Configurare una VPN da sito a sito tramite peering ExpressRoute Microsoft

Questo articolo illustra come configurare una connettività crittografata protetta tra la rete locale e le reti virtuali (VNet) di Azure tramite una connessione privata ExpressRoute. È possibile usare il peering Microsoft per stabilire un tunnel VPN IPsec/IKE da sito a sito tra le reti locali selezionate e le reti virtuali di Azure. La configurazione di un tunnel sicuro tramite ExpressRoute consente lo scambio di dati con riservatezza, impossibilità di riproduzione, autenticità e integrità.

Nota

Quando si configura una VPN da sito a sito tramite peering Microsoft vengono addebitati il gateway e i dati in uscita dalla VPN. Per altre informazioni, vedere Prezzi di Gateway VPN.

I passaggi e gli esempi in questo articolo usano i moduli Az di Azure PowerShell. Per installare il modulo Az nel computer locale, vedere Installare Azure PowerShell. Per altre informazioni, vedere Introduzione al nuovo modulo Az di Azure PowerShell. I cmdlet di PowerShell vengono aggiornati di frequente. Se non si esegue la versione più recente, i valori specificati nelle istruzioni potrebbero generare errori. Per trovare la versione installata di PowerShell nel sistema, usare il cmdlet Get-Module -ListAvailable Az.

Architettura

Panoramica sulla connettività

Per ottenere disponibilità elevata e ridondanza, è possibile configurare più tunnel sulle due coppie MSEE-PE di un circuito ExpressRoute e abilitare il bilanciamento del carico tra i tunnel.

Opzioni di disponibilità elevata

I tunnel VPN tramite peering Microsoft possono essere terminati tramite gateway VPN o con un'appliance di rete virtuale (NVA) idonea, disponibile su Microsoft Azure Marketplace. È possibile scambiare le route collegate staticamente o dinamicamente attraverso i tunnel crittografati senza esporre lo scambio delle route al peering Microsoft sottostante. Negli esempi contenuti in questo articolo, il protocollo BGP (diverso dalla sessione BGP usata per creare il peering Microsoft) viene usato per scambiare in modo dinamico i prefissi fra i tunnel crittografati.

Importante

Dal lato locale, in genere il peering Microsoft viene terminato nella rete perimetrale, mentre il peering privato viene terminato nella zona della rete core. Le due zone verranno isolate tramite firewall. Se si configura il peering Microsoft esclusivamente per l'abilitazione del tunneling protetto tramite ExpressRoute, è necessario filtrare solo gli indirizzi IP pubblici di interesse annunciati tramite il peering Microsoft.

Flusso di lavoro

  1. Configurare il peering Microsoft per un circuito ExpressRoute.
  2. Annunciare i prefissi pubblici regionali di Azure selezionati sulla rete locale tramite il peering Microsoft.
  3. Configurare un gateway VPN e stabilire un tunnel IPsec
  4. Configurare un dispositivo VPN locale.
  5. Creare una connessione IPsec/IKE da sito a sito.
  6. (Facoltativo) Configurare firewall/filtri sul dispositivo VPN locale.
  7. Test e convalida delle comunicazioni IPsec tramite il circuito ExpressRoute.

1. Configurare il peering Microsoft

Per configurare una connessione VPN da sito a sito tramite ExpressRoute è necessario sfruttare il peering ExpressRoute Microsoft.

Dopo avere configurato il circuito e il peering Microsoft sarà possibile visualizzarlo facilmente tramite la pagina Panoramica nel portale di Azure.

circuito

2. Configurare i filtri di route

Un filtro di route consente di identificare i servizi da usare tramite il peering Microsoft del circuito di ExpressRoute. Si tratta essenzialmente di un elenco di tutti i valori della community BGP consentiti.

filtro della route

In questo esempio, la distribuzione è solo nella regione Stati Uniti occidentali 2. Viene aggiunta una regola di filtro della route per consentire solo l'annuncio di prefissi regionali della regione Stati Uniti occidentali 2 di Azure, che ha il valore di community BGP 12076:51026. Specificare i prefissi regionali che si desidera consentire selezionando Gestisci regola.

All'interno del filtro della route è anche necessario scegliere i circuiti ExpressRoute ai quali il filtro si applica. È possibile scegliere i circuiti ExpressRoute selezionando Aggiungi circuito. Nella figura precedente, il filtro della route è associato al circuito ExpressRoute di esempio.

2.1 Configurare un filtro della route

Configurare un filtro della route. Per istruzioni, vedere Configurare i filtri di route per il peering Microsoft.

2.2 Verificare una route BGP

Dopo avere creato il peering Microsoft tramite il circuito ExpressRoute e avere associato un filtro della route al circuito è possibile verificare le route BGP ricevute dagli MSEE sui dispositivi PE che eseguono il peering con gli MSEE. Il comando di verifica varia a seconda del sistema operativo dei dispositivi PE.

Esempi Cisco

In questo esempio viene usato un comando Cisco IOS-XE. Nell'esempio sono usati un routing virtuale e un'istanza di inoltro (VRF) per isolare il traffico di peering.

show ip bgp vpnv4 vrf 10 summary

L'output parziale seguente mostra che sono stati ricevuti 68 prefissi dal router * adiacente .243.229.34 con ASN 12076 (MSEE):

...

Neighbor        V           AS MsgRcvd MsgSent   TblVer  InQ OutQ Up/Down  State/PfxRcd
X.243.229.34    4        12076   17671   17650    25228    0    0 1w4d           68

Per visualizzare l'elenco dei prefissi ricevuti dal router adiacente, usare l'esempio seguente:

sh ip bgp vpnv4 vrf 10 neighbors X.243.229.34 received-routes

Per confermare la ricezione del set di prefissi corretto è possibile effettuare una verifica incrociata. L'output del comando di Azure PowerShell seguente elenca i prefissi annunciati tramite peering Microsoft per ogni servizio e area di Azure:

Get-AzBgpServiceCommunity

3. Configurare il gateway VPN e i tunnel IPsec

In questa sezione vengono creati i tunnel VPN IPsec tra il gateway VPN di Azure e il dispositivo VPN locale. Gli esempi usano dispositivi VPN Cisco Router per servizio Cloud (CSR1000).

Il diagramma seguente mostra i tunnel della VPN IPsec stabiliti tra il dispositivo VPN locale 1 e la coppia di istanza di gateway VPN di Azure. I due tunnel VPN IPsec stabiliti tra il dispositivo VPN locale 2 e la coppia di istanza di gateway VPN di Azure non sono illustrati nel diagramma e i dettagli di configurazione non sono elencati. Tuttavia, la presenza di altri tunnel VPN migliora la disponibilità elevata.

Tunnel VPN

Tramite la coppia di tunnel IPsec viene stabilita una sessione eBGP per scambiare le route della rete privata. Il diagramma seguente mostra la sessione di eBGP stabilita attraverso la coppia di tunnel IPsec:

sessioni eBGP sulla coppia di tunnel

Il diagramma seguente mostra una panoramica astratta della rete di esempio:

rete di esempio

Informazioni sugli esempi di modello di Azure Resource Manager

Negli esempi, il gateway VPN e le terminazioni dei tunnel IPsec vengono configurati tramite un Modello di Azure Resource Manager. Se non si ha familiarità con l'uso di modelli di Resource Manager o si desidera apprendere le nozioni di base del modello di Resource Manager, vedere Comprendere la struttura e la sintassi dei modelli di Azure Resource Manager. Il modello contenuto in questa sezione crea un ambiente Azure greenfield (VNet). Tuttavia, se si dispone di una rete virtuale già esistente, è possibile farvi riferimento nel modello. Se non si ha familiarità con la configurazione da sito a sito IPsec/IKE di gateway VPN, vedere Creare una connessione da sito a sito.

Nota

Non è necessario usare i modelli di Azure Resource Manager per creare questa configurazione. Questa configurazione può essere creata tramite il portale di Azure o PowerShell.

3.1 Dichiarare le variabili

In questo esempio, le dichiarazioni di variabili corrispondono alla rete di esempio. Quando si dichiara una variabile è possibile modificare questa sezione per riflettere l'ambiente.

  • La variabile localAddressPrefix è una matrice di indirizzi IP locali usata per terminare i tunnel IPsec.
  • La variabile gatewaySku determina la velocità effettiva VPN. Per altre informazioni sulle variabili gatewaySku e vpnType, vedere Impostazioni di configurazione del gateway VPN. Per i prezzi, vedere Prezzi di Gateway VPN.
  • Impostare i valore vpnType su RouteBased.
"variables": {
  "virtualNetworkName": "SecureVNet",       // Name of the Azure VNet
  "azureVNetAddressPrefix": "10.2.0.0/24",  // Address space assigned to the VNet
  "subnetName": "Tenant",                   // subnet name in which tenants exists
  "subnetPrefix": "10.2.0.0/25",            // address space of the tenant subnet
  "gatewaySubnetPrefix": "10.2.0.224/27",   // address space of the gateway subnet
  "localGatewayName": "localGW1",           // name of remote gateway (on-premises)
  "localGatewayIpAddress": "X.243.229.110", // public IP address of the on-premises VPN device
  "localAddressPrefix": [
    "172.16.0.1/32",                        // termination of IPsec tunnel-1 on-premises 
    "172.16.0.2/32"                         // termination of IPsec tunnel-2 on-premises 
  ],
  "gatewayPublicIPName1": "vpnGwVIP1",    // Public address name of the first VPN gateway instance
  "gatewayPublicIPName2": "vpnGwVIP2",    // Public address name of the second VPN gateway instance 
  "gatewayName": "vpnGw",                 // Name of the Azure VPN gateway
  "gatewaySku": "VpnGw1",                 // Azure VPN gateway SKU
  "vpnType": "RouteBased",                // type of VPN gateway
  "sharedKey": "string",                  // shared secret needs to match with on-premises configuration
  "asnVpnGateway": 65000,                 // BGP Autonomous System number assigned to the VPN Gateway 
  "asnRemote": 65010,                     // BGP Autonmous Syste number assigned to the on-premises device
  "bgpPeeringAddress": "172.16.0.3",      // IP address of the remote BGP peer on-premises
  "connectionName": "vpn2local1",
  "vnetID": "[resourceId('Microsoft.Network/virtualNetworks', variables('virtualNetworkName'))]",
  "gatewaySubnetRef": "[concat(variables('vnetID'),'/subnets/','GatewaySubnet')]",
  "subnetRef": "[concat(variables('vnetID'),'/subnets/',variables('subnetName'))]",
  "api-version": "2017-06-01"
},

3.2 Creare una rete virtuale (VNet)

Per associare una rete virtuale esistente con i tunnel VPN è possibile ignorare questo passaggio.

{
  "apiVersion": "[variables('api-version')]",
  "type": "Microsoft.Network/virtualNetworks",
  "name": "[variables('virtualNetworkName')]",
  "location": "[resourceGroup().location]",
  "properties": {
    "addressSpace": {
      "addressPrefixes": [
        "[variables('azureVNetAddressPrefix')]"
      ]
    },
    "subnets": [
      {
        "name": "[variables('subnetName')]",
        "properties": {
          "addressPrefix": "[variables('subnetPrefix')]"
        }
      },
      {
        "name": "GatewaySubnet",
        "properties": {
          "addressPrefix": "[variables('gatewaySubnetPrefix')]"
        }
      }
    ]
  },
  "comments": "Create a Virtual Network with Subnet1 and Gatewaysubnet"
},

3.3 Assegnare indirizzi IP pubblici a istanze di gateway VPN

Assegnare un indirizzo IP pubblico a ogni istanza di un gateway VPN.

{
  "apiVersion": "[variables('api-version')]",
  "type": "Microsoft.Network/publicIPAddresses",
    "name": "[variables('gatewayPublicIPName1')]",
    "location": "[resourceGroup().location]",
    "properties": {
      "publicIPAllocationMethod": "Dynamic"
    },
    "comments": "Public IP for the first instance of the VPN gateway"
  },
  {
    "apiVersion": "[variables('api-version')]",
    "type": "Microsoft.Network/publicIPAddresses",
    "name": "[variables('gatewayPublicIPName2')]",
    "location": "[resourceGroup().location]",
    "properties": {
      "publicIPAllocationMethod": "Dynamic"
    },
    "comments": "Public IP for the second instance of the VPN gateway"
  },

3.4 specificare la terminazione del tunnel VPN locale (gateway di rete locale)

I dispositivi VPN locali vengono detti gateway di rete locali. Il seguente frammento di codice json specifica anche i dettagli di peer BGP remoto:

{
  "apiVersion": "[variables('api-version')]",
  "type": "Microsoft.Network/localNetworkGateways",
  "name": "[variables('localGatewayName')]",
  "location": "[resourceGroup().location]",
  "properties": {
    "localNetworkAddressSpace": {
      "addressPrefixes": "[variables('localAddressPrefix')]"
    },
    "gatewayIpAddress": "[variables('localGatewayIpAddress')]",
    "bgpSettings": {
      "asn": "[variables('asnRemote')]",
      "bgpPeeringAddress": "[variables('bgpPeeringAddress')]",
      "peerWeight": 0
    }
  },
  "comments": "Local Network Gateway (referred to your on-premises location) with IP address of remote tunnel peering and IP address of remote BGP peer"
},

3.5 Creare il gateway VPN

Questa sezione del modello consente di configurare il gateway VPN con le impostazioni necessarie per una configurazione attiva-attiva. Tenere presente quanto segue:

  • Creare il gateway VPN con variabile VpnType "RouteBased". Questa impostazione è obbligatoria per abilitare il routing BGP tra il gateway VPN e la VPN locale.
  • Per stabilire tunnel VPN tra le due istanze del gateway VPN e un dispositivo locale specifico in modalità attivo-attivo, il parametro "activeActive" nel modello di Resource Manager sarà impostato su true. Per altre informazioni sui gateway VPN a disponibilità elevata, vedere Connettività a disponibilità elevata di gateway VPN.
  • Per configurare una sessione eBGP tra i tunnel VPN è necessario specificare due ASN diversi su entrambi i lati. È preferibile specificare numeri ASN privati. Per altre informazioni, vedere Panoramica dei gateway VPN di BGP e Azure.
{
"apiVersion": "[variables('api-version')]",
"type": "Microsoft.Network/virtualNetworkGateways",
"name": "[variables('gatewayName')]",
"location": "[resourceGroup().location]",
"dependsOn": [
  "[concat('Microsoft.Network/publicIPAddresses/', variables('gatewayPublicIPName1'))]",
  "[concat('Microsoft.Network/publicIPAddresses/', variables('gatewayPublicIPName2'))]",
  "[concat('Microsoft.Network/virtualNetworks/', variables('virtualNetworkName'))]"
],
"properties": {
  "ipConfigurations": [
    {
      "properties": {
        "privateIPAllocationMethod": "Dynamic",
        "subnet": {
          "id": "[variables('gatewaySubnetRef')]"
        },
        "publicIPAddress": {
          "id": "[resourceId('Microsoft.Network/publicIPAddresses',variables('gatewayPublicIPName1'))]"
        }
      },
      "name": "vnetGtwConfig1"
    },
    {
      "properties": {
        "privateIPAllocationMethod": "Dynamic",
        "subnet": {
          "id": "[variables('gatewaySubnetRef')]"
        },
        "publicIPAddress": {
          "id": "[resourceId('Microsoft.Network/publicIPAddresses',variables('gatewayPublicIPName2'))]"
        }
      },
          "name": "vnetGtwConfig2"
        }
      ],
      "sku": {
        "name": "[variables('gatewaySku')]",
        "tier": "[variables('gatewaySku')]"
      },
      "gatewayType": "Vpn",
      "vpnType": "[variables('vpnType')]",
      "enableBgp": true,
      "activeActive": true,
      "bgpSettings": {
        "asn": "[variables('asnVpnGateway')]"
      }
    },
    "comments": "VPN Gateway in active-active configuration with BGP support"
  },

3.6 Stabilire un tunnel IPsec

L'azione finale dello script crea tunnel IPsec tra il gateway VPN di Azure e il dispositivo VPN locale.

{
  "apiVersion": "[variables('api-version')]",
  "name": "[variables('connectionName')]",
  "type": "Microsoft.Network/connections",
  "location": "[resourceGroup().location]",
  "dependsOn": [
    "[concat('Microsoft.Network/virtualNetworkGateways/', variables('gatewayName'))]",
    "[concat('Microsoft.Network/localNetworkGateways/', variables('localGatewayName'))]"
  ],
  "properties": {
    "virtualNetworkGateway1": {
      "id": "[resourceId('Microsoft.Network/virtualNetworkGateways', variables('gatewayName'))]"
    },
    "localNetworkGateway2": {
      "id": "[resourceId('Microsoft.Network/localNetworkGateways', variables('localGatewayName'))]"
    },
    "connectionType": "IPsec",
    "routingWeight": 0,
    "sharedKey": "[variables('sharedKey')]",
    "enableBGP": "true"
  },
  "comments": "Create a Connection type site-to-site (IPsec) between the Azure VPN Gateway and the VPN device on-premises"
  }

4. Configurare il dispositivo VPN locale

Il gateway VPN di Azure è compatibile con molti dispositivi VPN di fornitori diversi. Per informazioni sulla configurazione e i dispositivi idonei all'uso con gateway VPN, vedere Informazioni sui dispositivi VPN.

Per la configurazione del dispositivo VPN è necessario quanto segue:

  • Chiave condivisa. Si tratta della stessa chiave condivisa che viene specificata durante la creazione della connessione VPN da sito a sito. Negli esempi viene usata una chiave condivisa semplice. È consigliabile generare una chiave più complessa per l'uso effettivo.
  • Si tratta dell'indirizzo IP pubblico del gateway VPN. È possibile visualizzare l'indirizzo IP pubblico usando il portale di Azure, PowerShell o l'interfaccia della riga di comando. Per trovare l'indirizzo IP pubblico del gateway VPN usando il portale di Azure, passare a Gateway di rete virtuali, quindi fare clic sul nome del gateway.

In genere i peer eBGP sono connessi direttamente (spesso tramite una connessione WAN). Tuttavia, quando si configura eBGP tramite tunnel VPN IPsec con peering Microsoft ExpressRoute, esistono più domini di routing tra i peer eBGP. Usare il comando ebgp multihop per stabilire la relazione di adiacenza eBGP tra i due peer non connessi direttamente. Il valore intero che segue il comando ebgp-multihop specifica il valore TTL nei pacchetti BGP. Il comando maximum-paths eibgp 2 consente il bilanciamento del carico del traffico tra i due percorsi BGP.

Esempio di Cisco CSR1000

Nell'esempio seguente viene illustrata la configurazione per Cisco CSR1000 su una macchina virtuale Hyper-V come dispositivo VPN locale:

!
crypto ikev2 proposal az-PROPOSAL
 encryption aes-cbc-256 aes-cbc-128 3des
 integrity sha1
 group 2
!
crypto ikev2 policy az-POLICY
 proposal az-PROPOSAL
!
crypto ikev2 keyring key-peer1
 peer azvpn1
  address 52.175.253.112
  pre-shared-key secret*1234
 !
!
crypto ikev2 keyring key-peer2
 peer azvpn2
  address 52.175.250.191
  pre-shared-key secret*1234
 !
!
!
crypto ikev2 profile az-PROFILE1
 match address local interface GigabitEthernet1
 match identity remote address 52.175.253.112 255.255.255.255
 authentication remote pre-share
 authentication local pre-share
 keyring local key-peer1
!
crypto ikev2 profile az-PROFILE2
 match address local interface GigabitEthernet1
 match identity remote address 52.175.250.191 255.255.255.255
 authentication remote pre-share
 authentication local pre-share
 keyring local key-peer2
!
crypto ikev2 dpd 10 2 on-demand
!
!
crypto ipsec transform-set az-IPSEC-PROPOSAL-SET esp-aes 256 esp-sha-hmac
 mode tunnel
!
crypto ipsec profile az-VTI1
 set transform-set az-IPSEC-PROPOSAL-SET
 set ikev2-profile az-PROFILE1
!
crypto ipsec profile az-VTI2
 set transform-set az-IPSEC-PROPOSAL-SET
 set ikev2-profile az-PROFILE2
!
!
interface Loopback0
 ip address 172.16.0.3 255.255.255.255
!
interface Tunnel0
 ip address 172.16.0.1 255.255.255.255
 ip tcp adjust-mss 1350
 tunnel source GigabitEthernet1
 tunnel mode ipsec ipv4
 tunnel destination 52.175.253.112
 tunnel protection ipsec profile az-VTI1
!
interface Tunnel1
 ip address 172.16.0.2 255.255.255.255
 ip tcp adjust-mss 1350
 tunnel source GigabitEthernet1
 tunnel mode ipsec ipv4
 tunnel destination 52.175.250.191
 tunnel protection ipsec profile az-VTI2
!
interface GigabitEthernet1
 description External interface
 ip address x.243.229.110 255.255.255.252
 negotiation auto
 no mop enabled
 no mop sysid
!
interface GigabitEthernet2
 ip address 10.0.0.1 255.255.255.0
 negotiation auto
 no mop enabled
 no mop sysid
!
router bgp 65010
 bgp router-id interface Loopback0
 bgp log-neighbor-changes
 network 10.0.0.0 mask 255.255.255.0
 network 10.1.10.0 mask 255.255.255.128
 neighbor 10.2.0.228 remote-as 65000
 neighbor 10.2.0.228 ebgp-multihop 5
 neighbor 10.2.0.228 update-source Loopback0
 neighbor 10.2.0.228 soft-reconfiguration inbound
 neighbor 10.2.0.228 filter-list 10 out
 neighbor 10.2.0.229 remote-as 65000    
 neighbor 10.2.0.229 ebgp-multihop 5
 neighbor 10.2.0.229 update-source Loopback0
 neighbor 10.2.0.229 soft-reconfiguration inbound
 maximum-paths eibgp 2
!
ip route 0.0.0.0 0.0.0.0 10.1.10.1
ip route 10.2.0.228 255.255.255.255 Tunnel0
ip route 10.2.0.229 255.255.255.255 Tunnel1
!

5. Configurare i filtri dei dispositivi VPN e i firewall (facoltativo)

Configurare firewall e filtri in base alle esigenze.

6. Testare e convalidare il tunnel IPsec

Lo stato dei tunnel IPsec può essere verificato nel gateway VPN di Azure tramite comandi Powershell:

Get-AzVirtualNetworkGatewayConnection -Name vpn2local1 -ResourceGroupName myRG | Select-Object  ConnectionStatus,EgressBytesTransferred,IngressBytesTransferred | fl

Output di esempio:

ConnectionStatus        : Connected
EgressBytesTransferred  : 17734660
IngressBytesTransferred : 10538211

Per controllare lo stato dei tunnel nelle istanze del gateway VPN di Azure in modo indipendente, usare l'esempio seguente:

Get-AzVirtualNetworkGatewayConnection -Name vpn2local1 -ResourceGroupName myRG | Select-Object -ExpandProperty TunnelConnectionStatus

Output di esempio:

Tunnel                           : vpn2local1_52.175.250.191
ConnectionStatus                 : Connected
IngressBytesTransferred          : 4877438
EgressBytesTransferred           : 8754071
LastConnectionEstablishedUtcTime : 11/04/2017 17:03:30

Tunnel                           : vpn2local1_52.175.253.112
ConnectionStatus                 : Connected
IngressBytesTransferred          : 5660773
EgressBytesTransferred           : 8980589
LastConnectionEstablishedUtcTime : 11/04/2017 17:03:13

È anche possibile controllare lo stato dei tunnel sul dispositivo VPN locale.

Esempio con Cisco CSR1000:

show crypto session detail
show crypto ikev2 sa
show crypto ikev2 session detail
show crypto ipsec sa

Output di esempio:

csr1#show crypto session detail

Crypto session current status

Code: C - IKE Configuration mode, D - Dead Peer Detection
K - Keepalives, N - NAT-traversal, T - cTCP encapsulation
X - IKE Extended Authentication, F - IKE Fragmentation
R - IKE Auto Reconnect

Interface: Tunnel1
Profile: az-PROFILE2
Uptime: 00:52:46
Session status: UP-ACTIVE
Peer: 52.175.250.191 port 4500 fvrf: (none) ivrf: (none)
      Phase1_id: 52.175.250.191
      Desc: (none)
  Session ID: 3
  IKEv2 SA: local 10.1.10.50/4500 remote 52.175.250.191/4500 Active
          Capabilities:DN connid:3 lifetime:23:07:14
  IPSEC FLOW: permit ip 0.0.0.0/0.0.0.0 0.0.0.0/0.0.0.0
        Active SAs: 2, origin: crypto map
        Inbound:  #pkts dec'ed 279 drop 0 life (KB/Sec) 4607976/433
        Outbound: #pkts enc'ed 164 drop 0 life (KB/Sec) 4607992/433

Interface: Tunnel0
Profile: az-PROFILE1
Uptime: 00:52:43
Session status: UP-ACTIVE
Peer: 52.175.253.112 port 4500 fvrf: (none) ivrf: (none)
      Phase1_id: 52.175.253.112
      Desc: (none)
  Session ID: 2
  IKEv2 SA: local 10.1.10.50/4500 remote 52.175.253.112/4500 Active
          Capabilities:DN connid:2 lifetime:23:07:17
  IPSEC FLOW: permit ip 0.0.0.0/0.0.0.0 0.0.0.0/0.0.0.0
        Active SAs: 2, origin: crypto map
        Inbound:  #pkts dec'ed 668 drop 0 life (KB/Sec) 4607926/437
        Outbound: #pkts enc'ed 477 drop 0 life (KB/Sec) 4607953/437

Il protocollo di linea sulla VTI (Virtual Tunnel Interface) non cambia in "up" fino a quando la fase IKE 2 non è stata completata. Il comando seguente verifica l'associazione di sicurezza:

csr1#show crypto ikev2 sa

IPv4 Crypto IKEv2  SA

Tunnel-id Local                 Remote                fvrf/ivrf            Status
2         10.1.10.50/4500       52.175.253.112/4500   none/none            READY
      Encr: AES-CBC, keysize: 256, PRF: SHA1, Hash: SHA96, DH Grp:2, Auth sign: PSK, Auth verify: PSK
      Life/Active Time: 86400/3277 sec

Tunnel-id Local                 Remote                fvrf/ivrf            Status
3         10.1.10.50/4500       52.175.250.191/4500   none/none            READY
      Encr: AES-CBC, keysize: 256, PRF: SHA1, Hash: SHA96, DH Grp:2, Auth sign: PSK, Auth verify: PSK
      Life/Active Time: 86400/3280 sec

IPv6 Crypto IKEv2  SA

csr1#show crypto ipsec sa | inc encaps|decaps
    #pkts encaps: 177, #pkts encrypt: 177, #pkts digest: 177
    #pkts decaps: 296, #pkts decrypt: 296, #pkts verify: 296
    #pkts encaps: 554, #pkts encrypt: 554, #pkts digest: 554
    #pkts decaps: 746, #pkts decrypt: 746, #pkts verify: 746

Verificare la connettività end-to-end tra la rete interna locale e la rete virtuale di Azure

Se i tunnel IPsec sono attivi e le route statiche sono state impostate correttamente, sarà possibile effettuare il ping dell'indirizzo IP del peer BGP remoto:

csr1#ping 10.2.0.228
Type escape sequence to abort.
Sending 5, 100-byte ICMP Echos to 10.2.0.228, timeout is 2 seconds:
!!!!!
Success rate is 100 percent (5/5), round-trip min/avg/max = 5/5/5 ms

#ping 10.2.0.229
Type escape sequence to abort.
Sending 5, 100-byte ICMP Echos to 10.2.0.229, timeout is 2 seconds:
!!!!!
Success rate is 100 percent (5/5), round-trip min/avg/max = 4/5/6 ms

Verificare le sessioni BGP su IPsec

Sul gateway VPN di Azure, verificare lo stato del peer BGP:

Get-AzVirtualNetworkGatewayBGPPeerStatus -VirtualNetworkGatewayName vpnGtw -ResourceGroupName SEA-C1-VPN-ER | ft

Output di esempio:

  Asn ConnectedDuration LocalAddress MessagesReceived MessagesSent Neighbor    RoutesReceived State    
  --- ----------------- ------------ ---------------- ------------ --------    -------------- -----    
65010 00:57:19.9003584  10.2.0.228               68           72   172.16.0.10              2 Connected
65000                   10.2.0.228                0            0   10.2.0.228               0 Unknown  
65000 07:13:51.0109601  10.2.0.228              507          500   10.2.0.229               6 Connected

Per verificare l'elenco dei prefissi di rete ricevuti tramite eBGP dal concentratore VPN locale è possibile usare il filtro "Origin":

Get-AzVirtualNetworkGatewayLearnedRoute -VirtualNetworkGatewayName vpnGtw -ResourceGroupName myRG  | Where-Object Origin -eq "EBgp" |ft

Nell'esempio di output, il numero ASN 65010 è il numero di sistema autonomo BGP sulla VPN locale.

AsPath LocalAddress Network      NextHop     Origin SourcePeer  Weight
------ ------------ -------      -------     ------ ----------  ------
65010  10.2.0.228   10.1.10.0/25 172.16.0.10 EBgp   172.16.0.10  32768
65010  10.2.0.228   10.0.0.0/24  172.16.0.10 EBgp   172.16.0.10  32768

Per visualizzare l'elenco di route annunciate:

Get-AzVirtualNetworkGatewayAdvertisedRoute -VirtualNetworkGatewayName vpnGtw -ResourceGroupName myRG -Peer 10.2.0.228 | ft

Output di esempio:

AsPath LocalAddress Network        NextHop    Origin SourcePeer Weight
------ ------------ -------        -------    ------ ---------- ------
       10.2.0.229   10.2.0.0/24    10.2.0.229 Igp                  0
       10.2.0.229   172.16.0.10/32 10.2.0.229 Igp                  0
       10.2.0.229   172.16.0.5/32  10.2.0.229 Igp                  0
       10.2.0.229   172.16.0.1/32  10.2.0.229 Igp                  0
65010  10.2.0.229   10.1.10.0/25   10.2.0.229 Igp                  0
65010  10.2.0.229   10.0.0.0/24    10.2.0.229 Igp                  0

Esempio per Cisco CSR1000 locale:

csr1#show ip bgp neighbors 10.2.0.228 routes
BGP table version is 7, local router ID is 172.16.0.10
Status codes: s suppressed, d damped, h history, * valid, > best, i - internal,
              r RIB-failure, S Stale, m multipath, b backup-path, f RT-Filter,
              x best-external, a additional-path, c RIB-compressed,
              t secondary path,
Origin codes: i - IGP, e - EGP, ? - incomplete
RPKI validation codes: V valid, I invalid, N Not found

     Network          Next Hop            Metric LocPrf Weight Path
 *>   10.2.0.0/24      10.2.0.228                             0 65000 i
 r>   172.16.0.1/32    10.2.0.228                             0 65000 i
 r>   172.16.0.2/32    10.2.0.228                             0 65000 i
 r>   172.16.0.3/32   10.2.0.228                             0 65000 i

Total number of prefixes 4

L'elenco delle reti annunciate dal dispositivo CSR1000 Cisco locale per il gateway VPN di Azure può essere visualizzato con il comando seguente:

csr1#show ip bgp neighbors 10.2.0.228 advertised-routes
BGP table version is 7, local router ID is 172.16.0.10
Status codes: s suppressed, d damped, h history, * valid, > best, i - internal,
              r RIB-failure, S Stale, m multipath, b backup-path, f RT-Filter,
              x best-external, a additional-path, c RIB-compressed,
              t secondary path,
Origin codes: i - IGP, e - EGP, ? - incomplete
RPKI validation codes: V valid, I invalid, N Not found

     Network          Next Hop            Metric LocPrf Weight Path
 *>   10.0.0.0/24      0.0.0.0                  0         32768 i
 *>   10.1.10.0/25     0.0.0.0                  0         32768 i

Total number of prefixes 2

Passaggi successivi