016 (13.x) ).

Crea la nuova tabella con Stretch Database abilitato o disabilitato. Per ulteriori informazioni, vedere Stretch Database.

Abilitazione di Stretch Database per una tabella

Quando si abilita Stretch per una tabella specificando ON, se necessario, è possibile specificare MIGRATION_STATE = OUTBOUND per iniziare subito la migrazione dei dati o MIGRATION_STATE = PAUSED per posticiparla. Il valore predefinito è MIGRATION_STATE = OUTBOUND. Per altre informazioni sull'abilitazione di Stretch per una tabella, vedere Abilitare Stretch Database per una tabella.

Prerequisiti. Prima di abilitare Stretch per una tabella, è necessario abilitare la funzionalità nel server e nel database. Per ulteriori informazioni, vedere Enable Stretch Database for a database.

Autorizzazioni. L'abilitazione di Stretch per un database o una tabella richiede autorizzazioni db_owner. L'abilitazione di Stretch per una tabella richiede anche autorizzazioni ALTER per la tabella.

[ FILTER_PREDICATE = { NULL | predicate } ]
Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2016 (13.x) ).

Specifica facoltativamente un predicato di filtro per selezionare le righe di cui eseguire la migrazione da una tabella che contiene sia dati cronologici sia dati correnti. Il predicato deve eseguire la chiamata a una funzione inline con valori di tabella. Per altre informazioni, vedere Abilitare Stretch Database per una tabella e Selezionare le righe di cui eseguire la migrazione tramite una funzione di filtro.

Importante

Se si specifica un predicato del filtro inefficace, anche la migrazione dei dati risulterà inefficace. Stretch Database applica il predicato del filtro alla tabella usando l'operatore CROSS APPLY.

Se non si specifica un predicato del filtro, viene eseguita la migrazione dell'intera tabella.

Quando si specifica un predicato di filtro, è necessario specificare anche MIGRATION_STATE.

MIGRATION_STATE = { OUTBOUND | INBOUND | PAUSED }
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2016 (13.x) partire da ), database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure .

[ DATA_DELETION = ON
{ ( FILTER_COLUMN = column_name,
RETENTION_PERIOD = { INFINITE | number { DAY | GIORNI | Settimana | Settimane | MESE | MESI | ANNO | YEARS } ) } ] Si applica a: Solo Azure SQL Edge

Abilita la pulizia basata sui criteri di conservazione dei dati non recenti o obsoleti dalle tabelle all'interno di un database. Per altre informazioni, vedere Abilitare e disabilitare la conservazione dei dati. Per abilitare la conservazione dei dati, è necessario specificare i parametri seguenti.

  • FILTER_COLUMN = { column_name }
    Specifica la colonna che deve essere utilizzata per determinare se le righe nella tabella sono obsolete o meno. Per la colonna di filtro sono consentiti i tipi di dati seguenti.

    • Data
    • Datetime
    • DateTime2
    • SmallDateTime
    • DateTimeOffset
  • RETENTION_PERIOD = { INFINITE | number {DAY | DAYS | WEEK | WEEKS | MONTH | MONTHS | YEAR | YEARS }}
    Specifica i criteri del periodo di conservazione per la tabella. Il periodo di conservazione viene specificato come combinazione di un valore intero positivo e dell'unità della parte della data.

MEMORY_OPTIMIZED
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2014 (12.x) partire da ), database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure . Istanza gestita di SQL di Azure non supporta le tabelle ottimizzate per la memoria per utilizzo generico livello.

Il valore ON indica che la tabella è ottimizzata per la memoria. Le tabelle ottimizzate per la memoria fanno parte della funzionalità OLTP in memoria, che viene usata ottimizzare le prestazioni dell'elaborazione delle transazioni. Per un'introduzione a OLTP in memoria, vedere Avvio rapido 1: Tecnologie OLTP in memoria per migliorare le prestazioni di Transact-SQL. Per informazioni più dettagliate sulle tabelle ottimizzate per la memoria, vedere Tabelle con ottimizzazione per la memoria.

Il valore predefinito OFF indica che la tabella è basata su disco.

DURABILITY
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2014 (12.x) partire da ), database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure .

Il valore di SCHEMA_AND_DATA indica che la tabella è durevole, ovvero le modifiche sono persistenti sul disco e restano valide anche dopo il riavvio o il failover. SCHEMA_AND_DATA è il valore predefinito.

Il valore di SCHEMA_ONLY indica che la tabella non è durevole. Lo schema delle tabelle è persistente, ma tutti gli aggiornamenti dei dati non sono persistenti al riavvio o failover del database. L'opzione DURABILITY = SCHEMA_ONLY è consentita solo con MEMORY_OPTIMIZED = ON.

Avviso

Quando si crea una tabella con DURABILITY = SCHEMA_ONLY, e successivamente si modifica READ_COMMITTED_SNAPSHOT usando ALTER DATABASE, i dati della tabella andranno perduti.

BUCKET_COUNT
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2014 (12.x) partire da , database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure .

Indica il numero di bucket che deve essere creato nell'indice hash. Il valore massimo per BUCKET_COUNT in indici hash è 1.073.741.824. Per altre informazioni sui numeri di bucket, vedere Indici in tabelle con ottimizzazione per la memoria.

Bucket_count è un argomento obbligatorio.

INDEX
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2014 (12.x) partire da ), database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure .

Gli indici di tabella e di colonna possono essere specificati come parte dell'istruzione CREATE TABLE. Per informazioni dettagliate sull'aggiunta e la rimozione di indici in tabelle ottimizzate per la memoria, vedere Modifica di Memory-Optimized tabelle

HASH
Si applica a : SQL Server (a SQL Server 2014 (12.x) partire da ), database SQL di Azure e Istanza gestita di SQL di Azure .

Indica che viene creato un indice HASH.

Gli indici hash sono supportati solo nelle tabelle ottimizzate per la memoria.

LEDGER = ON ( <ledger_option> [, ... n ] ) | FUORI
Si applica a: database SQL di Azure.

Nota

Se l'istruzione crea una tabella del libro mastro, ENABLE LEDGER l'autorizzazione è necessaria.

Indica se la tabella da creare è una tabella del libro mastro (ON) o meno (OFF). Il valore predefinito è OFF. Se si specifica l'opzione , il sistema crea una tabella del libro mastro di solo accodamento APPEND_ONLY = ON che consente solo l'inserimento di nuove righe. In caso contrario, il sistema crea una tabella del libro mastro aggiornabile. Anche una tabella del libro mastro aggiornabile richiede SYSTEM_VERSIONING = ON l'argomento . Anche una tabella del libro mastro aggiornabile deve essere una tabella con controllo delle versioni di sistema. Tuttavia, una tabella del libro mastro aggiornabile non deve essere una tabella temporale (non richiede il PERIOD FOR SYSTEM_TIME parametro ). Se la tabella di cronologia viene specificata con LEDGER = ON e , non deve fare riferimento a una tabella SYSTEM_VERSIONING = ON esistente.

Un database del libro mastro (un database creato con LEDGER = ON l'opzione ) consente solo la creazione di tabelle del libro mastro. I tentativi di creare una tabella LEDGER = OFF con genereranno un errore. Per impostazione predefinita, ogni nuova tabella viene creata come tabella del libro mastro aggiornabile, anche se non si specifica , e verrà creata con i valori predefiniti per tutti LEDGER = ON gli altri parametri.

Una tabella del libro mastro aggiornabile deve contenere quattro colonne, esattamente una GENERATED ALWAYS colonna definita con ognuno degli argomenti seguenti:

  • GENERATED ALWAYS AS TRANSACTION_ID START
  • GENERATED ALWAYS AS TRANSACTION_ID END
  • GENERATED ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER START
  • GENERATED ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER END

Una tabella del libro mastro di solo accodamento deve contenere esattamente una colonna definita con ognuno degli argomenti seguenti:

  • GENERATED ALWAYS AS TRANSACTION_ID START
  • GENERATED ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER START

Se una delle colonne always generate obbligatorie non è definita nell'istruzione e l'istruzione include , il sistema tenterà automaticamente di aggiungere la colonna usando una definizione di colonna applicabile CREATE TABLE LEDGER = ON nell'elenco seguente. Se si verifica un conflitto di nomi con una colonna già definita, il sistema genererà un errore.

  • [ledger_start_transaction_id] BIGINT GENERATO ALWAYS AS TRANSACTION_ID START HIDDEN NOT NULL
  • [ledger_end_transaction_id] BIGINT GENERATO ALWAYS AS TRANSACTION_ID END HIDDEN NULL
  • [ledger_start_sequence_number] BIGINT GENERATO ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER START HIDDEN NOT NULL
  • [ledger_end_sequence_number] BIGINT GENERATO ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER END HIDDEN NULL

specifica lo schema e il nome della visualizzazione del libro mastro creata automaticamente dal sistema <ledger_view_option> e collegata alla tabella. Se l'opzione non è specificata, il sistema genera il nome della vista del libro mastro aggiungendo al nome della tabella _Ledger da creare ( database_name.schema_name.table_name ). Se esiste una vista con il nome specificato o generato, il sistema genererà un errore. Se la tabella è una tabella del libro mastro aggiornabile, la vista del libro mastro viene creata come unione nella tabella e nella relativa tabella di cronologia. Ogni riga nella visualizzazione del libro mastro rappresenta la creazione o l'eliminazione di una versione di riga nella tabella del libro mastro. La vista del libro mastro contiene tutte le colonne della tabella del libro mastro, ad eccezione delle colonne always generate elencate in precedenza. La visualizzazione del libro mastro contiene anche le colonne aggiuntive seguenti:

Nome colonna Tipo di dati Descrizione
Specificato utilizzando TRANSACTION_ID_COLUMN_NAME l'opzione . ledger_transaction_id se non specificato. bigint ID della transazione che ha creato o eliminato una versione di riga.
Specificato utilizzando SEQUENCE_NUMBER_COLUMN_NAME l'opzione . ledger_sequence_number se non specificato. bigint Numero di sequenza di un'operazione a livello di riga all'interno della transazione nella tabella.
Specificato utilizzando OPERATION_TYPE_COLUMN_NAME l'opzione . ledger_operation_type se non specificato. TINYINT Contains 0 (INSERT) o 1 (DELETE). L'inserimento di una riga nella tabella del libro mastro produce una nuova riga nella vista del libro mastro contenente 0 in questa colonna. L'eliminazione di una riga dalla tabella del libro mastro produce una nuova riga nella vista del libro mastro contenente 1 in questa colonna. L'aggiornamento di una riga nella tabella del libro mastro produce due nuove righe nella visualizzazione del libro mastro. Una riga contiene 1 (DELETE) e l'altra contiene 1 (INSERT) in questa colonna.
Specificato utilizzando OPERATION_TYPE_DESC_COLUMN_NAME l'opzione . ledger_operation_type_desc se non specificato. nvarchar(128) Contiene INSERT o DELETE . Per informazioni dettagliate, vedere sopra.

Le transazioni che includono la creazione della tabella del libro mastrovengono acquisite in sys.database_ledger_transactions .

<ledger_option>::= Specifica un'opzione di libro mastro.

  • [ LEDGER_VIEW = schema_name.ledger_view_name [ ( <ledger_view_option> [,...n ] ) ] Specifica il nome della vista del libro mastro e i nomi delle colonne aggiuntive aggiunte dal sistema alla vista del libro mastro.
  • [ APPEND_ONLY = ON | OFF ] Specifica se la tabella del libro mastro da creare è di sola accodamento o aggiornabile. Il valore predefinito è OFF.

<ledger_view_option>::= Specifica una o più opzioni di visualizzazione del libro mastro. Ogni opzione della vista del libro mastro specifica il nome di una colonna e il sistema aggiungerà alla vista, oltre alle colonne definite nella tabella del libro mastro.

  • [ TRANSACTION_ID_COLUMN_NAME = transaction_id_column_name ] Specifica il nome della colonna in cui è archiviato l'ID della transazione che ha creato o eliminato una versione di riga. Il nome di colonna predefinito è ledger_transaction_id .
  • [ SEQUENCE_NUMBER_COLUMN_NAME = sequence_number_column_name ] Specifica il nome delle colonne in cui è archiviato il numero di sequenza di un'operazione a livello di riga all'interno della transazione nella tabella. Il nome di colonna predefinito è ledger_sequence_number .
  • [ OPERATION_TYPE_COLUMN_NAME = operation_type_id column_name] Specifica il nome delle colonne in cui è archiviato l'ID del tipo di operazione. Il nome predefinito della colonna è ledger_operation_type. - [ OPERATION_TYPE_DESC_COLUMN_NAME = operation_type_desc_column_name ] Specifica il nome delle colonne in cui è archiviata la descrizione del tipo di operazione. Il nome di colonna predefinito è ledger_operation_type_desc .

Osservazioni

Per altre informazioni sul numero di tabelle, colonne, vincoli e indici consentiti, vedere Specifiche di capacità massima per SQL Server.

Lo spazio in tabelle e indici viene generalmente allocato con incrementi di un extent. Quando l'opzione SET MIXED_PAGE_ALLOCATION di ALTER DATABASE è impostata su TRUE, o sempre prima di SQL Server 2016 (13.x), se si crea una tabella o un indice, vengono allocate pagine da extent misti finché le pagine non sono sufficienti per riempire un extent uniforme. In seguito, viene allocato un altro extent ogni volta che gli extent allocati risultano pieni. Per visualizzare un report sulla quantità di spazio allocato e usato da una tabella, eseguire sp_spaceused.

Motore di database non prevede l'applicazione di un ordine particolare per l'impostazione dei valori DEFAULT, IDENTITY, ROWGUIDCOL o dei vincoli di colonna in una definizione di colonna.

Quando viene creata una tabella, l'opzione QUOTED IDENTIFIER viene sempre archiviata con l'impostazione ON nei metadati della tabella, anche se l'opzione viene impostata su OFF quando si crea la tabella.

Tabelle temporanee

È possibile creare tabelle temporanee locali e globali. Le tabelle temporanee locali sono visibili solo nella sessione corrente, mentre quelle globali sono visibili in tutte le sessioni. Non è possibile partizionare le tabelle temporanee.

Anteporre ai nomi delle tabelle temporanee locali un simbolo di cancelletto singolo (#table_name) e a quelli delle tabelle temporanee globali un simbolo di cancelletto doppio (##table_name).

Le istruzioni Transact-SQL fanno riferimento alla tabella temporanea usando il valore specificato per table_name nell'istruzione CREATE TABLE, ad esempio:

CREATE TABLE #MyTempTable (
    col1 INT PRIMARY KEY
);

INSERT INTO #MyTempTable
VALUES (1);

Se si creano più tabelle temporanee all'interno di una sola stored procedure o di un singolo batch, è necessario che i nomi delle tabelle siano diversi.

Se si include schema_name quando si crea o accede a una tabella temporanea, viene ignorato. Tutte le tabelle temporanee vengono create nello schema dbo.

Se una tabella temporanea locale viene creata in un stored procedure o in un'applicazione che può essere eseguita contemporaneamente da più sessioni, deve essere in grado di distinguere le tabelle create dalle Motore di database diverse sessioni. A tale scopo, Motore di database aggiunge internamente un suffisso numerico a ogni nome di tabella temporanea locale. Il nome completo di una tabella temporanea archiviata nella tabella in è costituito dal nome della tabella specificato nell'istruzione CREATE TABLE e dal suffisso numerico sys.sysobjects tempdb generato dal sistema. Per lasciare spazio per tale suffisso, il valore table_name specificato per un nome di tabella temporanea locale non può superare i 116 caratteri.

Le tabelle temporanee vengono eliminate automaticamente quando non sono più comprese nell'ambito, a meno di eliminarle in modo esplicito tramite l'istruzione DROP TABLE:

  • Una tabella temporanea locale creata in una stored procedure viene eliminata automaticamente al termine della stored procedure. È possibile fare riferimento alla tabella da qualsiasi stored procedure nidificata eseguita dalla stored procedure con cui è stata creata la tabella. Non è invece possibile fare riferimento alla tabella dal processo che ha chiamato la stored procedure con cui è stata creata la tabella.
  • Tutte le altre tabelle temporanee locali vengono eliminate automaticamente alla fine della sessione corrente.
  • Le tabelle temporanee globali vengono eliminate automaticamente alla fine della sessione in cui è stata creata la tabella e quando tutte le altre attività non vi fanno più riferimento. L'associazione tra un'attività e una tabella viene mantenuta solo per la durata di una singola istruzione Transact-SQL. Una tabella temporanea globale viene pertanto eliminata dopo il completamento dell'ultima istruzione Transact-SQL che fa attivamente riferimento alla tabella alla fine della sessione di creazione.

Una tabella temporanea locale creata all'interno di una stored procedure o in un trigger può avere lo stesso nome di una tabella temporanea creata prima della chiamata alla stored procedure o al trigger. Se tuttavia una query fa riferimento a una tabella temporanea e sono disponibili due tabelle temporanee con lo stesso nome, non è possibile stabilire in base a quale tabella verrà risolta la query. Anche le stored procedure nidificate possono creare tabelle temporanee con lo stesso nome di una tabella temporanea creata dalla stored procedure chiamante. In questo caso, tuttavia, per fare in modo che le modifiche vengano applicate alla tabella creata nella stored procedure nidificata, è necessario che la struttura della tabella e i nomi di colonna siano identici a quelli della tabella creata nella procedura chiamante, come illustrato nell'esempio seguente.

CREATE PROCEDURE dbo.Test2
AS
    CREATE TABLE #t (x INT PRIMARY KEY);
    INSERT INTO #t VALUES (2);
    SELECT Test2Col = x FROM #t;
GO

CREATE PROCEDURE dbo.Test1
AS
    CREATE TABLE #t (x INT PRIMARY KEY);
    INSERT INTO #t VALUES (1);
    SELECT Test1Col = x FROM #t;
    EXEC Test2;
GO

CREATE TABLE #t(x INT PRIMARY KEY);
INSERT INTO #t VALUES (99);
GO

EXEC Test1;
GO

Questo è il set di risultati.

(1 row(s) affected)
Test1Col
-----------
1

(1 row(s) affected)
 Test2Col
 -----------
 2

Quando si creano tabelle temporanee locali o globali, la sintassi dell'istruzione CREATE TABLE supporta le definizioni di vincolo, ad eccezione dei vincoli FOREIGN KEY. Se si specifica un vincolo FOREIGN KEY in una tabella temporanea, l'istruzione restituisce un messaggio di avviso per segnalare che il vincolo è stato ignorato. La tabella viene comunque creata senza i vincoli FOREIGN KEY. Non è possibile fare riferimento a tabelle temporanee nei vincoli FOREIGN KEY.

Se una tabella temporanea viene creata con un vincolo denominato e all'interno dell'ambito di una transazione definita dall'utente, solo un utente alla volta può eseguire l'istruzione che crea la tabella temporanea. Se ad esempio una stored procedure crea una tabella temporanea con un vincolo di chiave primaria denominato, la stored procedure non può essere eseguita simultaneamente dai più utenti.

Tabelle temporanee globali con ambito database (database SQL di Azure)

Le tabelle temporanee globali per SQL Server (avviate con ## table_name) sono archiviate in tempdb e condivise tra le sessioni di tutti gli utenti nell'intera istanza di SQL Server. Per informazioni sui tipi di tabella SQL, vedere la sezione precedente sulla creazione delle tabelle.

database SQL di Azure supporta le tabelle temporanee globali archiviate a loro volta in tempdb e con ambito a livello di database. Questo significa che le tabelle temporanee globali vengono condivise per le sessioni di tutti gli utenti all'interno dello stesso database SQL di Azure. Le sessioni utente da altri database non possono accedere alle tabelle temporanee globali.

Le tabelle temporanee globali per il database SQL di Azure seguono la stessa sintassi e la stessa semantica usate da SQL Server per le tabelle temporanee. Analogamente, le stored procedure temporanee globali hanno un ambito limitato a livello di database nel database SQL di Azure. Anche le tabelle temporanee locali (avviate con # table_name) sono supportate per il database SQL di Azure e seguono la stessa sintassi e la stessa semantica usate da SQL Server. Vedere la sezione precedente relativa alle tabelle temporanee.

Importante

Questa funzionalità è disponibile per database SQL di Azure.

Risoluzione dei problemi delle tabelle temporanee globali per il database SQL di Azure

Per la risoluzione dei problemi relativi a tempdb, vedere Come monitorare l'uso di tempdb.

Nota

Solo un amministratore del server può accedere alle DMV di risoluzione dei problemi in database SQL di Azure.

Autorizzazioni

Qualsiasi utente può creare oggetti temporanei globali. Gli utenti possono accedere solo ai propri oggetti, a meno che non ottengano ulteriori autorizzazioni.

Tabelle partizionate

Prima di creare una tabella partizionata con CREATE TABLE, è necessario creare una funzione di partizione per specificare la modalità di partizionamento della tabella. Una funzione di partizione viene creata usando CREATE PARTITION FUNCTION. In secondo luogo, è necessario creare uno schema di partizione per specificare i filegroup di destinazione delle partizioni indicate dalla funzione di partizione. Uno schema di partizione viene creato usando CREATE PARTITION SCHEME. Per le tabelle partizionate non è possibile posizionare i vincoli PRIMARY KEY o UNIQUE in filegroup diversi. Per ulteriori informazioni, vedere Partitioned Tables and Indexes.

Vincoli PRIMARY KEY

  • In una tabella è possibile includere un solo vincolo PRIMARY KEY.

  • Se l'indice viene generato da un vincolo PRIMARY KEY, nella tabella sarà possibile creare non più di 999 indici non cluster e di 1 indice cluster.

  • Nel caso in cui per un vincolo PRIMARY KEY non si specifichi CLUSTERED né NONCLUSTERED, verrà utilizzato automaticamente il valore CLUSTERED se per i vincoli UNIQUE non sono specificati indici cluster.

  • Tutte le colonne specificate in un vincolo PRIMARY KEY devono essere definite come NOT NULL. Se non si specifica il supporto di valori Null, per tutte le colonne coinvolte in un vincolo PRIMARY KEY viene impostato NOT NULL.

    Nota

    Per le tabelle ottimizzate per la memoria, la colonna chiave nullable è consentita.

  • Se si definisce una chiave primaria in una colonna di tipo CLR definito dall'utente, è necessario che l'implementazione del tipo supporti l'ordinamento binario. Per altre informazioni, vedere Tipi CLR definiti dall'utente.

Vincoli UNIQUE

  • Se per un vincolo UNIQUE non si specifica CLUSTERED né NONCLUSTERED, il valore predefinito è NONCLUSTERED.
  • Ogni vincolo UNIQUE genera un indice. Il numero di vincoli UNIQUE non deve generare un numero di indici della tabella maggiore di 999, in caso di indici non cluster, e di 1, in caso di indici cluster.
  • Se si definisce un vincolo UNIQUE in una colonna di tipo CLR definito dall'utente, è necessario che l'implementazione del tipo supporti l'ordinamento binario o basato su operatore. Per altre informazioni, vedere Tipi CLR definiti dall'utente.

Vincoli FOREIGN KEY

  • I valori diversi da NULL immessi nella colonna di un vincolo FOREIGN KEY devono essere presenti nella colonna a cui viene fatto riferimento. In caso contrario, viene restituito un messaggio di errore di violazione della chiave esterna.

  • I vincoli FOREIGN KEY vengono applicati alla colonna precedente, a meno che non vengano specificate colonne di origine.

  • I vincoli FOREIGN KEY possono fare riferimento solo a tabelle di un singolo database nello stesso server. L'integrità referenziale tra database diversi deve essere implementata tramite trigger. Per altre informazioni, vedere CREATE TRIGGER.

  • I vincoli FOREIGN KEY possono fare riferimento a un'altra colonna nella stessa tabella. Questo tipo di vincolo viene definito autoreferenziale.

  • La clausola REFERENCES di un vincolo FOREIGN KEY a livello di colonna può includere una sola colonna di riferimento. Il tipo di dati di tale colonna deve essere uguale al tipo di dati della colonna in cui viene definito il vincolo.

  • La clausola REFERENCES di un vincolo FOREIGN KEY a livello di tabella deve includere lo stesso numero di colonne di riferimento di quelle presenti nell'elenco di colonne del vincolo. Il tipo di dati di ogni colonna di riferimento deve inoltre essere uguale a quello della colonna corrispondente nell'elenco di colonne. Le colonne di riferimento devono essere specificate nello stesso ordine usato quando si specificano le colonne del vincolo PRIMARY KEY o UNIQUE nella tabella a cui si fa riferimento.

  • Non è possibile specificare CASCADE, SET NULL o SET DEFAULT se una colonna di tipo timestamp fa parte della chiave esterna o della chiave a cui si fa riferimento.

  • È possibile combinare le azioni CASCADE, SET NULL, SET DEFAULT e NO ACTION in tabelle con relazioni referenziali reciproche. Se Motore di database rileva l'azione NO ACTION, l'operazione viene arrestata e viene eseguito il rollback delle azioni CASCADE, SET NULL e SET DEFAULT correlate. Quando un'istruzione DELETE genera una combinazione di azioni CASCADE, SET NULL, SET DEFAULT e NO ACTION, tutte le azioni CASCADE, SET NULL e SET DEFAULT vengono applicate prima che il Motore di database verifichi l'esistenza di azioni NO ACTION.

  • Il Motore di database non prevede un limite predefinito per il numero di vincoli FOREIGN KEY che possono essere inclusi in una tabella e che fanno riferimento ad altre tabelle o per il numero di vincoli FOREIGN KEY di proprietà di altre tabelle che fanno riferimento a una tabella specifica.

    Il numero effettivo di vincoli FOREIGN KEY che è possibile usare, tuttavia, è limitato dalla configurazione hardware e dalla progettazione del database e dell'applicazione. È consigliabile evitare che una tabella contenga più di 253 vincoli FOREIGN KEY e che più di 253 vincoli FOREIGN KEY facciano riferimento alla tabella stessa. Il limite effettivo potrebbe variare a seconda dell'applicazione e della configurazione hardware. Nella progettazione di database e applicazioni è opportuno valutare i costi correlati all'applicazione dei vincoli FOREIGN KEY.

  • I vincoli FOREIGN KEY non vengono applicati nelle tabelle temporanee.

  • I vincoli FOREIGN KEY possono fare riferimento solo alle colonne di vincoli PRIMARY KEY o UNIQUE della tabella a cui si fa riferimento o alle colonne in un indice univoco di tale tabella.

  • Se si definisce una chiave esterna su una colonna di tipo CLR definito dall'utente, è necessario che l'implementazione del tipo supporti l'ordinamento binario. Per altre informazioni, vedere Tipi CLR definiti dall'utente.

  • Le colonne incluse in una relazione di chiave esterna devono essere definite con la stessa lunghezza e la stessa scala.

definizioni DEFAULT

  • Una colonna può contenere una sola definizione DEFAULT.

  • Una definizione DEFAULT può includere valori costanti, funzioni, funzioni senza parametri standard SQL o valori NULL. Nella tabella seguente sono illustrati le funzioni senza parametri e i valori predefiniti corrispondenti restituiti durante un'istruzione INSERT.

    Funzione senza parametri SQL-92 Valore restituito
    CURRENT_TIMESTAMP Data e ora correnti.
    CURRENT_USER Nome dell'utente che esegue un inserimento.
    SESSION_USER Nome dell'utente che esegue un inserimento.
    SYSTEM_USER Nome dell'utente che esegue un inserimento.
    USER Nome dell'utente che esegue un inserimento.
  • constant_expression in una definizione DEFAULT non può fare riferimento a un'altra colonna della tabella o ad altre tabelle, viste o stored procedure.

  • Non è possibile creare definizioni DEFAULT per colonne con tipo di dati timestamp o colonne con una proprietà IDENTITY.

  • Non è possibile creare definizioni DEFAULT per colonne con tipo di dati alias se tale tipo di dati è associato a un oggetto predefinito.

Vincoli CHECK

  • Una colonna può contenere un numero qualsiasi di vincoli CHECK e la condizione può includere più espressioni logiche unite tramite gli operatori AND e OR. Più vincoli CHECK per una colonna vengono convalidati nell'ordine di creazione.

  • La condizione di ricerca deve restituire un'espressione booleana e non può fare riferimento a un'altra tabella.

  • Un vincolo CHECK a livello di colonna può fare riferimento solo alla colonna vincolata, mentre un vincolo CHECK a livello di tabella può fare riferimento solo alle colonne della stessa tabella.

    Le regole e i vincoli CHECK svolgono la stessa funzione di convalida dei dati durante l'esecuzione delle istruzioni INSERT e UPDATE.

  • Quando per una o più colonne sono definiti una regola e uno o più vincoli CHECK, vengono valutate tutte le restrizioni.

  • Non è possibile definire vincoli CHECK per colonne di tipo text, ntext o image.

Informazioni aggiuntive sui vincoli

  • DROP INDEX non consente di eliminare un indice creato per un vincolo. Per eliminare il vincolo, è necessario usare l'istruzione ALTER TABLE. Un indice creato per e usato da un vincolo può essere ricompilato tramite ALTER INDEX ... REBUILD. Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.
  • I nomi di vincolo devono essere conformi alle regole per gli identificatori, con l'eccezione che il nome non può iniziare con il simbolo di cancelletto (#). Se constraint_name viene omesso, al vincolo viene assegnato un nome generato dal sistema. Il nome del vincolo viene indicato nei messaggi di errore relativi alle violazioni di vincolo.
  • Quando in un'istruzione INSERT, UPDATE o DELETE viene violato un vincolo, l'istruzione viene terminata. Con l'impostazione OFF per SET XACT_ABORT, tuttavia, la transazione continua a essere elaborata se l'istruzione fa parte di una transazione esplicita. Se l'impostazione di SET XACT_ABORT è ON, viene eseguito il rollback dell'intera transazione. È anche possibile usare l'istruzione ROLLBACK TRANSACTION con la definizione di transazione eseguendo un controllo con la funzione di sistema @@ERROR.
  • Quando ALLOW_ROW_LOCKS = ON e ALLOW_PAGE_LOCK = ON, i blocchi a livello di riga, pagina e tabella sono consentiti quando si accede all'indice. Motore di database sceglie il blocco appropriato e può eseguire un'escalation del blocco da un blocco di riga o di pagina a un blocco di tabella. Se ALLOW_ROW_LOCKS = OFF e ALLOW_PAGE_LOCK = OFF, è consentito solo un blocco a livello di tabella quando si accede all'indice.
  • Se una tabella include vincoli FOREIGN KEY o CHECK e trigger, le condizioni di vincolo vengono valutate prima dell'esecuzione del trigger.

Per visualizzare un report per una tabella e le relative colonne, usare sp_help o sp_helpconstraint. Per rinominare una tabella, usare sp_rename. Per visualizzare un report per le viste e le stored procedure che dipendono da una tabella, usare sys.dm_sql_referenced_entities e sys.dm_sql_referencing_entities.

Regole per il supporto di valori Null all'interno di una definizione di tabella

Il supporto dei valori Null di una colonna determina se tale colonna può consentire un valore Null ( NULL ) come dati in tale colonna. NULL è diverso da zero o vuoto: indica che non è stata effettuata alcuna voce o che è stata specificata una voce esplicita e in genere implica che il valore è NULL NULL sconosciuto o non applicabile.

Se si usa l'istruzione CREATE TABLE o ALTER TABLE per creare o modificare una tabella, le impostazioni del database e della sessione influenzano e talvolta sostituiscono il supporto dei valori Null del tipo di dati usato in una definizione di colonna. È consigliabile definire sempre in modo esplicito una colonna come NULL o NOT NULL per le colonne non calcolate oppure, se si utilizza un tipo di dati definito dall'utente, consentire nella colonna l'utilizzo dell'impostazione predefinita relativa al supporto di valori Null per tale tipo di dati. Le colonne di tipo sparse devono consentire sempre valori Null.

Se non si specifica in modo esplicito il supporto di valori Null per una colonna, saranno valide le regole indicate nella tabella seguente.

Tipo di dati della colonna Regola
Tipo di dati alias Motore di database utilizza l'impostazione del supporto di valori Null specificata in fase di creazione del tipo di dati. Per determinare il supporto dei valori Null predefinito del tipo di dati, usare sp_help .
Tipo CLR definito dall'utente Il supporto dei valori Null viene stabilito in base alla definizione della colonna.
Tipo di dati fornito dal sistema Se il tipo di dati fornito dal sistema prevede una sola opzione, questa ha la precedenza. I tipi di dati timestamp devono essere NOT NULL. Quando sono presenti impostazioni di sessione specificate su ON tramite SET:
Con ANSI_NULL_DFLT_ON = ON viene assegnato il valore NULL.
Con ANSI_NULL_DFLT_OFF = ON viene assegnato il valore NOT NULL.

Quando sono presenti impostazioni del database configurate tramite ALTER DATABASE:
Con ANSI_NULL_DEFAULT_ON = ON viene assegnato il valore NULL.
Con ANSI_NULL_DEFAULT_OFF = ON viene assegnato il valore NOT NULL.

Per visualizzare l'impostazione del database per ANSI_NULL_DEFAULT, usare la sys.databases vista del catalogo

Quando per la sessione non è impostata alcuna opzione ANSI_NULL_DFLT e per il database è impostato il valore predefinito (ANSI_NULL_DEFAULT è OFF), viene assegnato il valore predefinito NOT NULL.

Nel caso di una colonna calcolata, l'impostazione del supporto di valori Null viene sempre determinata automaticamente dal Motore di database. Per individuare l'impostazione relativa al supporto dei valori Null per questo tipo di colonna, usare la funzione COLUMNPROPERTY con la proprietà AllowsNull.

Nota

Per entrambi i driver ODBC e OLE DB di SQL Server l'impostazione predefinita dell'opzione ANSI_NULL_DFLT_ON è ON. Gli utenti di ODBC e OLE DB possono configurare questa impostazione nelle origini dati ODBC oppure tramite le proprietà o gli attributi di connessione impostati dall'applicazione.

Compressione dei dati

Le tabelle di sistema non possono essere abilitate per la compressione. Se non specificato diversamente, quando si crea una tabella la compressione dei dati è impostata su NONE. Se si specifica un elenco di partizioni o una partizione non compresa nell'intervallo, verrà generato un errore. Per altre informazioni sulla compressione dei dati, vedere Compressione dei dati.

Per valutare il modo in cui la modifica dello stato di compressione influirà su una tabella, un indice o una partizione, usare la stored procedure sp_estimate_data_compression_savings .

Autorizzazioni

Sono necessarie l'autorizzazione CREATE TABLE per il database e l'autorizzazione ALTER per lo schema in cui viene creata la tabella.

Se una o più colonne nell'istruzione CREATE TABLE sono definite con un tipo definito dall'utente, è necessaria l'autorizzazione REFERENCES per il tipo definito dall'utente.

Se una o più colonne nell'istruzione CREATE TABLE sono definite con un tipo CLR definito dall'utente, è necessario che l'utente sia il proprietario del tipo o abbia l'autorizzazione REFERENCES.

Se una o più colonne nell'istruzione CREATE TABLE sono associate una raccolta di XML Schema, è necessario che l'utente sia il proprietario della raccolta di XML Schema o abbia l'autorizzazione REFERENCES.

Qualsiasi utente può creare tabelle temporanee in tempdb.

Se l'istruzione crea una tabella del libro mastro, ENABLE LEDGER è necessaria l'autorizzazione .

Esempi

R. Creare un vincolo PRIMARY KEY in una colonna

Nell'esempio seguente viene illustrata la definizione di colonna per un vincolo PRIMARY KEY con un indice cluster nella colonna EmployeeID della tabella Employee. Poiché un nome di vincolo non viene specificato, ne viene fornito uno dal sistema.

CREATE TABLE dbo.Employee (
    EmployeeID INT PRIMARY KEY CLUSTERED
);

B. Utilizzo di vincoli FOREIGN KEY

Il vincolo FOREIGN KEY viene utilizzato per fare riferimento a un'altra tabella. Le chiavi esterne possono essere chiavi a colonna singola o a più colonne. Nell'esempio seguente viene illustrato un vincolo FOREIGN KEY a colonna singola nella tabella SalesOrderHeader che fa riferimento alla tabella SalesPerson. Per un vincolo FOREIGN KEY a colonna singola è sufficiente specificare solo la clausola REFERENCES.

SalesPersonID INT NULL REFERENCES SalesPerson(SalesPersonID)

È inoltre possibile usare la clausola FOREIGN KEY in modo esplicito per ridefinire l'attributo di colonna. Si noti che il nome della colonna non deve essere identico in entrambe le tabelle.

FOREIGN KEY (SalesPersonID) REFERENCES SalesPerson(SalesPersonID)

I vincoli con chiavi a più colonne vengono creati come vincoli di tabella. La tabella SpecialOfferProduct del database AdventureWorks2012 include un vincolo PRIMARY KEY a più colonne. Nell'esempio seguente viene illustrato come fare riferimento a questa chiave da un'altra tabella. Il nome di vincolo esplicito è facoltativo.

CONSTRAINT FK_SpecialOfferProduct_SalesOrderDetail
    FOREIGN KEY (ProductID, SpecialOfferID)
    REFERENCES SpecialOfferProduct (ProductID, SpecialOfferID)

C. Utilizzo di vincoli UNIQUE

I vincoli UNIQUE vengono utilizzati per imporre l'univocità di colonne chiave non primaria. Nell'esempio seguente viene applicata una restrizione per specificare che la colonna Name della tabella Product deve essere univoca.

Name NVARCHAR(100) NOT NULL
UNIQUE NONCLUSTERED

D. Utilizzo di definizioni DEFAULT

I valori predefiniti forniscono un valore (tramite le istruzioni INSERT e UPDATE) nel caso in cui non ne viene specificato alcuno. Il database AdventureWorks2012 potrebbe, ad esempio, includere una tabella di ricerca con un elenco dei vari ruoli professionali che possono essere assegnati ai dipendenti della società. Nella colonna destinata alla descrizione di ogni ruolo professionale, si potrebbe usare una stringa di caratteri predefinita per fornire una descrizione nel caso in cui questa non venga immessa in modo esplicito.

DEFAULT 'New Position - title not formalized yet'

Oltre alle costanti, le definizioni DEFAULT possono includere funzioni. Per ottenere la data corrente per una voce, è possibile usare l'esempio seguente:

DEFAULT (GETDATE())

È inoltre possibile migliorare l'integrità dei dati tramite un'analisi di funzioni senza parametri. Per tenere traccia dell'utente che ha inserito una riga, usare la funzione senza parametri per USER. Non racchiudere le funzioni senza parametri tra parentesi.

DEFAULT USER

E. Utilizzo di vincoli CHECK

Nell'esempio seguente viene illustrata l'applicazione di una restrizione ai valori immessi nella colonna CreditRating della tabella Vendor. Al vincolo non viene assegnato un nome.

CHECK (CreditRating >= 1 and CreditRating <= 5)

Nell'esempio seguente viene illustrato un vincolo denominato con una restrizione basata su modello per i dati di tipo carattere immessi in una colonna di una tabella.

CONSTRAINT CK_emp_id CHECK (
    emp_id LIKE '[A-Z][A-Z][A-Z][1-9][0-9][0-9][0-9][0-9][FM]'
    OR emp_id LIKE '[A-Z]-[A-Z][1-9][0-9][0-9][0-9][0-9][FM]'
)

Nell'esempio seguente viene specificato che i valori devono essere inclusi in un elenco specifico o essere conformi a un modello specificato.

CHECK (
    emp_id IN ('1389', '0736', '0877', '1622', '1756')
    OR emp_id LIKE '99[0-9][0-9]'
)

F. Visualizzazione della definizione completa della tabella

Nell'esempio seguente vengono illustrate le definizioni di tabella complete con tutte le definizioni dei vincoli per la tabella PurchaseOrderDetail creata nel database AdventureWorks2012. Per l'esecuzione dell'esempio, lo schema della tabella viene modificato in dbo.

CREATE TABLE dbo.PurchaseOrderDetail
(
    PurchaseOrderID int NOT NULL
        REFERENCES Purchasing.PurchaseOrderHeader(PurchaseOrderID),
    LineNumber smallint NOT NULL,
    ProductID int NULL
        REFERENCES Production.Product(ProductID),
    UnitPrice money NULL,
    OrderQty smallint NULL,
    ReceivedQty float NULL,
    RejectedQty float NULL,
    DueDate datetime NULL,
    rowguid uniqueidentifier ROWGUIDCOL NOT NULL
        CONSTRAINT DF_PurchaseOrderDetail_rowguid DEFAULT (NEWID()),
    ModifiedDate datetime NOT NULL
        CONSTRAINT DF_PurchaseOrderDetail_ModifiedDate DEFAULT (GETDATE()),
    LineTotal AS ((UnitPrice*OrderQty)),
    StockedQty AS ((ReceivedQty-RejectedQty)),
    CONSTRAINT PK_PurchaseOrderDetail_PurchaseOrderID_LineNumber
               PRIMARY KEY CLUSTERED (PurchaseOrderID, LineNumber)
               WITH (IGNORE_DUP_KEY = OFF)
)
ON PRIMARY;

G. Creazione di una tabella con una colonna xml tipizzata in una raccolta di XML Schema

Nell'esempio seguente viene creata una tabella con una colonna xml tipizzata nella raccolta di XML Schema HRResumeSchemaCollection. La parola chiave DOCUMENT specifica che ogni istanza del tipo di dati xml in column_name può contenere un solo elemento di livello superiore.

CREATE TABLE HumanResources.EmployeeResumes
(
    LName nvarchar(25),
    FName nvarchar(25),
    Resume xml(DOCUMENT HumanResources.HRResumeSchemaCollection)
);

H. Creazione di una tabella partizionata

Nell'esempio seguente viene creata una funzione di partizione per suddividere una tabella o indice in quattro partizioni. Viene quindi creato uno schema di partizione per specificare i filegroup in cui posizionare ognuna delle quattro partizioni. Infine viene creata una tabella che utilizza tale schema di partizione. Nell'esempio si presuppone che i filegroup esistano già nel database.

CREATE PARTITION FUNCTION myRangePF1 (int)
    AS RANGE LEFT FOR VALUES (1, 100, 1000);
GO

CREATE PARTITION SCHEME myRangePS1
    AS PARTITION myRangePF1
    TO (test1fg, test2fg, test3fg, test4fg);
GO  
  
CREATE TABLE PartitionTable (col1 int, col2 char(10))
    ON myRangePS1 (col1);
GO

Sulla base dei valori della colonna col1 di PartitionTable, le partizioni vengono assegnate nei modi seguenti.

Filegroup test1fg test2fg test3fg test4fg
Partizione 1 2 3 4
Valori col 1 <= 1 col1 > 1 AND col1 <= 100 col1 > 100 AND col1 <= 1,000 col1 > 1000

I. Utilizzo del tipo di dati uniqueidentifier in una colonna

Nell'esempio seguente viene creata una tabella con una colonna uniqueidentifier. Il vincolo PRIMARY KEY viene utilizzato per evitare che gli utenti inseriscano valori duplicati nella tabella, mentre la funzione NEWSEQUENTIALID() nel vincolo DEFAULT fornisce i valori per le nuove righe. La proprietà ROWGUIDCOL viene applicata alla colonna uniqueidentifier in modo che sia possibile farvi riferimento tramite la parola chiave $ROWGUID.

CREATE TABLE dbo.Globally_Unique_Data
(
    GUID UNIQUEIDENTIFIER
        CONSTRAINT Guid_Default DEFAULT
        NEWSEQUENTIALID() ROWGUIDCOL,
    Employee_Name VARCHAR(60)
    CONSTRAINT Guid_PK PRIMARY KEY (GUID)
);

J. Utilizzo di un'espressione per una colonna calcolata

Nell'esempio seguente viene illustrato l'utilizzo di un'espressione ((low + high)/2) per calcolare la colonna calcolata myavg.

CREATE TABLE dbo.mytable
(
    low INT,
    high INT,
    myavg AS (low + high)/2
);

K. Creazione di una colonna calcolata basata su una colonna di tipo definito dall'utente

Nell'esempio seguente viene creata una tabella con una colonna di tipo definito dall'utente utf8string presupponendo che l'assembly del tipo e il tipo stesso siano già stati creati nel database corrente. Viene definita una seconda colonna basata su utf8string e viene usato il metodo ToString() di type(class) utf8string per calcolare un valore per la colonna.

CREATE TABLE UDTypeTable
(
    u UTF8STRING,
    ustr AS u.ToString() PERSISTED
);

L. Utilizzo della funzione USER_NAME per una colonna calcolata

Nell'esempio seguente viene utilizzata la funzione USER_NAME() nella colonna myuser_name.

CREATE TABLE dbo.mylogintable
(
    date_in DATETIME,
    user_id INT,
    myuser_name AS USER_NAME()
);

M. Creazione di una tabella con una colonna FILESTREAM

Nell'esempio seguente viene creata una tabella con una colonna FILESTREAM``Photo. Se in una tabella sono presenti una o più colonne FILESTREAM, tale tabella deve includere anche una colonna ROWGUIDCOL.

CREATE TABLE dbo.EmployeePhoto
(
    EmployeeId INT NOT NULL PRIMARY KEY,
    Photo VARBINARY(MAX) FILESTREAM NULL,
    MyRowGuidColumn UNIQUEIDENTIFIER NOT NULL ROWGUIDCOL UNIQUE DEFAULT NEWID()
);

N. Creazione di una tabella che utilizza la compressione di riga

Nell'esempio seguente viene creata una tabella che utilizza la compressione di riga.

CREATE TABLE dbo.T1
(
    c1 INT,
    c2 NVARCHAR(200)
)
WITH (DATA_COMPRESSION = ROW);

Per altri esempi sulla compressione dei dati, vedere Compressione dei dati.

O. Creazione di una tabella con colonne di tipo sparse e un set di colonne

Negli esempi seguenti viene illustrato come creare una tabella con una colonna di tipo sparse e una tabella con due colonne di tipo sparse e un set di colonne. Negli esempi viene utilizzata la sintassi di base. Per esempi più complessi, vedere Usare le colonne di tipo sparse e Usare set di colonne.

Nell'esempio viene creata una tabella con una colonna di tipo sparse.

CREATE TABLE dbo.T1
(
    c1 INT PRIMARY KEY,
    c2 VARCHAR(50) SPARSE NULL
);

In questo esempio viene creata una tabella con due colonne di tipo sparse e un set di colonne denominato CSet.

CREATE TABLE T1
(
    c1 INT PRIMARY KEY,
    c2 VARCHAR(50) SPARSE NULL,
    c3 INT SPARSE NULL,
    CSet XML COLUMN_SET FOR ALL_SPARSE_COLUMNS
);

P. Creazione di una tabella temporale basata su disco con controllo delle versioni di sistema

Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2016 (13.x)) e database SQL di Azure.

Gli esempi seguenti spiegano come creare una tabella temporale collegata a una nuova tabella di cronologia e come creare una tabella temporale collegata a una tabella di cronologia esistente. Si noti che per la tabella temporale deve essere definita una chiave primaria affinché la tabella venga abilitata per il controllo delle versioni di sistema. Per esempi che illustrano come aggiungere o rimuovere il controllo delle versioni di sistema per una tabella esistente, vedere Controllo delle versioni di sistema in Esempi. Per i casi d'uso, vedere Tabelle temporali.

In questo esempio viene creata una nuova tabella temporale collegata a una nuova tabella di cronologia.

CREATE TABLE Department
(
    DepartmentNumber CHAR(10) NOT NULL PRIMARY KEY CLUSTERED,
    DepartmentName VARCHAR(50) NOT NULL,
    ManagerID INT NULL,
    ParentDepartmentNumber CHAR(10) NULL,
    SysStartTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW START HIDDEN NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW END HIDDEN NOT NULL,
    PERIOD FOR SYSTEM_TIME (SysStartTime, SysEndTime)
)
WITH (SYSTEM_VERSIONING = ON);

In questo esempio viene creata una nuova tabella temporale collegata a una tabella di cronologia già esistente.

-- Existing table
CREATE TABLE Department_History
(
    DepartmentNumber CHAR(10) NOT NULL,
    DepartmentName VARCHAR(50) NOT NULL,
    ManagerID INT NULL,
    ParentDepartmentNumber CHAR(10) NULL,
    SysStartTime DATETIME2 NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 NOT NULL
);

-- Temporal table
CREATE TABLE Department
(
    DepartmentNumber CHAR(10) NOT NULL PRIMARY KEY CLUSTERED,
    DepartmentName VARCHAR(50) NOT NULL,
    ManagerID INT NULL,
    ParentDepartmentNumber CHAR(10) NULL,
    SysStartTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW START HIDDEN NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW END HIDDEN NOT NULL,
    PERIOD FOR SYSTEM_TIME (SysStartTime, SysEndTime)
)
WITH (SYSTEM_VERSIONING = ON (HISTORY_TABLE = dbo.Department_History, DATA_CONSISTENCY_CHECK = ON));

Q. Creazione di una tabella temporale ottimizzata per la memoria con controllo delle versioni di sistema

Si applica a: SQL Server (a partire da SQL Server 2016 (13.x)) e database SQL di Azure.

L'esempio seguente illustra come creare una tabella temporale ottimizzata per la memoria con controllo delle versioni di sistema collegata a una nuova tabella di cronologia basata su disco.

In questo esempio viene creata una nuova tabella temporale collegata a una nuova tabella di cronologia.

CREATE SCHEMA History;
GO

CREATE TABLE dbo.Department
(
    DepartmentNumber CHAR(10) NOT NULL PRIMARY KEY NONCLUSTERED,
    DepartmentName VARCHAR(50) NOT NULL,
    ManagerID INT NULL,
    ParentDepartmentNumber CHAR(10) NULL,
    SysStartTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW START HIDDEN NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW END HIDDEN NOT NULL,
    PERIOD FOR SYSTEM_TIME (SysStartTime, SysEndTime)
)
WITH
(
    MEMORY_OPTIMIZED = ON,
    DURABILITY = SCHEMA_AND_DATA,
    SYSTEM_VERSIONING = ON (HISTORY_TABLE = History.DepartmentHistory)
);

In questo esempio viene creata una nuova tabella temporale collegata a una tabella di cronologia già esistente.

-- Existing table
CREATE TABLE Department_History
(
    DepartmentNumber CHAR(10) NOT NULL,
    DepartmentName VARCHAR(50) NOT NULL,
    ManagerID INT NULL,
    ParentDepartmentNumber CHAR(10) NULL,
    SysStartTime DATETIME2 NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 NOT NULL
);

-- Temporal table
CREATE TABLE Department
(
    DepartmentNumber CHAR(10) NOT NULL PRIMARY KEY CLUSTERED,
    DepartmentName VARCHAR(50) NOT NULL,
    ManagerID INT NULL,
    ParentDepartmentNumber CHAR(10) NULL,
    SysStartTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW START HIDDEN NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW END HIDDEN NOT NULL,
    PERIOD FOR SYSTEM_TIME (SysStartTime, SysEndTime)
)
WITH
(
    SYSTEM_VERSIONING = ON (HISTORY_TABLE = dbo.Department_History, DATA_CONSISTENCY_CHECK = ON)
);

R. Creazione di una tabella con colonne crittografate

L'esempio seguente crea una tabella con due colonne crittografate. Per altre informazioni, vedere Always Encrypted.

CREATE TABLE Customers (
    CustName NVARCHAR(60)
        ENCRYPTED WITH (
            COLUMN_ENCRYPTION_KEY = MyCEK,
            ENCRYPTION_TYPE = RANDOMIZED,
            ALGORITHM = 'AEAD_AES_256_CBC_HMAC_SHA_256'
        ),
    SSN VARCHAR(11) COLLATE Latin1_General_BIN2
        ENCRYPTED WITH (
            COLUMN_ENCRYPTION_KEY = MyCEK,
            ENCRYPTION_TYPE = DETERMINISTIC ,
            ALGORITHM = 'AEAD_AES_256_CBC_HMAC_SHA_256'
        ),
    Age INT NULL
);

S. Creare un indice filtrato inline

Crea una tabella con un indice filtrato inline.

CREATE TABLE t1
(
    c1 INT,
    index IX1 (c1) WHERE c1 > 0
);

T. Creare un indice inline

Di seguito viene illustrato come usare NONCLUSTERED inline per tabelle basate su disco:

CREATE TABLE t1
(
    c1 INT,
    INDEX ix_1 NONCLUSTERED (c1)
);

CREATE TABLE t2
(
    c1 INT,
    c2 INT INDEX ix_1 NONCLUSTERED
);

CREATE TABLE t3
(
    c1 INT,
    c2 INT,
    INDEX ix_1 NONCLUSTERED (c1,c2)
);

U. Creare una tabella temporanea con una chiave primaria composta denominata in modo anonimo

Crea una tabella con una chiave primaria composta denominata in modo anonimo. Ciò è utile per evitare conflitti di runtime quando due tabelle temporanee con ambito sessione, ognuna in una sessione separata, usano lo stesso nome per un vincolo.

CREATE TABLE #tmp
(
    c1 INT,
    c2 INT,
    PRIMARY KEY CLUSTERED ([c1], [c2])
);
GO

Se si assegna in modo esplicito il vincolo, la seconda sessione genererà un errore, ad esempio:

Msg 2714, Level 16, State 5, Line 1
There is already an object named 'PK_#tmp' in the database.
Msg 1750, Level 16, State 1, Line 1
Could not create constraint or index. See previous errors.

Il problema sorge dal fatto che, mentre il nome della tabella temporanea è univoco, i nomi di vincolo non lo sono.

V. Uso di tabelle temporanee globali nel database SQL di Azure

La sessione A crea una tabella temporanea globale ##test nel database SQL di Azure testdb1 e aggiunge 1 riga

CREATE TABLE ##test (
    a INT,
    b INT
);

INSERT INTO ##test
VALUES (1, 1);

-- Obtain object ID for temp table ##test
SELECT OBJECT_ID('tempdb.dbo.##test') AS 'Object ID';

Questo è il set di risultati.

1253579504

Ottenere il nome di una tabella temporanea globale per un ID oggetto specifico (1253579504) in tempdb (2)

SELECT name FROM tempdb.sys.objects WHERE object_id = 1253579504;

Questo è il set di risultati.

##test

La sessione B si connette al database SQL di Azure testdb1 e può accedere alla tabella ##test creata dalla sessione A

SELECT * FROM ##test;

Questo è il set di risultati.

1, 1

La sessione C si connette a un altro database nel database SQL di Azure testdb2 e richiede l'accesso alla tabella ##test creata in testdb1. Questa selezione non riesce a causa dell'ambito del database per le tabelle temporanee globali

SELECT * FROM ##test

Viene generato l'errore seguente:

Msg 208, Level 16, State 0, Line 1
Invalid object name '##test'

Indirizzamento di un oggetto di sistema nel database SQL di Azure tempdb dal database utente corrente testdb1

SELECT * FROM tempdb.sys.objects;
SELECT * FROM tempdb.sys.columns;
SELECT * FROM tempdb.sys.database_files;

W. Abilitare i criteri di conservazione dei dati in una tabella

Nell'esempio seguente viene creata una tabella con la conservazione dei dati abilitata e un periodo di conservazione di 1 settimana. Questo esempio si applica solo a SQL Edge di Azure.

CREATE TABLE [dbo].[data_retention_table] 
(
  [dbdatetime2] datetime2(7), 
  [product_code] int, 
  [value] char(10)
) 
WITH (DATA_DELETION = ON ( FILTER_COLUMN = [dbdatetime2], RETENTION_PERIOD = 1 WEEKS ))

X. Creazione di una tabella di contabilità generale aggiornabile

Nell'esempio seguente viene creata una tabella ledger aggiornabile che non è una tabella temporale con una tabella di cronologia anonima (il sistema genererà il nome della tabella di cronologia) e il nome della vista ledger generata. Poiché i nomi delle colonne always generate obbligatorie e delle colonne aggiuntive nella vista Ledger non vengono specificati, le colonne avranno i nomi predefiniti.

CREATE SCHEMA [HR];
GO
CREATE TABLE [HR].[Employees]
(
    EmployeeID INT NOT NULL,
    Salary Money NOT NULL
)
WITH (SYSTEM_VERSIONING = ON, LEDGER = ON);
GO

Nell'esempio seguente viene creata una tabella che è sia una tabella temporale che una tabella di contabilità generale aggiornabile, con una tabella di cronologia anonima (con un nome generato dal sistema), il nome della vista ledger generato e i nomi predefiniti delle colonne always generate e delle colonne aggiuntive della vista Ledger.

CREATE SCHEMA [HR];
GO
CREATE TABLE [HR].[Employees]
(
    EmployeeID INT NOT NULL PRIMARY KEY,
    Salary Money NOT NULL,
    SysStartTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW START HIDDEN NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW END HIDDEN NOT NULL,
    PERIOD FOR SYSTEM_TIME (SysStartTime, SysEndTime)
)
WITH (SYSTEM_VERSIONING = ON, LEDGER = ON);
GO

Nell'esempio seguente viene creata una tabella che è sia una tabella temporale che una tabella di contabilità generale aggiornabile con la tabella di cronologia denominata in modo esplicito, il nome specificato dall'utente della vista Ledger e i nomi specificati dall'utente delle colonne always generate e delle colonne aggiuntive nella vista Ledger.

CREATE SCHEMA [HR];
GO
CREATE TABLE [HR].[Employees]
(
    EmployeeID INT NOT NULL PRIMARY KEY,
    Salary Money NOT NULL,
    StartTransactionId BIGINT GENERATED ALWAYS AS TRANSACTION_ID START HIDDEN NOT NULL,
    EndTransactionId BIGINT GENERATED ALWAYS AS TRANSACTION_ID END HIDDEN NULL,
    StartSequenceNumber BIGINT GENERATED ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER START HIDDEN NOT NULL,
    EndSequenceNumber BIGINT GENERATED ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER END HIDDEN NULL,
    SysStartTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW START HIDDEN NOT NULL,
    SysEndTime DATETIME2 GENERATED ALWAYS AS ROW END HIDDEN NOT NULL,
    PERIOD FOR SYSTEM_TIME (SysStartTime, SysEndTime)
)
WITH (
    SYSTEM_VERSIONING = ON (HISTORY_TABLE = [HR].[EmployeesHistory]),
    LEDGER = ON ( 
        LEDGER_VIEW = [HR].[EmployeesLedger] ( 
            TRANSACTION_ID_COLUMN_NAME = TransactionId,
            SEQUENCE_NUMBER_COLUMN_NAME = SequenceNumber,
            OPERATION_TYPE_COLUMN_NAME = OperationId, 
            OPERATION_TYPE_DESC_COLUMN_NAME = OperationTypeDescription
        )
    )
);
GO

Nell'esempio seguente viene creata una tabella ledger di sola accodamento con i nomi generati della vista Ledger e le colonne nella vista Ledger.

CREATE SCHEMA [AccessControl];
GO
CREATE TABLE [AccessControl].[KeyCardEvents]
(
    EmployeeID INT NOT NULL,
    AccessOperationDescription NVARCHAR (MAX) NOT NULL,
    [Timestamp] Datetime2 NOT NULL,
    StartTransactionId BIGINT GENERATED ALWAYS AS TRANSACTION_ID START HIDDEN NOT NULL,
    StartSequenceNumber BIGINT GENERATED ALWAYS AS SEQUENCE_NUMBER START HIDDEN NOT NULL
)
WITH (
    LEDGER = ON (
        LEDGER_VIEW = [AccessControl].[KeyCardEventsLedger] (
            TRANSACTION_ID_COLUMN_NAME = TransactionId,
            SEQUENCE_NUMBER_COLUMN_NAME = SequenceNumber,
            OPERATION_TYPE_COLUMN_NAME = OperationId, 
            OPERATION_TYPE_DESC_COLUMN_NAME = OperationTypeDescription
        ),
        APPEND_ONLY = ON
    )
);
GO

L'esempio seguente crea un database ledger in database SQL di Azure e una tabella ledger aggiornabile usando le impostazioni predefinite. La creazione di una tabella ledger aggiornabile in un database ledger non richiede l'uso di WITH (SYSTEM_VERSIONING = ON, LEDGER = ON); .

CREATE DATABASE MyLedgerDB ( EDITION = 'GeneralPurpose' ) WITH LEDGER = ON;
GO

CREATE SCHEMA [HR];
GO

CREATE TABLE [HR].[Employees]
(
    EmployeeID INT NOT NULL,
    Salary Money NOT NULL
)
GO

Passaggi successivi